Cronaca/Interno/Politica

Chi ha paura di Conte

(pressreader.com) – Rivedendo la nostra copertina sulla sfida all’Ok Corral e parafrasando Clint Eastwood, possiamo tranquillamente dire che quando un pistola incontra un uomo col fucile, il pistola è un uomo morto. Ieri Conte ha sottoposto Salvini al trattamento dell’asfaltatura completa, aiutato dall’ennesimo harakiri mediatico del Cazzaro Verde che si è piazzato al suo fianco sperando di spaventarlo e poi riducendosi a fargli le faccette: solo che era seduto sotto, in posizione di minorità rispetto al premier in piedi che lo prendeva a sberle dall’alto al basso, con una lezione di politica, democrazia, diritto parlamentare e costituzionale, ma anche di dignità e di stile allo scolaretto bullo e somaro. Il quale ha raddoppiato l’autogol parlando subito dopo e rendendo ancor più evidente l’abisso morale, intellettuale e dialettico che lo separa dal premier, con un discorso sgangherato, senza capo né coda: doveva almeno spiegare la crisi più pazza del mondo, invece se n’è scordato o non sapeva che dire. Meglio sbaciucchiare rosari e sacri cuori, fra gli applausi dei leghisti più pii, tipo Calderoli che si sposò col rito celtico davanti al druido.

Il confronto ravvicinato fra quei due modelli politico-antropologici crea, agli occhi degl’italiani, un nuovo bipolarismo tutto nel campo “populista”. Conte, a dispetto della doppia propaganda leghista e sinistrista, non è uomo dell’establishment né del vecchio centrosinistra. È l’interprete più apprezzato di un populismo-sovranismo dal volto umano che ottiene risultati in Italia e in Europa, diversamente da quello parolaio, inconcludente e dannoso delle destre. Perciò, oltreché per capitalizzare i sondaggi e liberarsi delle indagini, Salvini ha rovesciato il governo: Conte stava crescendo troppo per lasciargli altro campo libero da fiore all’occhiello del M5S. È lo stesso timore che anima Zingaretti e Renzi, divisi su tutto fuorché sull’ostilità a Conte, tanto comprensibile per ragioni di bottega quanto miope per gli interessi dell’Italia: se mai nascesse un governo M5S-Pd, l’unica speranza di renderlo popolare sarebbe di affidarlo all’“avvocato del popolo”. Ieri è bastato sentirlo parlare, in un dibattito parlamentare di livello infimo, per instillare in tutti una domanda spontanea: ma perché uno così deve dimettersi? E perché non lo rincorrono tutti per affidargli il nuovo governo? Se non per convinzione, almeno per convenienza, essendo Conte da mesi l’unico leader che batte Salvini nei sondaggi. Figurarsi dopo ieri. Ora il Cazzaro è al punto più basso della sua parabola politica. Solo il Pd può salvarlo. E pare che, ancora una volta, stia lavorando per lui.

(Chi ha paura di Conte – di Marco Travaglio – il Fatto Quotidiano del 21 agosto 2019)

71 thoughts on “Chi ha paura di Conte

  1. Conte non ha paura di niente, non è un leccapiedi, non si fa intimidire perché ha la forza dell’onestà, prima di tutto intellettuale, dalla sua parte. Non vuole vivere in Parlamento e pensa al meglio per i cittadini, tutti compresi.
    Ce ne fossero così, uno per ogni schieramento, ognuno con le proprie idee di Paese, allora si cambierebbe davvero direzione.

      • Che il PD non metta tanti paletti semza ostentare superiorità , facciano il GOVERNO e liscino lavorare ,CONTI.
        NON FACCIANO L’ERRORE DEI ,5 stelle ,con BERSANI .

