Cronaca/Interno/Salute

Lanciano (CH), Progetto Etiopia Onlus: donato elettrocardiografo, apertura canale medico

Reportage dall’Etiopia

L’ associazione “Progetto Etiopia Onlus – Lanciano”
si apre al settore medico. Donato un elettrocardiografo

Al via anche la collaborazione con la CIA – Confederazione italiana agricoltori

Venerdì 3 maggio alle 18, all’ospedale Renzetti di Lanciano

il resoconto dei dottori dopo la missione nei Guraghe

LANCIANO – Scuole e pozzi per l’acqua potabile e, da oggi, anche Salute e Medicina. Oltre ai suoi due storici punti di forza infatti, l’associazione “Progetto Etiopia Onlus – Lanciano” inaugura un terzo canale, quello dell’assistenza sanitaria, in particolare nel punto di Primo Soccorso di Maganasse (villaggio etiope).

Venerdì 3 maggio alle ore 18, durante l’incontro Reportage dall’Etiopia, i medici coinvolti dalla onlus e altri addetti, presenteranno i primi risultati, raggiunti durante la recente missione. L’ingresso è gratuito e la cittadinanza è invitata a partecipare. Appuntamento nella sala multimediale dell’ospedale Renzetti di Lanciano.

Il pomeriggio sarà arricchito dalla proiezione degli scatti del fotografo professionista Roberto Colacioppo – che da anni segue la onlus – e dall’intervento dei dottori Maurizio Maddestra, neurologo, e Valerio Flacco, pediatra. Parteciperanno anche l’infermiera Rosetta Di Fazio e la fisioterapista Donata Basile, nonché Alvaro Rosi, da sempre parte attiva dell’associazione; tutti andati di persona in Etiopia.

Saranno inoltre presenti il direttore regionale CIA Mariano Nozzi e il direttore provinciale Alfonso Ottaviano che, anche loro partecipi del viaggio in Etiopia, illustreranno la nuova collaborazione tra la “Progetto Etiopia onlus – Lanciano” e la CIA, Confederazione italiana agricoltori (sezione Abruzzo), in particolare il programma di sostegno alimentare che sarà fornito ai bambini di alcune delle scuole costruite dalla stessa onlus.

Tra i primi punti in programma venerdì, il bilancio sull’attivazione di un elettrocardiografo donato grazie al protocollo d’intesa firmato con Antonio Verna, presidente Iasmed, International Association Medical Devices. Durante la presentazione, i medici coinvolti parleranno anche degli interventi effettuati in loco, tre mesi fa, per curare la popolazione di Maganasse, con un occhio di riguardo ai più piccoli.

“L’iniziativa prende spunto dalla necessità – dichiara il presiedente della onlus Angelo Rosato – di organizzare, periodicamente, la presenza di professionisti della medicina, nelle zone lontane da Addis Abeba, dove è alta la mortalità di bambini per mancanza di acqua potabile, di cure specifiche, di personale qualificato. Dopo tanti viaggi in Etiopia, ho toccato con mano la situazione. È un progetto, questo, che avevo in mente da tempo e ho finalmente incontrato le persone giuste, che ringrazio di cuore, per aver partecipato e soprattutto perché hanno visto le reali necessità di questa parte di Corno d’Africa rendendosi disponibili a collaborare con noi”.

Infine, durante l’incontro, il noto studio stomatologico D’Alessandro & Fanci di Lanciano, donerà alla onlus il ricavato di una giornata di lavoro di igiene orale, per l’occasione chiamata “Insieme per l’Etiopia”. Maggiori info sono disponibili sul sito www.progettoetiopiaonlus.com e sull’omonima pagina Facebook. Per parlare con un referente della onlus è inoltre possibile chiamare al numero 0872/712311 (c.so Trento e Trieste 43, Lanciano).

 

INFO STAMPA:

Federica Fusco

www.federicafusco.it

339/7026034

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.