Cronaca/Editoriali/Interno/Marco Travaglio/Politica

A mia!?, di Marco Travaglio

(pressreader.com) – di Marco Travaglio da Il Fatto Quotidiano del 29 maggio 2018 – Ma perché Mattarella l’ha fatto?
Se davvero voleva agevolare il tanto auspicato governo politico, per parlamentarizzare e costituzionalizzare le due forze “antisistema” uscite trionfanti dalle urne, perché non ha raccolto l’assist che gli porgeva il prof. Savona confermando fedeltà all’Europa e all’euro, insieme all’auspicio da tutti condiviso (anche, pubblicamente, da Mattarella) di una Ue diversa, più forte ed equa?

Perché ha silurato un governo politico espresso dalla maggioranza parlamentare per sostituirlo con un governo tecnico espresso da un’infima minoranza (il Pd), per giunta spacciandolo per “neutro”?

E perché s’è presentato alla stampa a venderci un frittomisto di frottole (lo spread e il debito pubblico attribuiti agli unici partiti che in questi 7 anni non hanno mai governato) e illazioni (le profezie di sventura, un po’ meno scientifiche dell’oroscopo, sui nostri risparmi in fumo a causa del prof. Savona)?

Le possibili risposte sono soltanto tre.

1) Un intervento esterno tanto violento e irresistibile quanto illegittimo e inconfessabile. Sappiamo per certo che né la Bce di Draghi né il governo francese (Macron aveva appena telefonato a Conte, “ansioso di lavorare insieme”) hanno espresso timori per il nuovo governo e il suo ministro dell’Economia tali da giustificare l’incredibile niet, anzi nein del Presidente italiano. Anche la Commissione Ue va esclusa, visto che il commissario all’Economia Moscovici era parso conciliante dopo le pubbliche rassicurazioni del premier incaricato sul rispetto degli impegni europei. Resta il governo tedesco, bersaglio in passato degli strali di Savona: se la prima gallina che canta è quella che ha fatto l’uovo, colpiscono le minacce del portavoce della Merkel: “Ovviamente ci saranno dei problemi. Anche con la Grecia di Tsipras ce ne furono, e poi ci siamo accordati”. Per non parlare del ministro tedesco alla Ue, Michael Roth, che pretende “presto un governo stabile pro europeo”. Se si scoprisse che il veto del Quirinale è figlio di un diktat tedesco, potrebbe persino avere un senso l’impeachment invocato da M5S e FdI, altrimenti inutile, macchinoso e forzato se non come reazione impulsiva al golpettino bianco.

2) Mattarella, pressato dai poteri marci che dominano l’Italia come una colonia, alla fine non se l’è sentita di dare il via libera a un governo di cambiamento senza prima affermare la pretesa incostituzionale di dettargli la linea politica (che spetta al premier). Si è fatto portavoce dell’Ancien Régime allergico ai cambiamenti che fin da subito ha vomitato come corpi estranei i marziani Di Maio e Salvini.
Ed è ricaduto nel tragico e miope errore del predecessore, che cinque anni fa pensò di esorcizzare i 5Stelle tenendoli fuori con ammucchiate sempre più improbabili e “riforme” sempre più impopolari, nella speranza che sparissero da soli, col risultato opposto a quello desiderato: gonfiare le loro vele e pure quelle della Lega.
L’eterogenesi dei fini del pompiere che diventa piromane e, anziché spegnere l’incendio, getta altra benzina sul fuoco è tutta nella scena di Cottarelli e delle sue cariatidi al governo coi voti dell’unico partito che giurava opposizione a qualunque governo. È il replay del ritorno dei decrepiti re “codini” imparruccati e impomatati, rimessi sui troni nel 1815 dal Congresso di Vienna dopo Napoleone. E avrà l’unico effetto di regalare altri voti alla Lega, forse al M5S, certamente all’astensione. Così il prossimo governo che Mattarella dovrà battezzare non sarà il Salvimaio con Savona, ma magari un Berlusalvini che ci (e gli) farà rimpiangere Savona.

3) Dopo lungo letargo, Re Sergio s’è fatto dominare da un qualche residuo di ombrosità e stizzosità siciliane nascoste nel suo Dna, trasformando una ripicca personale in una catastrofe istituzionale.
Come il suo corregionale Filippo Mancuso che nel ’95, dopo una vita trascorsa a obbedir tacendo, trascinò il governo Dini a un passo dal baratro perché, sfiduciato dagli altri ministri e dalla maggioranza per la sua guerra personale alle Procure di Milano e Palermo, non voleva saperne di dimettersi.
Indro Montanelli, sul Corriere, lo paragonò a un appuntato lavativo della Divisione Messina che aveva conosciuto sul fronte greco-albanese della Seconda guerra mondiale: “Era siciliano, si chiamava Rapisarda ed era impossibile coglierlo a corto di scuse per sottrarsi alla dura vita ed ai pericoli della trincea. Giustificava, ed anzi nobilitava, questa sua renitenza dicendo che non voleva sparare contro i greci, che a lui non avevano fatto nulla di male… Ma un giorno che in trincea dovette fare capolino, fu colpito di striscio alla guancia da una scheggia di mortaio. Greco. Rapisarda si terse il sangue della ferita, poco più che uno sgraffio, si guardò la mano, e con aria niente affatto impaurita, ma tra stupefatta e indignata, esclamò: ‘a mia!?’, a me!? Da quel momento il lavativo scomparve, ed al suo posto subentrò una specie di kamikaze che, dichiarata ai greci una sua guerra personale, senza nessun rapporto con quella dell’esercito italiano, vi si condusse in modo tale da guadagnarsi, nello spazio di pochi mesi, altre due ferite ed altrettante medaglie al valore”.

