Cronaca/Editoriali/Interno/Politica

“Istruzioni per il voto”: editoriale di Marco Travaglio

(pressreader.com) – di Marco Travaglio da Il Fatto Quotidiano del 20 febbraio – Lo sanno tutti, perché chi comanda nell’ombra ha già deciso così, ma nessuno lo dice: la sera del 4 marzo i maggiori partiti che hanno sgovernato l’Italia negli ultimi 24 anni, cioè FI, Pd e i centrini loro alleati rinnegheranno le solenni promesse “larghe intese mai” e daranno vita (si fa per dire) a un governo di larghe intese guidato da Paolo Gentiloni, noto frequentatore di se stesso. Che però, verosimilmente, non avrà la maggioranza né alla Camera né al Senato. Quindi si provvederà a ingaggiare l’ala maroniana della Lega (in cambio di un ministero a Maroni, che ha appositamente rinunciato al bis di governatore in Lombardia) e ad acquistare i 5 o 6 eletti nei 5Stelle espulsi per storie di massoneria o di mancate donazioni dai propri stipendi (che, da putribondi figuri in campagna elettorale, diventeranno insigni statisti “responsabili” e “moderati” per il governissimo che fa benissimo). Si spiegano così due fatti accaduti domenica: l’assenza di B. e Salvini alla manifestazione anti-inciucio indetta da Giorgia Meloni; e la risposta di Renzi a Massimo Giletti sulle larghe intese: “Nessuna alleanza con gli estremisti”, cioè “con i 5Stelle e con un centrodestra a trazione leghista”.

Dunque con FI sì, perché sarebbe “moderata”, così come i leghisti maroniani e i vecchi democristiani di centrodestra che si fanno chiamare Noi con l’Italia: personcine ammodo come Cesa, Fitto e Formigoni. Naturalmente saranno della partita gli ex berlusconiani candidati nel Pd e nelle liste fiancheggiatrici. Cioè +Europa di Emma Bonino, che nel ’94 non si fece problemi a convivere con B., Dell’Utri e Previti, anzi ne sposò sempre le posizioni anti-magistrati, anti-Statuto dei lavoratori e pro-guerre in Afghanistan e in Iraq (ovviamente in nome di Gandhi). E Civica Popolare di Lorenzin&Casini che, dopo una vita trascorsa con B., non avranno problemi a tornare all’ovile di Arcore. Questa orrenda ammucchiata sarebbe, per l’Italia, il peggio del peggio. Peggio persino di un governo di centrodestra, che avrebbe almeno il pregio di premiare chi ha vinto e non chi ha perso le elezioni; di risparmiarci il quinto governo consecutivo non legittimato dalle urne, con conseguente lacerazione democratica e sociale; di far nascere una sinistra moderna dalle ceneri del fu Pd; e di rinfrescare la memoria agli italiani, vaccinandoli per sempre dall’eterno ritorno del Caimano frodatore e puttaniere travestito da nonnino buono e rassicurante, tutto canile e famiglia.

Ormai l’establishment si muove come se le Larghissime Intese, per tener fuori anche stavolta chi vince le elezioni, fossero cosa fatta.

Gentiloni rassicura la Merkel che, dopo il voto, l’Italia avrà un “governo stabile e non populista”, cioè uguale a quelli di prima: per lui il fonte battesimale del Parlamento non sono gli elettori, ma qualche terrazza romana, un paio di banche tedesche e un pugno di fondi d’investimento inglesi. Intanto i politicanti e gli opinionisti al seguito passano il tempo a dissuadere noi elettori dall’idea malsana che il nostro voto conti qualcosa e che il nuovo governo dipenda dal risultato delle elezioni. Lo fanno per scoraggiarci dal votare per chi si opporrebbe all’inciucio, cioè i 5Stelle, Fratelli d’Italia e forse Liberi e Uguali (ma D’Alema ha scriteriatamente evocato un “governo del Presidente”). E per farci intruppare tra le file dell’astensionismo, che tutti deplorano a parole ma fomentano nei fatti, nella speranza che alle urne vadano solo gli elettori comprati, controllati, ricattati e quelli liberi se ne stiano a casa. Il resto lo fanno le tv e i giornaloni, con tre mosse a tenaglia. 1) Nobilitano i voltagabbana (dei 350 che hanno cambiato casacca nell’ultima legislatura, i partiti ne ricandidano 100), elogiando preventivamente i prossimi tradimenti degli elettori per sostenere l’inciucione. 2) Ingigantiscono le pagliuzze di chi non ci sta (la decina di parlamentari 5Stelle che si sono tenuti lo stipendio diventano peggio dei ladri e dei mafiosi) e rimpiccioliscono le travi di chi ci sta (silenzio sugli 81 indagati o imputati, quasi tutti nelle liste Pd, FI e centriste, molti per aver rubato rimborsi pubblici per spese private; zero tituli in prima pagina su Repubblica, Stampa e Messaggero per lo scandalo delle tangenti in Campania, la fuga di De Luca jr. e l’aggressione alla cronista di Fanpage). 3) Vista l’impopolarità di Renzi & C., creano il mito di Emma Bonino, facendo credere agli antirenziani di centrosinistra che votare Emma sia un dispetto a Matteo, mentre è l’opposto: se +Europa non supera il 3%, tutti i suoi voti vanno al Pd, cioè a Renzi; se +Europa supera il 3%, porta in Parlamento una pattuglia di radical-berlusconian-democristiani (c’è pure Tabacci) prontissimi al governissimo. L’ha detto la stessa Bonino a Radio Capital: “Larghe intese? Dopo il voto si vedrà cosa si può fare. Con Berlusconi ho già governato. Purché non ci sia Salvini”. Ma fior di intellettuali “di sinistra” ci sono già cascati: voteranno Bonino contro Renzi. Più che un voto, un ossimoro.