    • Il punto è che già uno così è, per dirlo con elegante francesismo, “un dito al culo”
      alla cleptocrazia che da decenni domina il panorama politico italiano… figuriamoci se ce ne fosse uno in ogni partito.
      Si correrebbe il serio rischio che la Politica (quella sconosciuta, con la P maiuscola)
      emerga dal pantano mefitico in cui l’hanno precipitata i camerieri del Capitale, riempiendole ben bene le tasche di sassi perché non potesse mai più riemergere.
      Avevano puntato sul Truce per tagliare le gambe al M5S e a quel marziano di Conte (ma da dov’è uscito mai costui?) ma hanno sbagliato i calcoli: dopo solo un
      anno il loro campione ha sbroccato di brutto credendosi Caio Giulio Cesare che
      chiede al Senato romano i “pieni poteri” e poi, sbertucciato da tutti, si mette a frignare come un bimbo capriccioso che batte i piedi per terra “perché non l’hanno lasciato vincere”.
      Più che pericoloso… patetico.
      Comunque Giuseppe Conte è un uomo, lui sì, pericoloso perché potrebbe convincere tanti, ormai sfiduciati, che invece la Politica potrebbe essere cosa
      degna e pulita invece che quella cloaca a cielo aperto ch’è diventata.
      In quanto pericolo per la cleptocrazia lo faranno fuori.
      In un modo o nell’altro troveranno il modo di toglierselo dai piedi.
      Ha cominciato Zinga Mononeurone a chiedere a Conte di cospargersi il capo di
      cenere (lui… Conte!!!) prima di prendere anche solo in considerazione la possibilità di parlare con lui.
      Avete capito con chi abbiamo a che fare?

  2. Purtroppo, non ci sono le condizioni per far altro che il voto. Il rischio di restare incastrati nei pasticci di Zingaretti e Renzi (due disperati che per sopravvivere sarebbero disposti a tutto) è per il M5 troppo alto. Del resto, non si può lasciare un Cazzaro per poi mettersi con un altro che ha già dimostrato ampiamente incompetenza.

  3. Certamente non hanno paura le alte gerarchie di Oltretevere , anzi , che hanno trovato in lui il novello Andreotti . Ma va bene cosi’ , meglio un nuovo Andreotti , che un ingenuo fenomeno da baraccone come il capo leghista .
    Non si preoccupi Travaglio , sara’ fatto fuori in casa propria , dopo quello che ha combinato , ne sono certo .

    • Per Rango.
      Concordo pienamente sul fatto che Salvini sia un fenomeno da baraccone per le sue sparate, per i suoi atteggiamenti sguaiati, per la sua compulsiva dipendenza dai social, per la ricerca di giustificazioni più adatte ai bambini dell’asilo che ad un uomo delle Istituzioni (tipo quando è saltato fuori lo scandalo dei fondi russi alla Lega: “Savoini? Non l’ho invitato io. E’ venuto per conto suo”, oppure quando si è accorto di averla fatta fuori dal vaso: “Ho detto a Conte di volere la crisi? Falso!”), confidando sull’assunto che gli Italiani siano tutti boccaloni, un po’ come affermava il suo mentore Berlusconi: “Il telespettatore italiano medio ha l’intelligenza di uno che ha fatto la seconda media, e nemmeno tra i primi banchi!”.
      Non sono invece d’accordo sul fatto che Salvini sia un ingenuo. Tutt’altro, ed è per questo che lo ritengo molto più pericoloso, specie se parliamo di uno che è in politica dai tempi del diploma e che denota una smodata sete di potere.
      Mi riesce invece difficile comprendere l’accostamento tra Andreotti e Giuseppe Conte: il primo era un signore della politica, il secondo è un Signore prestato alla Politica.

      • Ascolta , io sono pugliese , e potrei mettermi a esaltare Conte piu’ di qualunque altro , e mettermi a denigrare Salvini , ma non mi va . La politica non la interpreto da tifoso , cerco nel mio piccolo di capire e analizzarla . Salvini puo’ venire da una lunga militanza ma non significa nulla , non vuol dire che sia una testa pensante , e’ solo uno che ubriacato dai sondaggi ha pensato di essere ormai diventato un dio in terra , quando doveva sapere che in una rep. parlamentare come la nostra ecc. ecc.
        Quanto a Conte , bisogna aspettare , sinceramente non so giudicarlo , so solo che i suoi agganci con. il cardinale Parolin , ma qui mi fermo .
        Certo che la sua formazione giuridica ha fatto scomparire la rozzezza di Salvini , ma in politica non credo che possa bastare .

