Andrea Scanzi/Cronaca/Editoriali/Interno/Politica

Andrea Scanzi: “Landini, l’esordio diversamente convincente in Cgil”

LETTERA AL MIO AMICO LANDINI
(Dopo il suo esordio diversamente convincente come leader Cgil)

 

(Andrea Scanzi) – Maurizio Landini è un bravo sindacalista e una brava persona. Da sempre amico di questo giornale, avrebbe potuto essere il leader di quella sinistra radicale che ormai esiste giusto sui social. Era il tempo in cui Renzi, nel pieno del suo potere delirante e patetico, stava distruggendo con goffo agio quel che restava del riformismo, protetto dagli stessi giornalisti “de sinistra” che oggi giocano ai rivoluzionari e ieri marcavano visita. Dopo un’iniziale apertura a Renzi di cui si è pentito subito, Landini ripartì col suo menu preferito: dar battaglia con la Fiom e incazzarsi in tivù, armato di maglietta della salute e capelli alla Fantaghirò. Santoro lo adorava, Crozza lo elevò a nemesi di Marchionne. Alla fine Landini “non è sceso in campo”, ma solo perché è nato sindacalista e vuol troppo bene a se stesso per reinventarsi leader di partito. Per un po’ è uscito dai radar, quindi è diventato leader della CGIL. E’ succeduto alla Camusso, la cui gestione si è caratterizzata per non avere fatto nulla o per avere fatto danni. Un trionfo. Le colpe dei sindacati, negli ultimi decenni, sono infinite. Landini non potrà far peggio della Camusso: in bocca al lupo. Eppure, proprio per le speranze che alimentava e alimenta, il suo esordio è parso – a voler essere buoni – diversamente convincente. Per una serie di motivi. Anzitutto per un’inquietante friabilità grammaticale, figlia di incertezza lessicale (non credo) o legata piuttosto al desiderio di parlare come la “gggente”. Da Formigli ha grandinato “vadi” fantozziani, mentre nel discorso di insediamento si è inventato un orripilante “in quel paese qui”. Nanni Moretti, quando fingeva ancora di combattere, ricordava che “chi parla male pensa male”: non è il caso di Landini, ma tra la Crusca e il gergo ad minchiam c’è forse una via di mezzo. Landini ha poi promesso una bella manifestazione contro il governo il 9 febbraio. Bene, benissimo: nessuno sconto al potere. Negli ultimi anni i lavoratori, con sindacati così, si son sentiti davvero in una botte di ferro: chiodata, però. Giusto, quindi, manifestare contro il governo. Solo che, all’interno di dissesti destinati a crescere, il Salvimaio sta mostrando il suo lato meno indigesto proprio sul fronte del lavoro. Perlomeno se lo si guarda da sinistra. Infatti reddito di cittadinanza, Dl Dignità e turnazione dei negozi chiusi la domenica sono odiati dalla destra. La Meloni parla addirittura di un M5S uguale al peggiore PCI di Berlinguer, mentre Fassina esulta. Pure Landini sembrava gradire. Ora però pare di diverso avviso. Che succede, Maurizio? Il Salvimaio va preso a pallettoni su tante cose: sul fronte del lavoro, però, in confronto all’amatissimo (dalla Cgil) Pd pare quasi Trotzkij. Tra tutte le battaglie (“non pregiudiziali”) possibili, Landini vuol bombardare l’esecutivo proprio sul reddito di cittadinanza? Che curiosa strategia. E’ suonato oltremodo sgradevole anche l’attacco classista a “Salvini e Di Maio che non hanno mai lavorato”. Sono frasi che può dire un Marattin qualsiasi ma non Landini, che sa benissimo quanta dignità – e fatica – alberghino in quei milioni di ragazzi che fanno i camerieri o i “bibitari” per barcamenarsi. Imperdonabile pure il voltafaccia sul Tav, che ieri a Landini (giustamente) faceva schifo mentre adesso tutto sommato va bene. Che succede, Maurizio? La strada della sinistra italiana è lastricata di disincanti e disillusioni. Sei forse l’unico che può ridare dignità alla Cgil: non deludere anche tu, altrimenti l’unica cosa che a molti resterà da fare sarà solo quella di andare affanculo. E senza passare dal via.