I Rapisarda e i Mancuso – aggiungeva il grande Indro – “escono pari pari dalla galleria di quei personaggi siciliani che popolano la narrativa del siciliano Pirandello…
Convinti di qualche loro ragione o diritto, cominciano ad arzigogolarci sopra, ne fanno un chiodo fisso della loro esistenza, picchiandoci sopra, se il martello gli si spezza, la testa: ed alla fine, sordi a ogni voce di fuori, ci si murano dentro, come il protagonista della ‘Giara’… Bel mi’ Rapisarda che la guerra la faceva per ‘a mia’.
Ma lo diceva e rimase sempre ‘appuntato’”. Non Capo dello Stato.[…]

10 thoughts on “A mia!?, di Marco Travaglio

  1. Ovviamente è la numero 2: confindustria infatti non ha perso tempo a schierarsi con mattarella.
    Tutti esultano e godono perché il M5S non andrà al governo. Della lega non frega niente a nessuno perché sanno benissimo che ci andrà, anzi ci ritornerà insieme a berlusconi. Per la gioia dei mercati e dei risparmiatori! 😀

  2. Il commissario Ué Oettinger poco fa:”I mercati insegneranno agli italiani a votare in modo giusto”.
    Commissario europeo al bilancio Hunter Oettinger, esponente dell’Unione cristiano democratica di Angela Merkel.
    Non so se ci rendiamo conto.. mi sa che dopo questa ulteriore perla GLI ITALIANI INSEGNERANNO AI BUROCRATI (peraltro evidentemente idioti se non capiscono che questa frase aumenterà di una decina di punti la percentuale dei ‘populismi’) A STARE ZITTI E A POSARE IL FIASCO..

  3. E nessuno lo rende noto.. curioso..
    C’è un tweet di un premio Nobel per l’economia ma nessuno se lo fila.. chissà come mai..
    Tweet di Paul Krugman,premio Nobel:
    “Faith in the single currency trumps democracy? Really? European instituctons already suffering lack of legitimacy due to democratic deficit. This Will male things much worse.”

    “La fede nella moneta unica supera la democrazia? Veramente? Le istituzioni europee stanno già soffrendo di mancanza di legittimità a causa del deficit democratico. Questo renderà le cose molto peggiori.”

  4. Ma Direttore, se Mattarella non fosse stato siciliano non avrebbe certo potuto sfogare il suo pregiudizio accampando come spiegazione, appigliandosi al racconto montanelliano(suo mentore fascista che non a caso fu razzista contro i siciliani), che il PDR è lavativo, geloso o mosso da ripicca a causa del suo dna.

    Se fMattarella osse stato piemontese come lei sarebbe stato un lavativo solo perchè lavativo. Dunque mi congratulo con lei per la dichiarazione di razzismo verso i siciliani che emerge chiaramente nella sua ridicola terza ipotesi che la classifica per quello che è, un quaquaraquà nordico perche quaquaraquà ma mosso dal pregiudizio perche nordico. Sfogare astio contro Matterella perchè siciliano non la aiuterà a mandare giu la sconfitta, piuttosto prenda la sua bella dose di malox, in supposte.

  5. Travaglio la sua fantanalisi è intrisa del razzismo e la discriminazione che lei da tipico piemontese possiede innati dall’unità d Italia. Ha perso ancora una volta la possibilità di tacere e si è connotato per quello che è. Mi auguro che il suo giornale venga letto da sempre meno persone e che lei smetta di spacciare idiozie offensive per presunte riflessioni / allucinazioni.

  6. La cosa che mi stupisce moltissimo è che nessun costituzionalista (Zagrebelsky dove sei?!) denunci la gravità di quanto è avvenuto, che purtroppo diventa un precedente.
    Infatti, il caso previti del ’94 (quando ancora non si sapeva niente delle mazzette sme e imi-sir) era l’unico della storia dove il pres. della repubblica rifiuta la nomina di un ministro per ragioni formali che riguardano la persona (il conflitto di interessi dell’avvocato fininvest che fa il min. della giustizia) facendone quindi una questione di opportunità. Il caso napolitano-gratteri non è mai stato confermato da nessuno degli interessati, infatti non si conoscono le ragioni del rifiuto, anche se si possono facilmente intuire.
    Oggi invece, per la prima volta nella storia della repubblica, il capo dello stato rifiuta la nomina di un ministro per le sue idee politiche. Senza entrare nel merito della questione (si può essere leggittimamente pro o contro l’euro e l’UE), mattarella ha attentato alla costituzione perché:

    1) ha motivato il rifiuto della nomina per ragioni politiche che non sono di sua competenza;
    2) ha mentito al popolo perché ha accusato paolo savona di cose che non ha mai detto (l’uscita dall’euro) e che cmq non erano nelle sue intenzioni, né in quelle del nascente governo conte;
    3) ha messo in relazione le idee di savona con le scelte dei mercati finanziari, cosa demenziale e priva di fondamento. Infatti lo spread oggi è arrivato a 300;
    4) ha detto che sarebbe un suo dovere “tutelare i risparmiatori” arrogandosi un altro diritto che la costituzione non gli riconosce. Sono questioni politiche che spettano esclusivamente al pres. del consiglio e al governo.

    E tutelarli poi da chi? Dallo spread? Sarebbe bastata un’intervista di savona dove esclude categoricamente l’uscita dall’euro, punto. E cmq oggi lo spread è a 300, di chi è la colpa?
    Anche questo diventa un precedente: il pres. della repubblica nomina i ministri o li rifiuta a seconda delle idee politiche e può inventarsi qualsiasi pretesto.
    E perché tutelare solo i risparmiatori? Ci sono anche gli operai, i falegnami, i ferrotranvieri, i pescatori, gli idraulici. Quelli chi li tutela?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.