Cronaca/Editoriali/Interno/Marco Travaglio/Politica

Paradossi&Paraculi

Amanti dei paradossi come siamo, assistiamo con sincero spasso al cabaret dei giallo-verdi e dei loro presunti oppositori. I 5Stelle fanno entrare nel governo il sottosegretario Armando Siri che ha patteggiato 1 anno e 8 mesi per bancarotta fraudolenta e sottrazione fraudolenta di beni al fisco, poi chiedono la sua cacciata quando viene indagato per corruzione. Il Pd strilla un giorno sì e l’altro pure contro l’“occupazione” giallo-verde della Rai, poi però l’Agcom richiama Viale Mazzini a un maggiore equilibrio perché dà troppo spazio al Pd e troppo poco ai 5Stelle. Le sinistre tutte tuonano contro il governo razzista e xenofobo che respinge, anzi stermina i migranti, mica come la Francia dell’accogliente Macron e le altre democrazie progressiste europee: poi Eurostat certifica che nel 2018, primo anno del regime razzista e xenofobo, l’Italia ha superato la Francia per il numero di profughi accolti con diritto d’asilo (47.885 a 41.440) e ha fatto meglio di tutti gli altri 27 Stati membri della Ue, tranne la Germania (139.600). Ma il recordman mondiale dei paradossi rimane Salvini. Ieri si è saputo che due pentiti del clan Rom di Latina hanno raccontato ai pm di aver “fatto campagna elettorale per la Lega” e “affisso manifesti della lista ‘Noi con Salvini’”. Altro che xenofobia: se tutto fosse confermato, si tratterebbe di un mirabile caso di integrazione. Manca soltanto che, alle prossime elezioni, la Lega si apparenti con una lista “Rom con Salvini”. Un paradosso che fa il paio con quello dei soi disant “sovranisti” ministri leghisti che disertano il 25 Aprile, festa “sovranista” quant’altre mai (la liberazione dell’Italia dall’occupazione degli odiati tedeschi).

Ma c’è di più e di meglio. Da quando aveva smesso di insultare i meridionali e i romani, cancellando il “Nord” dal logo e la “Padania” dal vocabolario, ci eravamo fatti l’idea che Salvini volesse accreditare la sua nuova Lega nazionale e nazionalista. E, visti gli attacchi quotidiani alla Raggi, volesse partire dalla conquista di Roma. Ora però si scopre che lo stop da lui imposto l’altro giorno, in Consiglio dei ministri, alla norma Taglia-debiti della Capitale e assurdamente subìto dai 5Stelle manderà Roma in default dal 2022. Occhio alle date: il mandato di Virginia Raggi scade nel 2021 e, nei piani di Salvini, da allora Roma dovrebbe avere un sindaco leghista. Non sappiamo chi sarà il fortunato vincitore, ma sappiamo già che cosa gli toccherà in sorte appena insediato in Campidoglio: la bancarotta della sua città a causa delle scelte scellerate del suo leader.

Il quale, nel 2019, credendo di fare un dispetto alla Raggi, aveva piazzato nell’ufficio del sindaco una bomba a orologeria col timer puntato al 2022. Così da far esplodere non la Raggi, ma il leghista. Non è meraviglioso? Naturalmente non è ancora detto che le cose vadano così: il no al Taglia-debito, che farà fallire la capitale d’Italia, rischia di costare molti voti all’aspirante sindaco leghista: i romani informati tutto faranno, fuorché votare per un partito che Roma l’ha prima chiamata “ladrona” e poi condannata a morte. Ad approfittarne potrà essere persino la Raggi, che col suo assessore Lemmetti e la sottosegretaria Castelli aveva escogitato una norma per salvare Roma senza gravare sugli altri cittadini. Basta chiudere la fallimentare gestione commissariale del debito capitolino (15 miliardi nel 2010, ora ridotti a 12, accumulati dalle giunte di pentapartito, di sinistra, di centrodestra e di centrosinistra dagli anni 50 al 2008) e cedendo la parte finanziaria al ministero dell’Economia perché rinegozi gli interessi (ora vicini al 6%, roba da usura), con risparmi per i romani e gli altri italiani fino a 2,5 miliardi. L’aveva confermato lo stesso ministro Tria: “La norma è a costo zero, senza alcun onere per lo Stato”. Cioè non è affatto “salva-Roma” né tantomeno “salva-Raggi”, ma un “Salva-Italia”. E fin dal 4 aprile la Lega, con una email del sottosegretario Garavaglia, aveva dato l’ok a inserirla nel dl Crescita.