Ma, anche se è tutto già deciso alle nostre spalle, non è detto che la Banda Larga abbia i numeri per l’ennesimo golpe. Per strano che possa sembrare, dipende proprio da noi elettori. Purché conosciamo le conseguenze del nostro voto, che tutti si sforzano di spacciare per inutile e invece non è mai stato così utile. Chi non vota aiuta l’inciucio. Chi vota una delle liste di centrosinistra (Pd, +Europa, CP e Insieme) sceglie l’inciucio. Così come chi vota FI, NcI e Lega. Chi non vuole le larghissime intese ha quattro opzioni: M5S, LeU (sperando che Grasso non ceda alle sirene mattarelliane), Potere al Popolo (che però difficilmente supererà il 3%, dunque i suoi voti, senza alleati, andranno dispersi) e, a destra, FdI. Tutto il resto è Renzusconi.

8 thoughts on ““Istruzioni per il voto”: editoriale di Marco Travaglio

  1. Che il prossimo governo sia di larghe intese cioè l’inciucio, sembra ormai sicuro perché l’unico possibile per i numeri e per le benedizioni; che il prossimo premier sia Gentiloni, tutto da verificare. Infatti quest’ultimo altro non è se non una ruota di scorta da usare in caso di foratura, come è già stato fatto, e visto la sua malleabilità verso l’establissement viene di nuovo richiesto. Come si suol dire i conti non si fanno senza l’oste, cioè Renzi, che nella prossima e probabile coalizione sarà, per i numeri, il pretendente numero uno alla carica di presidente e non potrà lasciarsi scappare l’unica e ultima occasione per riemergere: adesso o mai più! Il Presidente della Repubblica, come al solito, dà delle indicazioni ma chi decide sono i capi dei partiti e nel caso specifico Berlusconi: Gira e rigira, siamo sempre a quel punto. Il potere che conta, per i propri interessi, ha usato Berlusconi, il quale stando al gioco, anche lui per i propri interessi (grande esperto in materia), deciderà il destino di Renzi, cioè la carica di Presidente, operazione che tacitamente gli tornerà molto utile.

    • Sono pienamente in sintonia con lei, sarà perchè leggo sempre il Fatto, voterò potere al popolo, rischiando l’inutilotà del voto ma la politoca sull’immigrazione dei 5 stelle non mi convince affatto.Abbanfonare le persone alla morte e alla non vita dovuta a fame, guerra, violenze e schiavitù ,lontano dagli occhi, alla Minniti non mi convince affatto. Grazie sermpre per quello che fa per garantirci una informazione più corretta possibile.

  2. E vai con le condizioni perchè si costituiscano nuovamente orde benemerite come furono le BR. E grossa responsabilità l’avrà il castrato del colle con la Corte Costituzionale prendendosi tempi biblici per dichiarare incostituzionale una legge elettorale che, anche uno studente al primo anno di giurisprudenza, riesce a giudicare tale.

  3. La Bonino e la Lorenzin che brindano a prossimo giro di valzer assieme a Berlusconi con Gentiloni premier.
    Ma siamo su ‘Scherzi a parte’?? Questo è da colpo apoplettico peggiore di quello che venne a Gullotta quando gli fecero trovare una tigre nel garage con lui bloccato dentro!! Dov’è la telecamera?? Quando finisce lo scherzo??

  4. Propongo sigla per questo corpaccione assurdo.. ISV= I senza vergogna, o anche.. TFL= Tutto fuorché lavorare, o ancora ISIEVNSUC= Io sono io e voi non siete un c….!
    La democrazia? Se lo chiedete a loro, la pensano come Napolitano: “Le elezioni sono una iattura!”:
    Pensiamoci quando avremo la matita in mano, a proposito, occhio che il rischio di rendere nullo il voto è altissimo. Documentatevi bene su COME mettere la croce..

  5. Insomma, non ci sarà mai un governo di cambiamento vero. Vedrete che i giornaloni all’indomani del voto diranno ogni fesseria, ogni controsenso sarà giustificato sull’altare delle Larghissime intese. Maledetti!

  6. Benissimo Dottor Travaglio , allora formiamo il partito ” Io non voterò “che sicuramente vincerebbe le elezioni. Purtroppo oggi mantenere questo sistema fa comodo a troppe persone e qualsiasi sia il risultato non cambierà niente i personaggi sono sempre gli stessi e le New entry dovranno operare all ‘ interno del su citato sistema che li inghiottira . Cordiali saluti

    • Non votare sarebbe utile se lo facessero il 100% degli aventi diritto ma visto che questa ipotesi è impossibile, il non voto (come bene sanno i porci dell’establishment) va’ a gonfiare le vele delle larghe intese perché come ovvio, i più ferventi elettori sono a) clientele b) contraenti di voto di scambio c) vecchi rincoglioniti che credono ancora esistano i vecchi ideali dei partiti di destra/sinistra d) quelli che se vedessero Silvio e Matteo uscire armati da una banca dopo una rapina, direbbero che hanno disarmato i malviventi e che hanno recuperato la refurtiva.. eh sennò perché reggerebbero un sacco?! Non c’è altra ipotesi!!
      Quindi, voti chi le pare ma vada a votare, capisco che la legge elettorale sia offesa all’intelligenza e che la proposta politica sia imbarazzante, ma, se non vuole darla vinta ai responsabili del merdaio che ci circonda bisogna adottare la nuova resistenza a questa forma di sfascismo. Dobbiamo reagire e non fare quello che loro vorrebbero e cioè stare a casa e far pesare i ‘loro’ voti.. ma andare IN MASSA A VOTARE.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.