Cronaca/Editoriali/Interno

Vuoi un pitbull? Prendi il porto d’armi

Non basta il patentino, com’è stato proposto. A nessuna persona avente i requisiti psichici verrebbe mai in mente di possedere un cane del genere

 

(di Camillo Langone – ilfoglio.it) – Non il patentino, il porto d’armi. Se mi trovano addosso un taser, strumento capace di tenere a distanza gli alloctoni che dopo l’imbrunire si dedicano alle rapine dentro e davanti alla stazione di Parma, rischio l’arresto, se invece mi vedono con un pitbull rischio di passare per un amante degli animali. Eppure non si è mai sentito di un bambino fulminato da un taser, mentre di bambini sbranati da pitbull (o rottweiler o dogo o altre schifosissime razze da combattimento) sono piene le cronache. Non il patentino, com’è stato proposto, per detenere una di queste bestie letali ci vorrebbe un vero porto d’armi. Siccome per ottenere il porto d’armi bisogna avere i requisiti psichici (“assenza di disturbi mentali, di personalità e comportamentali”), il problema verrebbe risolto alla radice: a nessuna persona avente i requisiti psichici verrebbe mai in mente di possedere un cane del genere.

Annunci

One thought on “Vuoi un pitbull? Prendi il porto d’armi

  1. “Abbiamo sconfitto l’apartheid ma dobbiamo ancora combattere il resto dei pregiudizi rimasti nella testa della gente.” Nadine Gordimer

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...