Andrea Scanzi/Editoriali/Interno/Politica

Andrea Scanzi fa la messa in piega alla Boschi

(Andrea Scanzi – il Fatto quotidiano) – Dall’alto del suo avamposto politico rasoterra, Mary Helen Woods se ne sta lì, a riva del natio fiume (forse l’ Arno o meglio il Vingone), e dà segno di sé quando crede che qualche nemico politico stia vivendo quel che Ella ha vissuto. Madama Boschi aveva promesso di abbandonare la politica, qualora il “sì” avesse perso il 4 dicembre 2016.

Ovviamente non ha mantenuto la parola. I più masochisti ricorderanno i suoi strali quando i padri di Di Maio e Di Battista vennero toccati da polemiche: erano casi assai diversi da quelli dell’ ameno babbo Boschi da Laterina, ma Mary Helen Woods rampognò gli empi rivali all’ insegna dell'”adesso tocca a voi”. Convinta d’ esser vittima di un complotto ordito forse da Grillo o più verosimilmente dal Poro Schifoso, suol recitare ora la parte della vendicatrice garantista.

C’era anche lei all’ attesissimo varo dei “Comitati civici” renziani. Con quel suo eloquio da secchiona che a scuola imparava a pappagallo la lezione, per poi parlare all’interrogazione in stampatello, Lady Woods ha sillabato: “Non c’è nessuna prova generale per fare un nuovo partito, c’è la voglia di fare buona politica”. E pure qui si sogna, perché la Boschi che parla di “buona politica” è come Marattin che disserta di salute tricologica. Mary Helen Woods ama Twitter, forse perché lì i pensieri son brevi e magari qualcuno non fa in tempo ad accorgersi di come lei non abbia mai granché da dire.

Giorni fa si è scontrata con Paola Taverna. Per l’occasione ha preso qualche parola da un sacchetto di brigidini, mettendole poi insieme a casaccio: “L’ ad di Fincantieri dice che mancano 6 mila ragazzi per fare lavori manuali, come il saldatore (..) Forse il Governo dovrebbe concentrarsi su questo anziché sul reddito di cittadinanza. I ragazzi hanno diritto a trovare un lavoro, non a ricevere un sussidio”.

È affascinante constatare come una delle pensatrici (va be’) del Jobs Act abbia ancora il coraggio di parlare. Epico, poi, il suo attacco al sindaco di Arezzo, città dove si guarda bene dal farsi vedere perché conscia di rischiare la lapidazione verbale. Alessandro Ghinelli, sindaco di centrodestra, risulta indagato per favoreggiamento. Lei: “Faccio fatica a non ricordare gli attacchi scomposti e beceri che Ghinelli mi rivolse per la vicenda Banca Etruria per la quale non sono nemmeno mai stata indagata.

Anzi, arrivò a dichiarare che avrebbe promosso un’ azione di risarcimento dei danni nei miei confronti a nome della città (..) Se lei fosse una persona seria adesso si dovrebbe scusare per come si è comportato in passato. O al massimo fare una bella causa di risarcimento danni a nome della città nei suoi stessi confronti”.

Andrebbe qui ricordato come Ghinelli sia sindaco dal 2015 perché i renziani locali, obnubilati dal potere (Arezzo era la città più renziana d’Italia), anticiparono la fine della giunta Fanfani (Pd) per avere un sindaco tutto loro. Erano così sicuri di vincere che scelsero un fenomeno più boschiano della Boschi, carismatico come il muesli e politicamente accattivante come i baccelli mosci.

Tal novello Churchill garantiva (minacciava) che avrebbe “governato 10 anni”. Non esattamente: al ballottaggio riuscì a prendere meno voti del primo turno e perse. Idolo. La Boschi ha un tocco politico (della morte) naturale. Se volesse bene a se stessa, dovrebbe ponderare l’ eventualità di abbandonare sul serio la politica, con cui del resto non c’ è mai entrata molto, per dedicarsi (se proprio deve) all’ avvocatura. Il mondo tutto gliene sarebbe grato, con la sola eccezione di Salvini, che con “avversari” così vivrebbe di rendita per decenni.

2 thoughts on “Andrea Scanzi fa la messa in piega alla Boschi

  1. De quelo che dice la Boschi nun ce ne po’ fregà de meno.
    Si nun c’hai niente di interessante da scrive’… perché lo scrivi lo stesso?
    Andrea… torna sotto l’ombrellone!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.