Cronaca/Editoriali/Interno/Politica

Strana morte di un teste scomodo

(Anna Lombroso per il Simplicissimus) – Un mese fa una giovane donna viene ricoverata all’Humanitas di Rozzano, lamenta lancinanti dolori all’addome e vomita. Il suo quadro clinico è complicato,  tanto che viene trasferita in terapia intensiva,  poi in rianimazione. Si effettuano vari accertamenti: la ragazza ha un passato “turbolento” e a quelli consueti si aggiungono quelli tossicologici per diagnosticare la presenza di stupefacenti tagliati male, che però danno esito negativo. Durante un breve miglioramento Imane Fadil, così si chiama,  confessa il timore di essere stata avvelenata per il suo coinvolgimento in uno scandalo che ha visto protagonista una personalità molto in vista. La situazione poi precipita e ancora prima  che arrivino i risultati dei test, la donna muore.

La procura di Milano apre un’indagine per omicidio volontario, gli investigatori riscontrano anomalie nelle cartelle cliniche, ma l’autopsia richiede tempo in quanto va effettuata con particolari requisiti di sicurezza, perché se i primi accertamenti condotti in un centro specializzato di Pavia hanno escluso la presenza di metalli velenosi, resta in piedi l’ipotesi dell’azione tossica di  sostanze radioattive.

Non è un thriller anche se sono presenti tutti i topoi del genere: c’è una spregiudicata modella straniera che entra nelle grazie di un potente – noto  e ricattabile per le sue disinvolte e disinibite abitudini sessuali,  e alle cui cene eleganti la bella marocchina convoca e induce a partecipare altre giovani bellezze, interessate a scorciatoie artistiche o ad assicurarsi piccole rendite facili, e poi una cerchia di facilitatori di incontri erotici, oltre a  uno stuolo di professionisti profumatamente pagati e appagati nelle loro ambizioni anche grazie a importanti incarichi politici, e ad amici meno visibili ma non meno impegnati a coprirgli malefatte e a pulire le scene dei delitti in qualità di Wolf-risolvo problemi come in un film di Tarantino.

E c’è da sospettare anche che ci siano funzionari pubblici, controllori controllati dall’influente personalità che si bevono parentele improbabili, inquattano incartamenti, accreditano alibi inverosimili, riservano intimidazioni e minacce ai pochi che si sottraggono al cono di luce del tycoon,  anche per via dell’ammirazione dovuta a un’autorità   pronta a dimostrare familiarità e benevolenza con chi gli dedica devozione e rispetto.

Eh si ci sono tutti gli ingredienti:  la sensuale modella araba,  testimone in un processo che vede imputato un vip per corruzione di atti giudiziari   in qualità di buona conoscente e conterranea di una sconcertante “nipotina” e più ancora di ospite di eccellenza a 6 forse 8 convivi presso di lui,  allora presidente del Consiglio,  ancora lui, il capitano di industria che ha preso in prestito la politica e non la vuol restituire malgrado l’età avanzata e una meritata eclissi per motivi elettorali e  giudiziari, di mezzane ruffiani,  di ex invitate grate, o ingrate che lamentano la latitanza dell’ex grande protettore, la esiguità delle donazioni rispetto alla fatica di sopportare molesti commerci carnali con un culo flaccido che invece di particine in cinepanettoni o di ragguardevoli prebende mensili comprensive di affitti in appositi condomini, si limitava a fantasiosa bigiotteria da mercatino.

E poi c’è la zona grigia di suoi manutengoli,  capaci di chiudere la bocca per tacitare a ogni costo scomode rivelazioni, proprio come in un romanzo di Graham Green o nelle cronache dal mondo del racket,  ma anche con l’impiego di veleni cari al filone spionistico del giro  Mitrokhin, come non ha mancato di far rilevare l’esperto in complotti del Kgb Guzzanti, padre, purtroppo che almeno con figlio ci saremmo fatti qualche risata in più.

È probabile che anche questo caso rientrerà nei misteri italiani mai chiariti – che non basteranno le memorie scritte della vittima e destinate a pubblicazione postuma, con la morte del testimone chiave che si aggiunge a altri due decessi oscuri:   quello di  Egidio Verzini, ex avvocato di Ruby Rubacuori che aveva rilasciato inquietanti dichiarazioni il giorno prima di andare in Svizzera in una clinica per il suicidio assistito , nelle quali  aveva parlato pubblicamente di un versamento totale di 5 milioni effettuato, “da Silvio Berlusconi” nel 2011 tramite una banca di Antigua, per liquidare con  3 milioni la nipotina di Mubarak  e con 2 milioni Luca Risso, suo ex fidanzato. A smentire  Verzini che aveva spiegava che l’operazione sarebbe stata gestita direttamente dall’avvocato di Berlusconi, Niccolò Ghedini, con la collaborazione dello stesso Risso, era subito arrivata la replica dei due  che avevano definito “destituite di ogni fondamento” quelle affermazioni. E quello di un cronista collaboratore della Stampa, ucciso da un inspiegabile malore, forse un infarto (ma i risultati dell’autopsia non sono mai stati resi noti)  Emilio Randacio, noto per le sue inchieste servizi segreti italiani, su cui aveva scritto nel 2008 anche un libro, ‘Una vita da spia’“, e che aveva seguito il processo Ruby in tutte le sue fasi.