      • Io mi auguro che ci sia un altro governo Conte, è l’unica persona che può veramente far bene all’Italia altrimenti saremo ancora sull’orlo del precipizio e la credibilità in Europa e nel mondo verrebbe ancora meno.

  4. Conte surclassa tutti, li oscura, li annichilisce con la sua competenza dallo spessore umano, portando con sè dignità e onorabilità , caratteri ormai sconosciuti nella politica dei cazzari. Sono tutte mezze cartucce, non potrebbero mai tollerarne il confronto e correre il rischio di alzare l’asticella qualitativa del politico in circolazione, non sia mai che poi ci si abitui a certi caratteri e cominciamo a riconoscerli e a pretenderli, perchè il vero problema è che gente così non ne passa, dopo Conte torniamo alle mezze cartucce

    • Si vede che il signor salvini davanti il discorso fatto dal presidente del consiglio e di una’altra scuola gli ha dato un esempio di civilta che salvini con tutta la lega non conosce viva il presidenta conte

  5. Io credo che Conte sia il nuovo leader, il volto spendibile, del M5S.
    Di Maio ha fallito, SU TUTTO.
    Ha fallito nella sua ricerca dell’alleanza con il capitone, che alla fine l’ha divorato.
    Ha fallito nel soccorrerlo ad ogni sua sparata, utile idiota che giustificava ogni nefandezza come quelle sull’uscita dall’euro mentre lo spread arrivava a 350.
    Ha fallito nella gestione di due ministeri di peso, perché gli indici di decrescita economica stanno a testimoniarlo. Crollo nell’erogazione dei mutui, crollo ulteriore dei consumi, crollo della produzione industriale, provvedimenti insulsi come l’ecomalus che ha ulteriormente affossato la produzione nazionale di autoveicoli a favore di coreani e giapponesi.
    Ha fallito perché la sua arroganza e presunzione si accompagna ad una profonda ignoranza. Voleva l’impeachment per Mattarella, si vantava di aver sconfitto la povertà,è arrivato a parlare di “TESORETTO” dopo che lo spread era disceso a 180 punti da utilizzare per abolire il bollo auto. Peccato che quello francese sia a 25 e quello spagnolo a 65. Sproloquia senza sapere di cosa stia parlando.
    Ha fallito nella gestione di un partito preso a 33% e portato oggi al 15% secondo i sondaggi più favorevoli.
    Se il M5S volesse riprendersi deve svuotare di potere la figura di questo dilettante ed arrivista investendo la propria credibilità su Conte.
    Casaleggio srl permettendo, opaca quinta colonna che amministra il potere con votazini farlocche e pilotate su una piattaforma NON CERTIFICATA.
    Su Salvini e la sua conclamata cialtronaggine non devo aggiungere altro. Sono 26 anni che campa a scrocco sui contribuenti italiani. Finora ha aumentato i consensi alzando sempre più i toni. Ha sempre campato individuando dei nemici sui quali sfogarsi, presunti ed immaginari, MA NON HA MAI RISOLTO PROBLEMI. Ha coniato il termine “RUSPA” 7/8 anni fa, cos’ha risolto nel frattempo? Si è inventato un’aggressione subita da una ZINGARACCIA, nuova figura retorica di nemico da dare in pasto al suo popolino becero ed ignorante che vuole nutrirsi di questo e rifugge dall’analisi e comprensione di problemi leggermente più complessi che ne condizionano la vita.
    Ave capitone, morituri te salutant.
    Ma a finire arrosto sarai TU.

      • Se motivassi questa tu uscita sarebbe per me più facile contestarti.
        Ma ti adagi su una difesa di circostanza, acritica, da un rigo.

