Cronaca/Editoriali/Interno/Politica

“Ora però piantatela”: di Marco Travaglio

(di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – “Ora che ci sono le foto, le intercettazioni, le denunce dell’Ong “buona” Save the children e le testimonianze dell’agente sotto copertura dello Sco, cioè praticamente abbiamo il film di ciò che accade nel Mediterraneo e che il procuratore catanese Carmelo Zuccaro aveva provato – fra un insulto e l’altro – a descrivere a parole a un Parlamento che cadeva dalle nuvole, le chiacchiere stanno a zero. Chi ha insultato il magistrato che segnalava un pericolo e chiedeva mezzi per indagare dandogli del razzista o del complice della Lega, gli chieda scusa. E chi ancora è prigioniero di pregiudizi ideologici – tipo che tutte le Ong hanno sempre ragione perché salvano i migranti – se ne liberi al più presto e prenda contatto con la realtà, documentata oltre ogni ragionevole dubbio dai pm e dal gip di Trapani. I fatti risalgono a giugno, cioè a un mese dopo le polemiche sugli allarmi di Zuccaro. Con la disinvoltura tipica di chi ha l’“abitudine” a fare così (espressione usata dal procuratore Ambrogio Cartosio) e la certezza dell’impunità, i bravi volontari tedeschi dell’Ong Jugend Rettet continuavano imperterriti a spingersi con le loro navi fin dentro le acque territoriali libiche (fino a 13 miglia dalla costa), a contattare gli scafisti per darsi appuntamento al largo, ad attendere i loro gommoni o pescherecci pericolanti, a caricare a bordo centinaia di migranti a botta e, dopo aver congedato i trafficanti con sorrisi e saluti (“sta arrivando tanta gente!”), a riconsegnare loro le imbarcazioni (anziché tagliarle e affondarle, come fanno le Ong serie), trainandole fino alla costa libica per poter essere riutilizzate in altre consegne – scrive Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano nell’editoriale di oggi 4 agosto 2017, dal titolo “Ora però piantatela”.
Il tutto sotto lo sguardo complice della Guardia costiera libica che dovrebbe stroncare i traffici e arrestarne i responsabili, invece con le sue motovedette fungeva da scorta armata degli scafisti e dei loro simpatici favoreggiatori “umanitari”. Essendo anche le barche della Jugend Rettet piuttosto fatiscenti, i giovanotti tedeschi avevano buon gioco a chiedere “aiuto” ad altre Ong più attrezzate, perché rilevassero il carico di profughi ed effettuassero la pronta consegna in uno a scelta dei porti siciliani. Così, quando i disperati toccavano il suolo italiano, non c’era traccia non solo degli scafisti (mai usciti dalle acque libiche, dunque non identificabili né punibili), ma neppure della Jugend (che non risulta proprio alle nostre autorità: le sue navi non hanno mai visto un porto italiano): invisibile sia chi porta sia chi smista i migranti. Un servizio taxi in piena regola. E un sistema perfetto per garantire soldi facili e zero rischi a tutti.
Agli scafisti, che arraffano i risparmi dei migranti, risparmiano pure sulle imbarcazioni (viste le poche miglia tra la costa e i “salvatori”) e poi magari girano qualche mancia ai militari libici che chiudono un occhio, anzi due. Ma anche all’Ong made in Germany, grazie alle copiose donazioni della brava gente commossa dai filmati strappalacrime sui “salvataggi” (si fa per dire: in assenza di pericoli di vita, i pm parlano di “consegne concordate”). Tanto poi il conto lo pagano gli italiani, con un’immigrazione sempre più selvaggia e incontrollata. Naturalmente la Jugend Rettet è una delle Ong che hanno prima respinto con sdegno gli allarmi di Zuccaro che l’aveva inserita fra quelle più sospette e meno collaborative (e ora si capisce il perché) e ora hanno rifiutato di firmare il Codice di condotta del Viminale (e ora si capisce il perché).
Le scuse la conosciamo: le Ong sono “neutrali” (fra scafisti e poliziotti?) e allergiche alle armi (solo a quelle della polizia giudiziaria?). Ma anche queste si rivelano barzellette. La Jugend era talmente neutrale da collaborare amorevolmente con gli scafisti, ma non con lo Stato italiano. Infatti i suoi volontari si vantavano: “Non daremo mai un contributo… nessuna fotografia in cui potrebbero essere identificabili persone la guida delle imbarcazioni, perché la polizia potrebbe arrestarle”. E, per maggiore chiarezza, appena un loro natante (di solito battente bandiera olandese) entrava in acque libiche, issava a poppa il vessillo di Tripoli e a prua il grazioso cartello “Fuck Imrc” (acronimo del Centro internazionale di coordinamento del soccorso marittimo).
Chi non vuole vedere né capire dirà: è tutto a fin di bene. Può darsi, ma a fin di bene si possono compiere disastri, e anche reati, e nessuno Stato di diritto può consentirlo. Altri parleranno del solito caso isolato, la classica mela marcia nel cestino di quelle sane: improbabile, anche perché altre procure, Catania in testa, indagano su altre Ong. Quindi, per favore, nessuno dica più che il Codice Viminale-Ue è immotivato: il caso Jugend spiega plasticamente perché è indispensabile. A cominciare dalle due che hanno indotto anche un’organizzazione seria come Medici senza frontiere a non firmare: la presenza della polizia giudiziaria (che non dipende dal governo, ma direttamente dalla magistratura) per individuare scafisti e complici e scoprire o prevenire reati; e il divieto di trasbordo dei migranti da una nave all’altra (salvo casi di emergenza) per spezzare quelle catene di Sant’Antonio in alto mare che aiutano chi traffica e favoreggia a cancellare le proprie tracce. Sappiamo benissimo che non tutte le Ong sono uguali e ne esistono anche di serie e benemerite (speriamo la maggior parte). Benissimo: è il momento che vengano fuori e si distinguano dalle altre firmando senza se e senza ma il protocollo del Viminale e collaborando con la polizia giudiziaria come Save the children. Così avremo una white list di organizzazioni che non hanno nulla da nascondere e possono continuare a operare nel Mediterraneo; e una black list di furbacchioni da rispedire al mittente.[…]

