Cronaca/Inchieste/Interno

Dove vivono i più ricchi d’Italia?

(agi.it) – Il triangolo Milano-Bergamo-Monza è il più ricco d’Italia e a livello comunale lo scettro va a Basiglio (Mi) con un reddito imponibile pro capite di 47.808 euro, seguito da Cusago (Mi) e da Lajatico (Pi), che perde 2 posizioni. Si ferma ai piedi del podio Pieve Ligure (Ge), che recupera 8 posizioni passando dal 12 esimo al quarto posto. Fa capolino in top 10, recuperando 7 posizioni, anche Campione d’Italia (Co).

È l’analisi di Twig (sui dati diffusi da ministero dell’Economia e delle Finanze Mef sui redditi del 2017), secondo cui sono confermati negli ultimi posti della classifica Cursolo-Orasso (Vb) con un reddito pro capite di 5.018 euro, Val Rezzo (Co) e Falmenta (Vb).

Rispetto allo scorso anno si confermano le posizioni delle tre Regioni “più ricche” (Lombardia, Emilia Romagna e Lazio) e delle tre Regioni al fondo della classifica (Basilicata, Molise, Calabria). Ai piedi del podio, la Regione Trentino Alto Adige supera il Piemonte; da segnalare l’importante balzo indietro della Regione Liguria che in un anno perde 3 posizioni a favore di Valle d’Aosta, Friuli Venezia Giulia e Veneto.

Come lo scorso anno, la Regione che registra la maggior crescita del reddito medio risulta essere il Trentino Alto Adige (+407) seguito dalla Lombardia (+104). Solo altre 3 Regioni hanno migliorato il reddito medio (Valle d’Aosta (+44), Emilia Romagna (+14) e Veneto (+6), mentre le restanti 15 hanno visto peggiorare il loro dato. La peggiore performance in termini di variazione del dato 2016/2017, la fanno registrare Liguria (-192), Basilicata (-183) e Sardegna (-176).
Tra le città, nuovo passo avanti di Bologna che dalla settima posizione si attesta al sesto posto, superando Padova.

L’analisi dei redditi italiani conferma anche per il 2017 che la maggior parte della ricchezza è concentrata nelle mani di pochi: il 43% degli italiani guadagna meno di 15 mila euro lordi annui, mentre solo il 4% guadagna più di 60 mila euro annui. Piccole differenze si registrano nelle fasce intermedie, dove i contribuenti che guadagnano tra 15-29 mila euro passano dal 37% al 36%, mentre quelli che si collocano tra i 30 e i 60 mila euro passano dal 16% al 17%.

“Dai dati sui redditi degli italiani del 2017 – commenta Aldo Cristadoro, data manager e Ceo di Twig – colpiscono due cose, in particolare. La prima è l’aumento del divario tra il Nord e il Sud del Paese; la seconda è che si cronicizza una profonda differenza tra centri urbani e periferie. Infine, si nota come le Regioni che crescono di più sono quelle che hanno una chiara vocazione industriale e con una forte propensione all’export”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.