Cronaca/Interno/Politica

Che belle liste. Verso Bruxelles capibastone, iper-riciclati e voltagabbana

NON SOLO GLI INDAGATI E I CONDANNATI: I PARTITI CANDIDANO DECINE DI VECCHI POLITICI DA POLTRONA E “NUOVI” CAMBIA-CASACCHE ALLA FACCIA DEL RINNOVAMENTO

 

(di Tommaso Rodano – Il Fatto Quotidiano) – Dopo la prima puntata del 18 maggio sugli indagati, riecco le euro-liste. Protagonisti, stavolta, i cambiatori seriali di casacche. D’altro canto il voto europeo è un’occasione propizia, ci sono le preferenze, serve gente che “conosca il territorio”: la campagna acquisti è continua. Tra gli ultimi movimenti, quello di una berlusconiana storica: Elisabetta Gardini ha abbandonato la zattera di B. per abbracciare la Meloni. Al Fatto aveva detto: “Tajani è un becchino, me ne vado. E non mi ricandido”. E infatti…

Il calciomercato meloniano ha annesso anche il dominus del centrodestra pugliese Raffaele Fitto (pure lui ex berlusconiano, come anche Stefano Maullu). Al povero B. non resta che riaccogliere i reduci dell’ex delfino senza quid Angelino Alfano, come la portavoce di Ncd Valentina Castaldini e Mauro Parolini. O affidarsi all’innato mestiere del vecchio Lorenzo Cesa, un aspirapolvere per le preferenze al Sud.

La Lega al Meridione – ma non solo – si è inventata una classe dirigente in un baleno. Ovviamente appoggiandosi a destra e sinistra. E anche ai Cinque Stelle: l’uomo che cura gli interessi di Matteo Salvini a Bruxelles è l’ex grillino Marco Zanni. In corsa c’è anche la stellina del Capitano Susanna Ceccardi. Non è una riciclata, ma se fosse eletta, per lei arriverebbe il quarto incarico a stretto giro di posta: è già sindaco di Cascina (Pi), responsabile della Lega in Toscana e consulente del vicepremier Salvini a Palazzo Chigi.

Nel Pd riecco Giuliano Pisapia. La lunga traversata nel campo largo, larghissimo della sinistra, ha finalmente portato l’ex sindaco di Milano alla candidatura con i dem: fu già Democrazia Proletaria, Rifondazione Comunista e vendoliano nella “Rivoluzione arancione”; ha flirtato per un anno intero con Bersani e gli scissionisti antirenziani, è vicino a Tabacci e pure a Emma Bonino. A proposito, il partito radical-democristiano della coppia Tabacci-Della Vedova ovviamente ha imbarcato la qualsiasi: un po’ di ex Dc, un po’ di ex pannelliani, due ex 5Stelle e un ex Idv. La fantasia non manca.

2 thoughts on “Che belle liste. Verso Bruxelles capibastone, iper-riciclati e voltagabbana

  1. Che schifo di classe politica abbiamo 👎👎👎👎da vergognarsi questi non sono politici, sono quaqwuaraqua senza dignità 😩

    • Davvero?
      A leggere i giornali che contano (Repubblica, Stampa, Corsera, etc.) i quaquaraquà
      stanno tutti sotto la bandiera a 5 stelle.
      Quelli che tu “schifi” (e sei in numerosissima compagnia) a sentir loro sono tutte persone di specchiata onestà, affidabilità, coerenza e una volta approdati a Bruxelles continueranno a battersi per gli interessi dell’Italia come hanno sempre
      fatto.🤮
      Non serve vergognarsi per loro… basta svaffancularli una volta per tutte… e questo
      possiamo farlo solo noi elettori.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.