Articolo intero su Il Fatto Quotidiano in edicola oggi.

Annunci

19 thoughts on ““Ora però piantatela”: di Marco Travaglio

  1. Bene, tutto è bene quel che finisce bene, i “trafficanti” o, per meglio dire, i complici dei trafficanti, peraltro sotto l’aureola del buonismo, sono stati smascherati; vita dura per i migranti e finalmente i nostri porti dovranno accontentarsi di qualche turista capitato per caso. Onore e gloria al nostro governo per lo sforzo sovrumano a cui si è dovuto sottoporre. Ma è proprio così o in pratica non è successo nulla per frenare l’arrivo di migranti? Non è successo nulla se non nel breve termine, quel tanto che basta per dare fiato alle trombe ed inondare di meriti un governo che non è ha. I migranti (chiunque essi siano) continueranno a venire in Italia sapendo di poter contare in una sicura accoglienza. Finché lo Stato Italiano non dirà, non solo a parole ma nei fatti, che non se ne possono prendere più, tutto il resto, navi, ONG, Libia ecc. sarà sempre una scusa per non risolvere il problema.

    • Gentile vale a
      O vala (per dirlo alla Presidenta Buldrini se donna), non capisco perché fai pretestuosamente le pulci a Travaglio e non le fai invece ai nostri politici coglioni di sinistra, corrotti e pseudo buonisti, che non hanno fatto e non fanno a tutt’oggi, altro che un colossale business con tutte le loro cooperative sparse sul tutto il territorio nazionale. E tra l’altro e concludo, ma Travaglio non è stato considerato razzista, quando solo e solo lui come giornalista scriveva articoli sui sospetti di una presunta associazione a delinquere dedita al traffico di essere umani, con l’avallo doloso e colposo di tutti i buonisti sempre di sinistra coma in primis la benemerita Presidenta ?. Quindi, dal momento che qualunque cosa dica Travaglio e quelli che pensano come lui, per te in malafede è sempre sbagliato (comportamento coerentemente tipico ed atavico della sinistra), mi sa che c’è l’hai tu un problema con i neuroni. Ti invito, pertanto, a riflettere, se hai l’onestà intellettuale e la volontà le farlo. Ti saluto e a buon sperare.

      • Travaglio, spesso non sono d’accordo, ma sono sicuro che tu non sia uno stupido. Le tue argomentazioni, seppur discutibili e sempre e solo “contro tutti”, sono apprezzabili per i toni civili, documentate, e testimoniano padronanza dei congiuntivi. Doti non comuni sul web.
        Peró.. Peró Travaglio.. Come mai da quando il M5S ha deciso di cavalcare la lotta all’immigrazione, per accaparrarsi qualche voto in più (a scapito della “sinistra” del movimento che scalcia), perchè solo da quel momento si è schierato??
        Non va bene Travaglio. Un giornalista dovrebbe essere fermo, integerrimo, fiero. Ed invece vedo una bandiera che sventola insieme a Grillo. Non va bene, direttore.
        Questo “schierarsi” lo aspettavamo da mesi.
        Non va bene così, direttore.