      • La disoccupazione ai minimi dal 2012, l’occupazione segna un nuovo record storico
        https://www.huffingtonpost.it/entry/la-disoccupazione-ai-minimi-dal-2012-loccupazione-segna-un-nuovo-record-storico_it_5d414bbfe4b0db8affb08a70

        A maggio disoccupazione al 9,9%, record per il tasso di occupazione
        https://www.repubblica.it/economia/2019/07/01/news/istat_disoccupazione_maggio-230038786/

        Lavoro, crescono contratti stabili e trasformazioni tempo indeterminato
        https://www.lapresse.it/economia/lavoro_crescono_contratti_stabili_e_trasformazioni_tempo_indeterminato-1561749/news/2019-06-19/

        ora continui pure con la sua visione apocalittica della situazione odierne in Italia.

        ci metta pure le cavallette…

      • Jerome, credo che Guido volesse dire che lei ha l’obesta’ intellettuale che manca a molti.

      • Vorrei rispondere a GUIDO, che in generale stimo e condivido.
        Personalmente non vedo tutta questa ripresa. Se mi guardo attorno, anzi, vedo sempre più fondi chiusi con il cartello “VENDESI”… neanche più: “affittasi”.
        Il mio cognato, continua a non trovare lavoro (ormai da anni) e noi non sappiamo più cosa inventarci per arrivare alla fine del mese. Anzì, già da un po’ grattiamo i due spicci che ci eravamo messi da parte molti anni fa. E tra un po’ saranno finiti.
        A quel che vedo (e non che” sento raccontare”) stiamo rotolando giù,
        tutto come previsto. L’altro giorno al porto ho parlato con un greco che lavora su uno yacht come mozzo. Quello che mi ha deto è spaventoso, soprattutto perchè mi ha raccontato come tutto sia degenerato un po’ alla volta… proprio come qui.
        Tra un po’ dei greci non ci sarà più traccia, tranne che sui libri di storia.
        Ho tanta paura che un metro alla volta, ci troveremo nel fosso senza poterne più uscire. È ancora vero che ci sarebbero le forze necessarie alla rinascita, ma proprio non vedo la volontà politica e il coraggio di prendere il toro ( i Krukki) per le corna.
        Stiamo tutti ad aspettare che stiano male anche “gli amici tedeschi”… così almeno cambierà qualcosa. Come se il servo aspettasse la malattia del padrone per far arrivare il medico. Beh! Il padrone NON PRENDERÀ gli antibiotici per compiacere il servo, se gli basterà uno sciroppino… e per il servo, potrebbe essere tardi.
        Le uniche attività che vanno bene, sono quelle che esportano.
        Certo che “MAI così bene, da un po’ di anni a questa parte”… gli stipendi sono crollati e i diritti pure; gli operai ti lavorano come crumiri, zitti e muti !!
        Guardiamoci un po’ più intorno e ascoltiamo un po’ meno chiacchiere, che qui ci stanno cucinando a fuoco lento, mentre noi crediamo di essere gli invitati.

      • GRAZIELLA

        certo che non c’è tutta sta ripresa, ma non c’è neanche la catastrofe che alcuni si ostinano a raccontare.

        E’ un anno di governo, non dieci, quindi non possiamo mica pretendere che Di Maio in un anno da ministro ci porti al boom economico degli anni 60.

        Le critiche vanno bene quando sono ponderate e senza esagerazioni, ma coloro che vedono crollare tutto non fanno una critica costruttiva, ma solo un attacco politico che non tiene conto di TUTTI i fattori in gioco.

        Ad esempio pochi ricordano l’aiuto di Draghi (quantitative easing) quando c’era Renzi. Se avesse fatto lo stesso dall’inizio di questo governo, ora avremmo risultati ancora più positivi. E poi la nostra economia è strettamente legata a quella tedesca. Se vanno male loro è un miracolo che noi stiamo ancora in piedi.

        UN ALTRO DATO IMPORTANTISSIMO CHE NESSUNO CITA;

        Istat, export in crescita a giugno +1,2%: trend positivo grazie a Usa e Giappone

        Crescita congiunturale per le esportazioni (+1,2%) e flessione per le importazioni (-2,1%) a giugno. I dati dell’Istat mostrano un trend positivo dell’export, che continua da quattro mesi.
        https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/08/09/istat-export-in-crescita-a-giugno-12-trend-positivo-grazie-a-usa-e-giappone/5378492/

        Se mettiamo insieme il tutto, non c’è nessuna catastrofe come invece alcuni raccontano, anzi!