Poi è esploso il caso Siri e Salvini ha deciso di prendere in ostaggio non la Raggi, ma la Capitale, per salvare il culo al sottosegretario e la faccia alla Lega: e giù sproloqui sui “debiti della Raggi” (inesistenti: sotto la sua giunta il debito si è ridotto), “altre città da salvare” (ce ne sono a centinaia, ma nessuna ha il debito commissariato, dunque non c’entrano una mazza con Roma) e naturalmente delle “buche” (le stesse che un anno fa, quando doveva leccare i piedi ai 5Stelle, Salvini disse di non vedere, anche se erano molte più di oggi). L’idea di sabotare le città governate dai 5Stelle per favorire quelle care alla Lega non è nuova: il Carroccio aveva già sabotato la candidatura di Torino alle Olimpiadi invernali del 2026, cioè l’unica che avrebbe avuto un senso: Torino ha già le strutture sportive e ricettive dello stesso evento di 13 anni fa. Ma la Lega sponsorizzò Cortina e Milano, una con le montagne e l’altra senza, per giunta distanti su strada 409 km. Ora, se la strana coppia avesse la meglio, il governo dovrebbe tirar fuori mezzo miliardo (infatti le Olimpiadi non le vuole più nessuno: oltre ai nostri eroi, è rimasta solo Stoccolma). Ma Torino s’è rimboccata le maniche e, contro ogni previsione, ha battuto 40 concorrenti (pure Londra e Tokyo) e si è aggiudicata un evento molto meno costoso (78 milioni dal governo) e più lucroso: le Atp Finals di tennis, che non durano 15 giorni, ma 5 anni. E portano alla città centinaia di migliaia di turisti e centinaia di milioni di introiti. Altro che un terzo di Olimpiadi invernali. Ora si attende la contromossa di Salvini. Tipo marciare su Torino in divisa da tennista e spaccare la racchetta in testa a Chiara Appendino.

PARADOSSI& PARACULI di Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano del 27 Aprile 2019

14 thoughts on “Paradossi&Paraculi

  1. “I 5Stelle fanno entrare nel governo il sottosegretario Armando Siri che ha patteggiato 1 anno e 8 mesi per bancarotta fraudolenta e sottrazione fraudolenta di beni al fisco, poi chiedono la sua cacciata quando viene indagato per corruzione. ”
    …l’avevo scritto ieri e mi sa che il marciolino mi legge!!!
    Non è meraviglioso? e mi fermo qui, il resto è fuffa.

  2. Salvini da qualche settimana in vista delle europee cerca di screditare Roma e Torino, guarda caso le due città governate dai 5stelle, perchè vuole affermare che dove c’è la lega le cose funzionano meglio..però stavolta le cose gli sono andate male perchè il caso Siri ha coperto tutto il resto e lo ha costretto a passare da una posizione offensiva ad una difensiva…e adesso per lui sono volatili per diabetici

  3. Salvini è ridicolo di base, quando poi i suoi vengono inquisiti per reati gravi, ha pure il fegato di evocare la giustizia a orologeria di berlusconiana/renziana memoria. Ha una fifa matta che gli italiani si accorgano che lui è il nulla con la felpa intorno, visto che 8 cose su dieci realizzate dal governo portano la firma dei 5S. Per ora di suo ha solo il decreto sicurezza, tutto il resto è solo fumo e propaganda.