Ma c’è da scommettere che resterà insoluto malgrado la morte di Imane Fadil  faccia parte di quel susseguirsi di enigmatiche disgrazie occorse a persone che si sono trovate più o meno casualmente sul cammino di Silvio Berlusconi e hanno costituito un inciampo. E se da subito, come succede preferibilmente quando la vittima è una donna e per di più bella e dal passato movimentato e controverso, il suo probabile assassinio viene catalogato come il prevedibile e addirittura meritato epilogo di una vita trascorsa in squallidi ambienti equivoci e forse “malavitosi”, come se non fosse obbligatorio emettere la stessa sentenza su un signore ricco e  anziano che si trastulla con minorenni, e a motivo di ciò condizionato e ricattato, in situazioni sempre borderline dove circolano droga, soldi troppo facili, raccomandazioni e intercettazioni, minacce e estorsioni nel contesto dei palazzi della politica.

Si è probabile che non sapremo mai la verità del “caso di cronaca”, mentre anche così sappiamo quella storica su un imprenditore che ha comprato e gestito l’informazione di un Paese, che è diventato leader di un suo movimento partitico, che è stato presidente del consiglio per  20 anni e che da pluricondannato ancora è in grado di influenzare, subordinare e subornare coalizioni e maggioranze, che ha corrotto uomini e le leggi piegate ai suoi interessi, e che in virtù dei voti che lo hanno eletto ritenga per questo di essere legittimato all’illegalità.

E sappiamo anche quella su una “opposizione” alle sue politiche che per anni lo ha contestato per i suoi affari di letto più che per quelli permessigli dalla indifferenza per gli espliciti conflitti in interesse e per i provvedimenti ad personam, per il fatto di comprarsi i favori femminili più che per quelli di parlamentari,  per il fatto di aver annesso alla sua scuderia televisiva presentatori e attricette della Tv pubblica, più che per aver messo a curare i suoi cavalli un mafioso, criticando il cattivo gusto in fatto di mobilia nelle sue ville sibaritiche più di quello che gli faceva scegliere famigli e amici nella crema del malaffare e dei clan. Come di aver corrotto le giovani menti con Drive In più che le leggi, le relazioni industriali, il sistema della comunicazione, quello dell’istruzione dimostrando che ambizione spregiudicatezza valgono più di sapere e conoscenza. Parliamo di un’opposizione che è scesa in piazza contro il puttaniere omettendo la critica al golpista, in modo da preparare la strada a giovani e, allora rampanti, successori incaricati  di coronare il suo disegno. E che oggi in qualità di bonario e inoffensivo pensionato che guarda il mondo da una panchina gli attribuiscono  ancora l’auspicabile funzione salvifica di addomesticare, come un nonno ragionevole,  le burbanzose intemperanze del partner abituale. Ma che nessuno pensi di avvelenarlo quel gran maleducato, per carità, che può  sempre venire buono per un non lontano futuro in un nuovo “Tutti insieme appassionatamente”.

7 thoughts on “Strana morte di un teste scomodo

  1. Complimenti.
    Se aprissero il libro le quote rosa di FI forse il mistero non sarebbe più tale. Controllare i c/c di “tutti” coloro che stanno indagando.

  2. Ora non resta altro che aspettare un servizio dedicato delle Jene e in particolare di Filippo Roma al riguardo. Foss’altro per par condicio.

  3. Articolo impeccabile, solo una critica: anche tutti noi abbiamo una colpa gravissima, ci siamo lasciati abbindolare da un opposizione “di forma” ,credendo che il “teatrino” che
    quotidianamente ci metteva in scena fosse verità e non finzione. In Francia non ci sarebbe cascato nessuno, qui no, chi più chi meno ci siamo fatti fregare tutti!

  4. La ragazza stava scrivendo un libro pesantissimo.
    È normale che ogni sera abbia inviato il materiale scritto a diverse persone.
    È difficile controllare il numero di copie di un file.
    Nei prossimi mesi salteranno fuori e ne vedremo delle belle.
    Altro che campagna elettorale per le europee…
    Il berlusca e i suoi amici massoni avranno ben altri grattacapi per la testa.
    Ben gli sta.
    GODO.
    PROFONDAMENTE.

    • Ma quante balle!!! Ma basta!!!!! Hanno paura di lui..ecco il motivo, sicuramente idiota non è.
      Perché avrebbe dovuto eliminare questa qui proprio a ridosso delle elezioni!!
      Sara’ stata la sinistra per far cadere la colpa a Silvio Berlusconi.

Rispondi a Paola Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.