      • Questo cialtrone in video parla per ipotesi assurde, senza tare a guardare i fatti.
        Crescita nellì’area Euro, ultimi dati disponibili:
        Pil Giugno
        UE +0,5%
        Francia +0,3%
        Germania +0,4%
        Svezia +0,5%
        UK +0,5%
        Belgio +0,3%
        Austria +0,4%
        Spagna +0,7%
        Olanda +0,5%
        ITALIA +0,1% Dopo aver sperimentato, unici in Europa, una recessione, 3 MESI CONSECUTIVI DI REGRESSIONE DEL PIL, nell’ultimo trimestre 2018.

        Occupati
        Mag 19 vs Mag 18
        15-24 anni +43k Grazie ai contratti schiavisti di apprendistato
        25-34 anni -43k
        35-49 anni -208k
        Oltre i 50 anni +300k Perché si accontentano di quel che trovano a condizioni di ricatto

        Disoccupati
        15-24 anni -18k
        25-34 anni -53k
        35-49 anni -58k
        Oltre i 50 anni -62k

        Inattivi
        15-24 anni -15k
        25-34 anni +19k
        35-49 anni -36k
        Oltre i 50 anni +125k

        Il totale degli occupati NON E’ SALITO.
        Le ore totali lavorate sono DIMINUITE DI UN MILIARDO rispetto a 10 anni fa
        Ergo i contratti sono quasi tutti Part-time, con meno denaro a disposizione che si traduce in una crisi dei consumi
        Sono aumentati gli scoraggiati che hanno rinunciato a cercare un lavoro uscendo dalle statistiche e provocando, attraverso la diminuzione della base di calcolo totale, un aumento fittizio dell’occupazione e della disoccupazione.
        Aggiungiamo circa 300k di connazionali che annualmente emigrano all’estero.
        E a completare il quadro altri 300k lavoratori soggetti a crisi aziendali con tavoli aperti al MISE e che risulterebbero, con la CIG che E’ AUMENTATA DEL 99%, ancora come occupati.
        Bisogna infini capire se i percettori del RDC entrano a far parte degi occupati, dei disoccupati o sono stati pure loro cancellati dalla base di calcolo totale.

      • Giusto per parlare di onestà intellettuale con numeri DA SAPER LEGGERE e non con link tanto per fare propaganda.

      • JEROME B.

        “Grazie ai contratti schiavisti di apprendistato”

        “Perché si accontentano di quel che trovano a condizioni di ricatto”

        “Bisogna infini capire se i percettori del RDC entrano a far parte degi occupati, dei disoccupati o sono stati pure loro cancellati dalla base di calcolo totale.”
        —————————–

        Se c’è un cialtrone quello sei proprio TU con le tue cretinate che ho riportato sopra.

        Continua pure a raccontare che è arrivata l’apocalisse economica per colpa di Di Maio.

        E’ CROLLATO TUTTO!

        E’ PEGGIORATO TUTTO!

        Evidentemente “la bestia” fa bene il suo sporco mestiere.

      • Cialtrone indegno, ma con chi credi di interloquire?
        Leggiti i miei precedenti post.
        Avevo l’anno scorso votato per il M5S, pentendomene non appena venne firmato quell’obbrobio di contratto con la lega ladrona.Sempre appoggiato le posizioni dei vari De Falco, Nunes, Elena Fattori.
        E Di Maio ha sempre difeso quella scelta, umiliandosi e prostituendosi ai piedi di Salvini. Ai miei occhi E’ COMPROMESSO.
        NON ACCETTO LEZIONI DI PROPAGANDA QUANDO I NUMERI DICONO ALTRO.

