Cronaca/Editoriali/Interno/Politica/Tommaso Merlo

Se fermeranno il governo gialloverde non resterà che il gilet

(Tommaso Merlo) – Se le caste del vecchio regime riusciranno a boicottare il governo gialloverde, al popolo italiano non resterà che indossare il gilet giallo e spaccare tutto. Non resterà che la sommossa come sta avvenendo in Francia. Ma da noi potrebbe essere ancora peggio perché il popolo italiano oggi ha conquistato democraticamente una opportunità di cambiamento, e se le caste del vecchio regime dovessero far saltare tutto, il popolo si sentirebbe doppiamente tradito e la reazione sarebbe ancora più violenta. Le vecchie caste stanno scherzando davvero col fuoco. Opposizioni, giornali, sindacati s’illudono che caduti i gialloverdi si possa tornare magari ad un governo ammucchiata o a qualche governo tecnico rinviando magari le elezioni il più possibile per far calmare le acque e progressivamente tornare alla vecchia zuppa partitocratica e lobbistica. Illusioni miopi e davvero pericolose. Basta guardarsi attorno per capirlo. La Francia continua ad ardere con una brutalità che non si era mai vista. Sfondano le porte dei ministeri con le ruspe, bruciano auto e negozi da mesi. Una ribellione inaudita anche nelle sue ambizioni. I gilet gialli vogliono addirittura la testa del Presidente della Repubblica, di quel Macron servo delle lobby e figliastro della peggiore partitocrazia elitaria. Vogliono che le caste politiche e giornalistiche e sindacali prendano atto del proprio tradimento e fallimento storico e lascino spazio ad un nuovo corso in cui il popolo torni al centro dell’azione politica. Già, la Francia vuole che la politica torni a servire il popolo. Vuole il populismo! Quello che da noi le altezzose caste del vecchio regime denigrano e disprezzano. Quel populismo che invece il Premier Conte giustamente rivendica. Brucia Parigi ma le strade di tutta Europa sono colme di rabbia e voglia di cambiamento radicale. Il popolo europeo si sta rivoltando ovunque e all’unisono come sovente successo nella storia. E quell’Italia martoriata ed umiliata dai burocrati europei si riscopre ancora una volta all’avanguardia nella sperimentazione politica continentale. Un passo avanti. Il populismo gialloverde – seppur nelle sue due diverse declinazioni – è il futuro, è la risposta democratica e pacifica ad una rabbia che senza rappresentanza politica si riduce in uno sfogo distruttivo. Per questo, chiunque abbia a cuore i destini dell’Italia e della sua democrazia, dovrebbe rallegrarsi del governo gialloverde e dovrebbe augurarsi che duri il più possibile in modo da concretizzare la voglia di cambiamento che incarna. Non è tempo di giochetti sporchi e propaganda spicciola, non è tempo di scherzare col fuoco. Il governo gialloverde ce l’ha sta mettendo tutta per mantenere le promesse. Sta lavorando sodo per concretizzare la volontà popolare emersa nelle urne. È un governo che non può fare miracoli viste le macerie ereditate e i noti problemi finanziari, ma per la prima volta dopo decenni la politica si è rimessa al servizio esclusivo del popolo in Italia. La coerente e genuina intenzione di cambiare davvero conta quanto i risultati. Opposizioni, giornali e sindacati vivono in un mondo tutto loro e che i cittadini hanno già spazzato via nelle urne. Il loro sabotaggio è moralmente deplorevole e antidemocratico ma anche storicamente suicida. Non hanno in mano nessuna proposta politica alternativa e se dovessero riuscire a fermare il governo gialloverde, al popolo italiano non resterà che indossare il gilet giallo.

15 thoughts on “Se fermeranno il governo gialloverde non resterà che il gilet

  1. In Francia hanno indossato i gilet contro il governo e in Italia contro chi se il governo del cambiamento é giá al potere e attinge in pochi mesi il 60% e piú dei consensi e sembra possa fare il “cappotto” ?
    Se lei prima di licenziare uno di questi suoi rabbuiati scritti li rileggesse,…..capirebbe che rassomiglia in modo impressionante a Tafazzi.

    • Probabilmente non ha letto bene l’articolo. Lo scenario ipotizzato è la rottura tra Salvini e Di Maio con il primo che va a fare ammucchiata con tutti gli altri isolando i cinquestelle. I Gilet in piazza sarebbero solo questi ultimi

      • Ho indossato un paio di occhiali nuovi, ma l´editorialista (non li ho contati) ha citato il goverrno gialloverde senza trattino tante di quelle volte fa farmi venire a mente Totó monaco che ripete “ricordati che devi morire”. Buon appetito io vado a farmi
        giusto due salsicce a punta di coltello con i funghi porcini…

      • Sarebbe la fine della lega e il trionfo del movimento 🌠🌠🌠🌠🌠🌠🌠

  2. Se le caste del potere (la vecchia nomenclatura e la magistratura) tiusciranno a rovesciare il governo del popolo allora, si, confermo quanto sopra. Ops, ho messo una s in più..

    • Lei vede movimenti sospetti da parte della Magistratura ? Non ci vuole molto per modificare la costituzione eliminando qualsiasi altro potere,perché come dice Salvini, “il popolo é con noi”. Un bel tribunale “del cambiamento” che obbedisca al governo e siete a cavallo……Leggevo stamane che i due,Bibí e Bibó,ognuno per
      conto proprio, si recheranno a Bruxelles per incontrare gli altri capipopolo ai quali presentare le loro conquiste e organizzare la presa (della pastiglia) post elezioni
      di maggio e finalmmente anche in Europa sventolerebbero le bandiere del contado
      di Pontida e l´altra del regno dei Casaleggio.

    • Ma non dica sciocchezze, la peggior casta è stata quella del PD perchè FI=Berlusconi, e utti sappiamo chi è. Il PD inveceha fatto come e peggio di B e con la scusa di avere la maglia dei “buoni” oltre a infilare il cetriolone, volevano pure che li ringraziassimo e li venerassimo. La lega paragonati ai vari renzi, madia, boschi, romano, giachetti etc sono santi, il che la dice lunghissima sull’infima caratura del PArtito Defunto e dei suoi adepti.

      • La lega è il più vecchio partito d’Italia e il miglior alleato di Berlusconi da nord a sud, e accusare di renzismo tutti gli oppositori è da stupidi senza speranza.

      • “In Italia non possiamo fare la rivoluzione perchè ci conosciamo un po’ tutti “(Flaiano)

  3. In italia la rivoluzione comincia sulle strade e finisce a tavola…siamo un popolo di quaquaraqua’…a ‘cazzimm per la rivolta?…lasciamo fare agli altri..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.