  4. Di sicuro se nel 2022 Roma dovesse passare alla lega allora si che Salvini farebbe passare il salva-Roma, non può certo rischiare che le cose inizino a funzionare adesso che ci sono i 5stelle

  5. Dopo una vita da editorialista politico, grillo/travaglio si accorge che salvini è un cattivone. Noi terroni (tranne i ragazzini belli di pomigliano) lo sappiamo da sempre. Anzi un pomiglianese, in tempi non remoti, ebbe ad affermare “con salvini ci intendiamo alla perfezione, è come se lavorassimo insieme da sempre”. Forse sto ragazzo era lega/nordista a sua insaputa. Lo stesso grillo/travaglio benediceva il contratto di governo. Oggi, a campagna elettorale in corso, il sant’uomo si veste di spocchia, ed elenca le brutture di salvini, manco fossero venute fuori dall’uovo di pasqua. Omettendo di dire che il suo partito gli ha regalato l’italia su un vassoio d’oro. Comodo, quando ci si rivolge ad una platea che non ricorda la pietanza cenata la sera precedente.

    • E così, anche oggi, immancabilmente, ci hai ammorbato con i tuoi deliri quotidiani. Ma santo cielo, perchè non vai a commentare su Libero dove c’è pieno di gente che ti somiglia?

  6. Travaglio -come al solito- racconta… mezze verità.

    Dimentica che
    1- Di Maio volesse Siri come Ministro delle Finanze e dell’Economia, nonostante avesse patteggiato 1 anno e 8 mesi per bancarotta fraudolenta e sottrazione fraudolenta di beni al fisco:
    “Io avevo fatto arrivare nomi alternativi a Savona, nomi come Bagnai e come Siri…”,
    da IL FQ 29/5/2008
    2- Di Maio ha accettato nel governo e nel sottogoverno:
    *Viceministro Rixi rinviato a giudizio, chiesti 3 anni e 4 mesi, accusa peculato e falso
    *Garavaglia M., viceministro indagato turbativa d’asta, chiesti 2 anni
    *C. Borghi, presidente Commissione Bilancio: sanzione di 15.500€ inflitta dalla Banca d’Italia “per irregolarità consistenti in carenze nell’erogazione e nel controllo del credito”
    *Ministro P. Savona, prescritto grazie a legge Cirielli
    *L. Pasquaretta, ex portavoce di Appendino e poi nello staff della viceministra Castelli nonostante fosse indagato, poi licenziato per ulteriori accuse…
    3- A parte Marzo, il Garante aveva richiamato -a Dicembre e a Febbraio- Rai, La7 e Sky invitando le emittenti a trasmettere notiziari e format maggiormente imparziali ed equilibrati, in quanto sbilanciati a favore dei rappresentati politici del M5S e Lega.
    Osservando che:
    ”La novità più radicale che osserviamo, tra giugno e novembre del 2018, sta nel doping di notizie che riguardano il governo e i due vicepremier.
    Un ulteriore elemento di preoccupazione riguarda il modo in cui i due vicepremier impongono il loro modello comunicativo:
    troppo spesso, i loro interventi sui media sono senza un reale contraddittori”.
    4- Torino si è ritirata perché non voleva condividere la candidatura con Milano.
    5- Roma non ha bisogno di essere “sabotata” dallo xenofobo si… sabota da sola:
    Premesso che tutti sono innocenti fino a condanna, Raggi richiamava dall’aspettativa Marra, nominandolo al vertice (al vertice dell’apparato burocratico comunale);
    criticata aspramente anche da una parte dei 5S lo promuoveva a capo di tutto il personale (26mila dipendenti)… il resto è storia recente.
    -La Raggi nominava avv. Lanzalone (già consulente 5S a Livorno) come intermediario con Parnasi per il nuovo stadio e poi lo nominava Presidente Acea… finito agli arresti.
    -La Raggi nominava Serini, commissario Ipa (ente previdenza dipendenti comunali), finito indagato.
    La Raggi più recentemente ha nominato:
    -F. Giampaoletti direttore generale del Campidoglio ma anche lui (ancora in carica) va sotto inchiesta per tentata concussione;
    -Stefano Donnarumma, AD di Acea, ora iscritto nel registro degli indagati nell’ambito dell’inchiesta “Congiunzione Astrale”…

    Suvvia!