        Te lo hanno scritto pure altri commentatori che tutto questo benessere non si vede. Anzi la situazione è nettamente peggiorata nell’ultimo anno.
        Se poi il tuo compito è quello di voler far credere che gli asini volano sono fatti tuoi.
        La realtà percepita, comprovata dai numeri macro, dice che loro sono stati un fallimento.
        Ora riprenditi pure le tue contumelie.

      • @ GUIDO
        Comunque non ritengo responsabile il governo, se le cose non sono cambiate.
        È ovvio che in un anno di governo neanche Padre Pio avrebbe potuto compiere miracoli. Ma continuo a pensare che restare nelle regole UE per noi sia un capestro e qualunque altra soluzione che non sia l’uscita “quasi” impossibile.
        Il fatto che vada così bene l’export, e male il consumo interno, come ho già scritto, è sintomatico di un cambiamento sociale per me preoccupante: ci stiamo consegnando al NEOLIBERISMO. E non ci porterà bene, non è nel nostro DNA per fortuna.
        Il governo ormai defunto, per me rappresentava le istanze di un popolo intero e per questo capace di portare a casa qualcosa di congruo. Tutta l’Italia (quasi) da destra a sinistra lo appoggiava. Invece il tutto è finito in fanteria, e non solo per colpa di Salvini. Tanto oramai la battaglia con Bruxelles era persa per resa dei pavidi e da chi gli ha voluto consegnargli pieno mandato.
        Ora vedo far capolino un governo che al primo punto ( Zigaretti), mette la PIENA SUDITANZA ALL’ UE e alle ONG. Io non posso fare a meno di essere sconsolata.

      • GRAZIELLA

        ma anche a me piacerebbe arrivare alla rottura con l’UE, ma la maggior parte degli italiani non credo approverebbe.

        Il M5S è arrivato al 33% proprio perchè ha rinunciato, dichiarandolo prima delle elezioni, ad eventuali uscite dall’euro o UE.

        La Lega secondo me bleffa sull’euro, perchè tanto dirà che Berlusconi non vuole uscirne. E anche se la Lega governasse da solo, dubito che Giorgetti, Maroni, Zaia e gli altri big permetterebbero l’uscita.

        La Lega ha minacciato più volte la fine del governo su tanti argomenti non condivisi dal M5S, ma MAI ha invitato il M5S a votare un uscita dall’euro o dall’UE. Quindi ne deduco che sia un bluff il loro essere contro l’UE.

        Quindi, come hai ben capito, non abbiamo ampi argini di manovra e ci dobbiamo, purtroppo, accontentare di quel poco che ci concedono.

      • La cosa che più mi fa imbufalire è la continua ricerca, anche in buonafede, di un nemico esterno a cui accollare la nostra problematica situazione economica.
        L”euro è un’unità di misura, una moneta che essendo impersonale non ha colpe o meriti. Come pure la ricerca di vedere nella Germania o nella Francia dei nemici.
        Parlate come un Berlusconi 2.0, quello che è oggi il capitone.
        In nessun commento vedo autocritiche.
        Debito elevatissimo. Come ci siamo arrivati? Chi l’ha implementato?
        Ricordo agli smemorati che con la liretta svalutata avevamo un inflazione “IMPORTATA” a doppia cifra, perché le materie prime necessarie alla nostra economia di trasformazione sono quotate in dollari.
        Gli interessi sui mutui e sui finanziamenti viaggiavano di media intorno al 15%.
        Gli interessi su Bot e Btp erano tra il 12 e il 14% senza l’euro che oggi ci fa da scudo.
        Perché nessuno ricorda che dopo i primo governo Prodi, il migliore che io ricordi, che portò alla creazione di un avanzo primario, ad una discesa del rapporto debito-Pil sotto quota 100, ad una crescita tra il 2,5 e il 3%, ad un riassorbimento della disoccupazione con provvedimenti geniali quali il bonus rottamazione arrivò Berlusconi che sfasciò i conti?
        Dopo la sua vittoria alle elezioni del 2000 avrebbe dovuto vigilare sui prezzi nel passaggio Lira-Euro nel 2001. Disattese gli strumenti di controllo che erano stati predisposti dai suoi predecessori. Permise un cambio 1.000£ = 1€ per ingrazuiarsi la sua base elettorale di partite iva.
        Favorì un’evasione fiscale paurosa, predispose condoni fiscali, edilizi, tombali. Soprattutto si inventò lo scudo fiscale che, dietro la garanzia dell’anonimato, permise anche ai delinquenti e agli evasori come lui di far rientrare i capitali portati illecitamente all’estero pagando una misera multa.
        Si avventurò, per sua vanagloria, in costose e sanguinose missione di guerra dietro Bush e Blair in Iraq ed Afghanistan come esportatore di pace, mentre i tedeschi RESTAVANO A CASA A FARE RIFORME che poi li hanno premiati.
        Continuò a sfasciare il codice penale e di procedura penale per pararsi il q.lo dagli innumerevoli processi perché era un DELINQUENTE NATURALE. Fece passare indulti, amnistie e sgravi di pena. Adottò la prescrizione breve in combinato disposto con il processo lungo liberando di fatto migliaia di delinquenti, di strada e in giacca e cravatta.
        Abbiamo da allora n tasso di corruzione e di spoliazione delle finanze pubblico pauroso. Abbiamo varie forme di criminalità organizzata che hanno infiltrato e inquinato la politica.
        In piena tempesta ormonale tipica dei settantenni, riempì le sue liste e le istituzioni di mignotte a cui si accompagnava.