(Uscito oggi sul Fatto cartaceo)

13 thoughts on “Andrea Scanzi: “Landini, l’esordio diversamente convincente in Cgil”

  1. Niente di cui sorprendersi. In questo momento la priorità assoluta è fare fuori i cinque stelle a tutti i costi. Landini si è subito sintonizzato

    • @Calciolari68,
      non si é mai “disintonizzato…”!!!
      ha sempre dato forte l’impressione di essere parte integrante del “sistema…”!
      il fatto che faccia manifestazioni assieme agli altri di destra (contro i lavoratori?) la dice lunga sul suo “posizionamento” nell’arco politico/sindacale.
      del resto il suo programma prevede la “privatizzazione” della salute e sicurezza (assicurazioni) dei lavoratori, tramite accordi coi padroni per creare società erogatrici di beni e servizi pagati in parte dai padroni (che però pigliano agevolazioni dallo stato) e dai lavoratori che devono contribuire con parte del loro salario per pagarsi la previdenza complementare, l’assicurazione da infortuni, la tutela della salute, ecc….!!!
      il nostro, come scrive il sito: il simplicissimus, é perfettamente inserito nel sistema attualmente dominante. quello naziliberista…!
      saluti rossi… di quelli veri…!
      https://ilsimplicissimus2.com/2019/01/31/lavorare-da-morire/

  2. “… l’unica cosa che a molti resterà da fare sarà solo quella di andare affanculo. E senza
    passare dal via.”
    Ovviamente c’è stato un refuso.
    Volevi dire: “… l’unica cosa che a molti resterà da fare sarà solo quella di MANDARTI affanculo. E senza FARTI passare dal via.” ovviamente riferito al soggetto dell’articolo.
    O no?

  3. Perdonatemi…
    Cgil non era quella che stava al fianco di contadini operai e popolo unito contro i padroni e/o sfruttatori??
    Erano solo parole?
    Sono SEMPRE state solo parole?
    Come fa il sindacato ad andare contro un GOVERNO che privilegia le parti più deboli del suo popolo????
    FORTUNATAMENTE LA VERITÀ È SOTTO AGLI OCCHI DI TUTTI.
    Lega5Stelle Forever!
    💚💛❤
    Uniti si Vince.

  4. chissà? oramai sono 10 anni che la spudoratezza nel rubare è diventata norma . si sarà adeguato a raschiare il barile , “gli ultimi fuochi “( cit ) Scanzi poi potrebbe evitare commenti idioti , poiché aveva annunciato che aveva di meglio da fare che scrivere ! un novello Renzi ?!

  5. i toscani come Renzi e Scanzi lo hanno nel sangue il dna della menzogna, sembrano innocui e scherzosi a volte battutari e simpatici , poi te lo piazzano ..

    • Con lo stesso metro potrei dire che dato che Leonardo da Vinci e Michelangelo sono nati in Toscana i Toscani hanno il DNA del genio…….

  6. Aspettiamo e pazientiamo un poco.Non puo’tradirci anche Landini! Abbiamo troppo bisogno di un sindacato vero. A rileggerci fra un anno.

  7. Solo la vedova isterica della sinistra (sindrome di stoccolma??) Scanzi, puo’ credere alla bonta del “sindacalista” landini.

  8. Difficile oggi identificare il sindacato e il suo segretario come pilastro di quell’idea che faceva della difesa dei lavoratori la propria bandiera. Da un NO TAV al SI TAV di Landini è bastata l’elezione a Segretario di quello che non è più un sindacato ma un partitello cuscinetto comodo sia alla destra che alla sinistra (ammesso che ancora ci sia). Landini politicamente farà da mutanda alle oscene pudenda di politici ormai in via di estinzione, presi solo dal proteggere i propri privilegi e quel poco di potere che ancora hanno. Ci si aspettava qualcosa di più? Non credo, difficile tirar fuori sangue dalle rape…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.