Cronaca/Interno/Politica

Il giornalone unico in piazza a Torino nel nome degli affari

(themeticulous.it) – Da “L’altra Italia” a “Spallata al governo”: i titoli dei giornali brandiscono la “riscossa civile” per rilanciare l’Alta Velocità. Salvini nicchia con l’alt del M5S ma intanto si prenota Terzo valico e Pedemontana. Poi zittisce Berlusconi: “Pericolo di una dittatura? Detto da lui fa ridere”

Le piazze, specie quelle partecipate, sono sempre una buona notizia. Quando su un legittimo e benvenuto esercizio di partecipazione cala il racconto dei media, delle preferenze politico-culturali dei loro cronisti e dei loro editori, però, la faccenda si fa più scivolosa. Cosa si potrebbe scrivere oggi del peso effettivo di “Roma dice basta”, ovvero della manifestazione in piazza del Campidoglio che si meritò una diretta tv e ponderosi articoli sui giornali, alla luce della scarsa partecipazione al referendum sull’Atac cavalcato dall’opposizione alla Giunta Raggi?

SULLA PIAZZA di Torino -20, forse trenta, magari quarantamila persone, così ci si può gingillare con corsi e ricorsi storici – ieri sono calati fiumi di inchiostro che ruotavano attorno a due concetti: il governo traballa, fare il Tav è puro “buon senso”. Una narrazione da cui numeri, studi sull’utilità dell’opera e possibili controproposte vengono estromessi. A che servono? I manifestanti e i loro aedi si sono già autoproclamati “competenti” e tutti i giornali citano deliziati il cartello “Il principale problema è l’incompetenza”.

Il fatto che a piazza Castello, oltre a tanti cittadini, ci fossero pure molta politica e un bel pezzo di potere economico cittadino è invece un dettaglio ritenuto poco significativo: sì, c’erano i politici “ma niente che rimandi alla propaganda delle rispettive botteghe. Si è lasciato spazio alla riscossa civica, senza etichette” (Il Messaggero); “intravisti (sic) tra la folla Mariastella Gelmini, Piero Fassino e alcuni deputati leghisti piemontesi, senza rabbia (?)” (Corriere della Sera).

La cronaca di Repubblica inizia, lirica, con l’uomo che s’era inventato una petizione pro-Tav su change.org: “Non l’avrebbe mai immaginata, Mino Giachino da Canale d’Alba, una piazza tanto piena ai suoi piedi”. Seguono parecchie righe senza trovare mai il tempo di ricordarci che il caro Giachino, già seconda fila Dc, fu sottosegretario ai Trasporti dell’esecrato Silvio Berlusconi tra il 2008 e il 2011.

In quota Gianni Letta. Tra tanti disinteressati ci pensa Luca Zaia, viceré veneto, a spiegarci che va bene Sì Tav ma soprattutto Sì Pedemontana (Corriere della Sera), un classico project financing in cui lo Stato paga e il privato incassa. Il Sole 24 Ore dà senz’altro la parola a Dario Gallina, capo degli industriali di Torino, manifestante: “Vogliamo che ci sia almeno un rappresentante delle forze economiche e sociali all’interno della struttura tecnica di missione del ministero incaricata di effettuare l’analisi costi-benefici”.

Per quale motivo dovrebbe esserci è difficile da capire, ma ormai tutto si può dire visto che le ideatrici della manifestazione vogliono andare da Sergio Mattarella per “chiedergli un garante super partes nella commissione che deciderà il Tav” (La Stampa). A Mattarella. I competenti, però, sono così: parlano di “penali e quanto ne conseguirebbe” (Repubblica) che sono esplicitamente escluse negli accordi, né desumibili dai contratti visto che non ne è stato firmato neanche uno; gioiscono in coro attorno alle bandiere olimpiche “Torino 2006” in piazza dimenticandosi che fu proprio quel grande evento a scassare i conti della città, dissesto che ha poi finito per portare in Comune l’odiata Chiara Appendino; infine si deliziano con le citazioni di Cavour (“Maestà, dobbiamo governare anche per quelli che non capiscono”, Il Messaggero), finendo per dimostrare che è la monarchia, e neanche una delle migliori, l’habitat istituzionale più adatto a questo malfondato senso di superiorità.

POI CI SONO quelli che sperano – legittimo, ma forse un po’ velleitario – che la piazza di Torino butti giù l’esecutivo: “Messaggio al governo” , dice il Corriere. “Spallata al governo”, è il titolone del Giornale, il cui direttore Alessandro Sallusti ritiene che i convenuti di Piazza Castello manifestassero “per la libertà”(?), ma al fondo ha interessi di più bassa levatura politica, casualmente coincidenti con quelli del fratello del suo editore, tal Silvio Berlusconi: “Questa piazza è il primo segno tangibile (…) che c’è vita oltre i Cinquestelle”; “Mi chiedo per quanto ancora Salvini possa tenere il piede in due scarpe. Quella piazza cerca un leader che la rappresenti, ma questo leader non può essere allo stesso tempo complice di Di Maio”.