        Dopo aver fatto cadere il secondo governo Prodi nel 2008, grazie alla corruzione e alla compravendita dei vari De Gregorio, Razzi e Scilipoti, abbandonò il potere con il debito al 130% e lo spread a 500 punti.
        Ma la maggior prte di voi addebita i nostri problemi all’euro e alla Germania, per primo il capitone fannullone.
        Di questo governo appena caduto ho apprezzato l’opera del ministro Bonafede, per perseguire finalmente i ladroni di Stato. Ma mi sa che è stato un tentativo che rimarrà lettera morta.
        Se gli altri paesi corrono e noi stiamo fermi dovremmo guardare quali delinquenti hanno eletto in passato gli italiani, per servilismo e per parassitismo.
        Torneremo grandi solo quando verranno puniti i responsabili presenti e passati dei disastri, non cercando nemici esterni. Che poi sarebbe pure paradossale, visto che siamo secondi in Europa per surplus commerciale. Ci mancherebbero solo i dazi come provvedimento tafazziano ad aggravare la produzione di reddito e lavoro.

      • Graziella, vorresti spiegarmi cortesemente perché sarebbe un bene che noi uscissimo dall’euro?
        Su quali argomenti e numeri si baserebbe tale tua scelta?
        Persnalmente lo reputerei un suicidio, ma apprezzerei se tu riuscissi a farmi guardare la cosa da un altro punto di vista.

      • @ Jerome B. ma quanto sei CAZZARO. Compari le ore lavorative rispetto al livello pre-crisi? O dovresti compararle rispetto al 2018?

        Conte e i 5S manco esistevano politicamente all’epoca.

        CAZZARO.

        Quanto alla crescita del PIL: eh sì, si sta cagando sotto anche la Merkel per via del ‘raffreddamento’ di Krante Ghermania e adesso la colpa è di Conte? Certo, che se avessero messo mano al portafogli per fare quel che avrebbe fatto comunque il PD se avesse vinto, o il centrodestra… allora saremmo andati in positivo, no?

        Perché se lo pensi, fai bene a non votare più M5S. O sei un falsone, oppure non hai capito una sega di quello che è successo.

        Intanto qua da me asfaltano le strade come mai prima d’ora.

        E questo è un fatto: iniziato nel 2018. E significa tanto lavoro in più. Ma questo cosa vuoi che ti interessi.