    • Scusa io non so tu da quanti anni segui travaglio,io un bel po di anni e credimi lui non si schiera con nessuna forza politica,lui e solo per la verità’,ed e stato sempre.al fianco della verità ,lui e stato il primo ha svelare le magagne di Berlusconi dell,utri e un certo mafioso,non ricordo se era manna o toto rina scegli tu..,..in fede ciro

      • In risposta a Lorenzo e a tutti quelli che subdolamente insinuano della presa di posizione di Travaglio a favore dei 5 stelle ricordo della notizia delle polizze intestate alla Raggi che uscì proprio dalla sua penna sul Fatto Quotidiano mentre lei era a colloquio con i giudici.. strano modo di schierarsi.. potrei fare altri esempi di notizie date a svantaggio del movimento. Per giudicare una persona dovreste seguirla costantemente per anni e invece per alcuni bastano poche righe lette qua e la per farsi un’idea certa su qualunque cosa. Travaglio sembra essere “alleato” dei 5 stelle perchè entrambi sono (intellettualmente e non) persone “oneste”

    • Cara Vale, le tue parole lasciano trapelare che non segui e non hai mai seguito questo giornalista. Si vede che preferisci Bruno Vespa.. quello che nelle sue trasmissioni ad esempio racconta che Andreotti è stato assolto per il reato di associazione a delinquere di stampo mafioso. Brava

  2. Brave persone questi tedeschi!! Prima ci gassano con le loro auto e adesso ci riempiono di clandestini!! Il lupo perde il pelo ma non il vizio

  3. In un sistema in cui tutto è marcio,anche le ONG hanno dimostrato di essere marce, cioè sistemi per fare soldi facili (vedi video de “La gabbia” che nessuno cita, e “La Gabbia” è stata chiusa,guarda caso. Fatevene una ragione, sono marce anche loro, e l’unica soluzione è CHIUDERE I PORTI!

  4. Gia, sembra che ad un burocrate, cosi’ come ad un comune cittadino rimangano solo due scelte.
    O fa il suo dovere venendo emarginato come razzista o complice dei leghisti ( che alcuni ritengono un’offesa), ouppure compra il patentino di buono a prescindere scendendo a patti con enti pseudo caritatevoli, mafia inclusa, che gli garantiranno un appropriato aiutino in cambio della sua anima. 😉

  5. in tutto questo rimpallarsi di buonisti, cattivisti, individui snob e rozzi, nazi e ultrasinistri, giornalisti paraculi e giornalisti cialtroni, ong vere e ong da salotto, resta inascoltata e non vista la terribile sorte della “merce” umana che è alla base di tutto, trattata come non so…la carne d’allevamento cinese che non risponde ai criteri dell’unione europea e viene quindi o rimandata indietro o distrutta. O nella migliore delle ipotesi selezionata in base al fatto che provenga da allevamenti selezionati (zone di guerra) o da filiere non tracciabili (poveracci morti di fame

  6. Amo la capacità di informazione di Travaglio, ma purtroppo in questo caso noto una deficienza nel sapere, nel momento in cui viene chiesta la firma senza se e senza ma del protocollo.
    Alcune delle richieste -imposte- nello stesso vanno contro il Codice di Condotta Umanitario, riconosciuto a livello internazionale.
    La firma del protocollo da parte di Save the Children non indica l’accettabilità della proposta, ma -per gli addetti ai lavori- una specie di svendita dei principi fondanti alla base del lavoro umanitario in cambio di visibilità, consenso e probabilmente fondi (che nelle ultime settimane hanno visto una decrescita a seguito della percezione generale data da questi scandali in mare)

    Le Ong serie lavorano ovunque senza la presenza di armi. Molti cooperanti/umanitari sono morti per aver scelto di tener fede a questo principio.
    Quanto preteso dallo Stato italiano -e da chi parla a vanvera cercando solo l’ennesimo,sbagliato nemico da accusare per trovare soluzioni facili- è, tra le altre, uno schiaffo alla memoria di chi ha perso la vita dopo averla dedicata a chi ne aveva più bisogno.

    • il fine imprescindibile di salvare vite val bene la presenza di qualche poliziotto a bordo. si deve tener presente che parliamo del traffico di esseri umani. sarei daccordo con lei se esistesse un corridoio umanitario – ovvero legale – ma non è così. si realizza l’assurdo che perseguendo il loro elevatissimo obiettivo le ong contribuiscono ad una vera e propria tratta, un reato abietto forse più dell’omicidio

  7. elio coglione e o testa di cazzo la storia dell ong riguarda atutt’oggi un caso,che serve per ompere le palle a chi invece lo fa con serietà,,alludi alle cooperative perchè le piu ‘consistenti e in evidenza sono quelle legate al movimento cooperativo,ma in realtà la maggioranza sono dell’area centrista includendo quelle della casta comunione eliberazione che nel nord soprattutto fanno il bello e cattivo tempo in vari ambiti,buonista si,di fronte ad unesodo cosi’ massiccio cosa vorresti fare coglionazzo

  8. Tutto giusto. Condivido. Speravo che l'”ora però piantatela” del titolo si riferisse al passare oltre questa cosa della ONG tedesca. Adesso che abbiamo salvato il mondo da questa catastrofe immane come se fosse la madre di tutti i problemi legati all’arrivo dei migranti, vogliamo provare a riprendere una prospettiva un po’più ampia e tornare a pensare a quali potrebbero essere soluzioni a fenomeni enormi e complessi (di cui le attività delle ONG, lecite o meno, sono un risultato, non la causa)? Magari utilizzando le stesse energie e lo stesso rigore per macro fenomeni, invece che per fenomeni collaterali (è tutto sommato ininfluenti?) A questo speravo si riferisse il piantatela, invece no….peccato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...