Cronaca/Europa/Interno

Telefoni, giù le tariffe massime per chiamate internazionali e sms nella Ue

(affaritaliani.it) – Dal 15 maggio, a tutte le chiamate internazionali e ai messaggi di testo all’interno della Ue verra’ applicata una nuova tariffa massima. I consumatori che effettuano chiamate dal loro paese verso un altro paese Ue pagheranno un importo massimo di 19 centesimi (+Iva) al minuto e di 6 centesimi (+Iva) per SMS. Dopo l’abolizione delle tariffe di roaming nel giugno 2017, i nuovi massimali previsti per le chiamate internazionali e gli sms rientrano nella revisione delle norme in materia di telecomunicazioni a livello di Ue, intesa a rafforzare il coordinamento delle comunicazioni elettroniche e a potenziare il ruolo dell’Organismo dei regolatori europei delle comunicazioni elettroniche (Berec).

Il prezzo non include l’Iva perche’ questa varia in funzione dello Stato membro dell’operatore chiamante (l’aliquota degli Stati membri va dal 17% al 27%). Per fare un esempio concreto, per chiamare dal Belgo all’Italia per due ore al mese, con un piano tariffario nazionale italiano la chiamata da telefono fisso costerebbe 0,89 euro al minuto: attualmente si spenderebbero 105 euro al mese. Con le nuove norme, si paghera’ invece una tariffa massima di 0,23 euro (Iva compresa) al minuto, spendendo non piu’ di 27 euro per due ore di chiamate, pari a un quarto di quanto si spendeva fino al 14 maggio, con un risparmio totale di 78 euro al mese.

Mariya Gabriel, commissaria responsabile per l’economia e la societa’ digitali, ha indicato che ‘dopo aver abolito le tariffe di roaming nel 2017, la Ue ha ora adottato misure contro le tariffe eccessive per le chiamate transfrontaliere dal proprio paese. Grazie a queste due azioni, i consumatori europei sono ora ampiamente tutelati contro le bollette esorbitanti quando chiamano un qualsiasi numero europeo, sia nel proprio paese che all’estero.

E’ uno dei numerosi risultati concreti conseguiti dal mercato unico digitale”. Le nuove norme per le chiamate internazionali fanno fronte alle grandi differenze di prezzo che esistevano in precedenza fra gli Stati membri. In media, il prezzo standard di una chiamata intra-Ue da rete fissa o mobile era triplo rispetto a quello di una chiamata nazionale, mentre il prezzo standard di un messaggio sms intra-eE era oltre il doppio rispetto a quello di un sms nazionale. In alcuni casi, il prezzo standard di una chiamata intra-Ue puo’ essere fino a dieci volte superiore al prezzo standard delle chiamate nazionali. Saranno gli operatori delle telecomunicazioni in tutta la Ue a dover fornire ai consumatori le informazioni sui nuovi massimali.

Le norme si applicheranno in tutti i 28 paesi della Ue e presto anche in Norvegia, Islanda e Liechtenstein. Il massimale e’ limitato all’utilizzo personale, vale a dire per i clienti privati. I clienti commerciali sono esclusi da questa regolamentazione dei prezzi, dato che numerosi fornitori gia’ propongono offerte speciali particolarmente interessanti per i clienti commerciali. Dal 15 giugno 2017 i cittadini Ue usufruiscono del roaming a tariffa nazionale quando si spostano negli altri Stati membri, ossia possono utilizzare il proprio cellulare in tutti i paesi della Ue senza costi aggiuntivi.

Il principio del roaming a tariffa nazionale vale per tutte le chiamate, gli smse il traffico dati: le tariffe applicate sono uguali a quelle in vigore nel proprio paese. Al di la’ di un uso corretto dei servizi di roaming a prezzo nazionale, possono essere applicati sovrapprezzi per prevenire un impiego abusivo dei servizi di roaming. Si definiscono invece chiamate ed sms internazionali le chiamate a un numero telefonico di un altro paese Ue effettuate tramite un telefono cordless o fisso mentre i consumatori si trovano nel proprio paese.

Da notare che, non appena i consumatori varcano il confine nazionale, le loro chiamate diventano chiamate in roaming, a cui si applicano le norme Ue sul roaming: sono fatturate come chiamate nazionali anche se il numero contattato e’ quello di un altro Stato membro. Se i consumatori dispongono di un pacchetto che comprende un volume fisso di chiamate e/o sms internazionali nella Ue per un determinato prezzo, il tetto massimo non si applica, precisa la Commissione europea.

Se pero’ ritengono che il loro pacchetto non offra piu’ il miglior rapporto qualita’/prezzo dopo l’entrata in vigore di questo massimale, possono sempre passare a una tariffa al minuto per le chiamate e gli sms intra-Ue. In circostanze eccezionali le autorita’ nazionali di regolamentazione per le comunicazioni elettroniche possono concedere all’operatore una deroga rispetto alla regolamentazione dei prezzi. La deroga e’ ‘eccezionale e riguarda gli operatori specializzati nelle chiamate internazionali o che presentano un margine di profitto molto basso sui prezzi praticati sul mercato interno’.

One thought on “Telefoni, giù le tariffe massime per chiamate internazionali e sms nella Ue

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.