      • Il grillo, prima di chiedere la tessera Pd, si era recato, in gran segreto, all’ambasciata Usa per informare il governo di George W. Bush della prossima fondazione del M5S.
        La questione si scoprì nel 2013 dopo la ‘desecretazione’ dei fax delle ambasciate (secondo il diritto statunitense).
        Chiaramente nessun giornalista ha mai posto la domanda del perché al grillo!

      • Chiaramente nessuno ha mai posto a la domanda Grillo, perchè? Se per te è così chiaro, avanti, spiegalo. Forza, spiega perchè nessun giornalista gliene ha mai chiesto conto, ti sfido a farlo.
        Sono per caso tutti, nessuno escluso, asserviti a Grillo? Se è così, hai appena smascherato il Capo del Mondo. Non ti resta che fargliela tu, questa benedetta domanda, che sento già odore di Pulitzer.
        O hai una spiegazione che sia anche plausibile? Sono curioso di conoscerla, magari potresti aver ragione.
        Un’altra ipotesi è che sia una minchiata, e chi glielo chiedesse farebbe la figura del minchione, ma chiaramente non regge perchè di gente disposta a passare per minchione c’è piena l’aria, pensa che con uno ci perdo pure tempo a discutere (stranamente, non mi riferisco a te).

  7. per il sig. JONNY

    -2013, appena eletti in Parlamentoi 5S si recano, prima dell’insediamento, in processione all’ambasciata Usa (caso unico al mondo!);
    Roberta Lombardi: con Crimi e una delegazione 5S andremo a conoscere l’ambasciatore, che aveva definito i 5S un modello per riforme e cambiamento (da IL FQ).
    -2017 Di Maio, prima di andare al Forum Ambrosetti (come faceva Casaleggio), incontrava segretamente la Trilaterale (fondata da Rockefeller, presidente della Chase Manhattan Bank, e di altri dirigenti e notabili, tra cui Henry Kissinger e Zbigniew Brzezinski) italiana ed europea:
    il 22 aprile “Di Maio a pranzo all’Ispi con: C. Secchi, presidente italianoTrilateral; P. Magri, direttore Trilateral Italia, Mario Monti presiedente onorario Trilateral UE, i vertici di aziende che finanziano la Trilateral come Intesa San Paolo…” (IL FQ).

    -2012: i soci dell’azienda erano cinque:
    Casaleggio e il figlio Davide Federico, titolari ciascuno di una quota del 28,5%; Luca Eleuteri e Mario Bucchich (altro ex Webegg) con un altro 19% e infine
    Enrico Sassoon, giornalista che ha lavorato dal 1977 al 2003 al Sole 24 Ore con un restante 5 per cento.
    Quest’ultimo, classe 1948, era anche direttore responsabile del mensile di management Harvard Business Review Italia e fa parte del board della “American Chamber of Commerce in Italy” (ovvero l’Istituto che difende gli interessi Usa in Italia) oltre che dell’Aspen Institute Italia (Istituto finanziato ampiamente da fondazioni come la Carnegie Corporation, la Rockefeller Brothers Fund e la Ford Foundation…).
    -2017, Casaleggio jr invitava ad Ivrea come oratori i rappresentanti delle multinazionali (Google ecc) e i membri di Trilaterale e Bilderberg:
    P. Magri, segretario TRILATERALE (Assolombarda);
    F. Vaccarono, AD Google Italia (capitalizzazione superiore ai 500 miliardi di dollari);
    N. Bedin, ospedale San Raffaele di Milano (di proprietà di uno dei più grandi gruppi di ospedali privati: 18 centri ospedalieri) ecc…
    Suvvia…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.