Insomma, la piazza è di centrodestra e, non osando sperare in Berlusconi, uomo ritroso, vorrebbe Salvini. Vola alto La Stampa: “Torino, l’altra Italia”, il titolone; “Una sfida per la modernità”, l’editoriale del direttore. Se uno ritiene che il Tav sia un pessimo affare, e lo ritengono pure un bel po’ di analisi accademiche, è “un luddista del XXI secolo” ed è contro tutto, pure “la creatività dei singoli” e “lo Stato di Diritto (sic)”che invece erano, ritiene Maurizio Molinari, nella piattaforma della manifestazione (a noi era sembrato di vedere più interesse nel cancellare la Ztl, ma forse abbiamo visto male).

Anche l’editoriale del Corriere, pur meno futurista, punta sulla “piazza interclassista che non si rassegna al declino“: pare che il dilemma Tav non sia se spendere soldi in una nuova infrastruttura visti i volumi di traffico e l’esistenza di trafori già sottoutilizzati, ma “o si sta dentro i flussi internazionali di persone/merci o si rinuncia alla crescita”. Così, secco. Alla fine, dicono, niente sarà più come prima: “Torino si è ricongiunta con la sua anima più profonda: città laboratorio. Sabato 10 novembre è un inizio” (La Stampa). Ce n’est qu’un début, per carità, ma pure una fine: “La manifestazione ha segnato una svolta. Bloccare la Tav sarà molto difficile e l’ennesima marcia indietro dei 5 Stelle sarà forse inevitabile” (Repubblica).

Michele Serra, sempre su Repubblica, sancisce la sconfitta dei No Tav e spera anzi che “il loro isolamento non generi disperazione o violenza, inutili e dolorosi strascichi” (?). Poi spiega: “Opporsi allo sviluppo non serve a niente se non si hanno in mente le alternative”. Il fatto che varie “alternative” vengano proposte da quasi due decenni non rileva: vabbè.

CHIUDIAMO su una nota più allegra. Ci informa Il Messaggero: “In piazza si canta la canzone di Battisti: Sì, viaggiare. Per l’Europa, per il mondo, velocemente”. E la Repubblica riporta le parole di uno studente di ingegneria dell’automobile: “Il mio lavoro e la mia vita mi porteranno forse lontano. Ma domani voglio poter lavorare altrove e tornare facilmente nella mia città”. Ecco, magari ricordare che il Tav è solo per le merci avrebbe aiutato.

Marco Palombi – il Fatto Quotidiano 12.11.2018

2 thoughts on “Il giornalone unico in piazza a Torino nel nome degli affari

  1. I forzapidioti che si proclamano antifascisti sono più fascisti dei turboleghisti più radicali.
    Perché partono dal ridicolo concetto che loro hanno ragione e gli altri torto, credendo di averel’esclusiva sulla materia grigia. Allora se vincono loro, è democrazia, e il voto democratico si rispetta. Se vincono gli altri, la colpa è degli elettori, che dovrebbero dimettersi in blocco e permettere una bella oligarchia/monarchia, così gli illuminati comandano e il popolo bue obbedisce. Fascismo allo stato puro.

  2. Sono sconvolto dalla notizia che leggo nell’ultima frase dell’articolo: il tunnel in val di Susa e le opere collegate sono previste SOLO per traffico merci.
    Ma allora la distinta signora che, interrogata, ci spiega che lei era in piazza perché suo
    figlio potesse andare e tornare da Barcellona (chissà perché proprio Barcellona?) in minor tempo e con minori difficoltà?
    Delle due l’una: o il figlio della gentile signora fa il macchinista e quindi avrebbe potuto
    guidare un Treno Merci ad Alta Velocità da Torino a Lione e oltre, oppure la gentile signora non ha idea dei veri motivi che hanno spinto Lei e tanti altri onesti cittadini in quella piazza e con quei cartelli.
    Mi sarei aspettato che l’Onesto Giornalista le avesse spiegato l’errore in cui la gentile signora era incorsa, ma invece niente… ha continuato ad infilare il suo microfono in bocca a tutti quelli che gli capitavano a tiro e a raccogliere le testimonianze dei bravi
    cittadini, guarda caso tutte uguali e tutte rigorosamente disinformate.
    Mi sarei aspettato che il Bravo Giornalista, non solo quello col microfono in mano ma anche quelli seduti nelle redazioni dei “soliti” giornali, sentissero il dovere di correggere
    tali “false verità” (non male come ossimoro!) spiegando che sì, in effetti, su quella linea avrebbero transitato solo carri merci e che i loro figlioli per partecipare all’ Erasmus avrebbero potuto prendere un aereo (pochi euri in classe economica!) come sempre
    hanno fatto negli ultimi anni.
    Poi, magari, gli stessi giornalisti, con o senza microfono, avrebbero potuto mostrare
    le cifre relative ai volumi del traffico merci ferroviario tra l’Italia e la Francia attraverso
    i valichi e i tunnel esistenti: in caduta libera da molti anni con previsioni di decrescita
    ulteriore.
    Ovviamente sto facendo dell’ironia: tutto ciò sarebbe potuto accadere se i succitati
    giornalisti fossero davvero tali.
    In realtà, come hanno efficacemente illustrato sia Di Battista che Di Maio, si tratta
    di “pennivendoli” senza vergogna da cui possiamo aspettarci solo ciò che i loro padroni
    gli ordinano di fare… non certo una informazione onesta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.