      • STEF MENC Sei di un’ignoranza da competizione.
        Trolleggi sparando gratuitamente insulti dimostrando che non hai capito un caxxo.
        Parli di Germania come se tu conoscessi la loro situazione.
        Intanto sono cresciuti sempre più di noi. I loro problemi in questo momento sono i rapporti con Trump e di riflesso di costui con la Cina.
        Le imprese tedesche sono votate all’export e hanno impianti sia negli Usa che in Cina, mi riferisco innanzitutto ai gruppi automobilistici. Quindi i dazi, le minacce e le stronzate americane vengono amplificate nella loro economia. Ma è vero pure che fanno tanta ricerca e ciò li rende più competitivi rispetto agli altri paesei.
        Tu ti permetti di denigrarli con epiteti ma ignori, perché sei ignorante, che tante aziende impiantate in Italia, ANCHE TEDESCHE COME LA BOSCH, sono loro fornitori. Ed è matematico che a breve cominceranno, cominceremo a risentire della loro crisi.
        Parlare con troll come te è identico al dare perle ai porci.

    • Ultima cosa, sarebbe meraviglioso se Conte andasse a capo dei 5s, porterebbe in un attimo il partito alle percenutali di una volta ma non so se ha lui converrebbe, Nei 5s non tutti sono delle cime, anzi per la verita’ ci sono poche persone che si distinguono e Di Maio non e’ tra queste. Con chi farebbe una squadra di governo che non lo faccia sfiguarare?

    • ballista, francia, spagna, potogallo ecc negli ultimi 10 anni hanno fatto deficit che noi ci sognamo, per questo sono cresciuti piu di noi. la germania oggi essendo in recessione vuole fare deficit per 50 mld ma se lo dice salvini è un cialtrone, la verità è che siete i soliti miserabili antiitaliani..

    • il solita cacciaballe, francia, spagna, potogallo ecc negli ultimi 10 anni hanno fatto deficit che noi ci sognamo, per questo sono cresciuti piu di noi. la germania oggi essendo in recessione vuole fare deficit per 50 mld ma se lo dice salvini è un cialtrone, la verità è che siete i soliti miserabili antiitaliani..

      • Che cialtrone.
        La Germania ha un rapporto Debito/Pil a 60%, l’Italia al 136%.
        Il tuo idolo fannullone spinge per aumentare il debito. Non fa parte dei suoi orizzonti culturali recuperare risorse attraverso la lotta all’evasione e alla corruzione, semplicemente perché è pure lui un delinquente circondato da pregiudicati e a capo di Lega Ladrona.
        Siete un massa di ignoranti, cinici, opportunisti e naturalmente portati a delinquere.
        L’Italia dovrebbe essere liberata da voi per riprendersi sul serio.

      • Jerome B,

        Anche un coglione come te dovrebbe avere bene in mente che una nazione che ha un trend in maggiore crescita di un’altra, dopo alcuni anni, la passa anche se parte da una posizione di vantaggio. E se la Germania ti sembra troppo ‘bassa’, vai a vedere Francia e Spagna di quanto sono aumentate negli ultimi 10 anni e taci. E se tu hai votato M5S, mi dispiace avere avuto un confratello così idiota come ti dimostri.

      • A parte insultare non sei in grado di portare alcun contributo al confronto.
        Sei un rozzo ignorante.
        Confratello un caxxo, io non mi sento parte di una setta.
        Seguo, seguivo, Grillo dal 2006 sul web, da quando ogni lunedì pomeriggio dava ospitalità agli editoriali video di Marco Travaglio.
        Ero a Bologna, perché la vivevo e lavoravo, nel settembre del 2007.
        Ho sempre guardato le 5 Stelle, i 5 punti programmatici su cui è nato il movimento con interesse.
        Io non ho mai avuto velleità rivoluzionarie, mi sarebbe bastato che in politica arrivasse e venisse applicata la parola d’ordine del M5S, ONESTÀ.
        Tutte le altre scemenze pseudo-rivoluzionarie hanno la colpa di nascondere e spostare l’attenzione da tale cruciale problema in una nazione di corrotti e criminali.
        Ma è necessario che l’onestà si accompagni alla preparazione, alla competenza, alla cultura.
        Invece sono arrivati al potere anche tanti, troppi vincitori della lotteria delle clickarie e sono cominciati gli show al ribasso, culminati nell’alleanza con lega ladrona.
        Hai scritto delle scemenze che nemmeno tu comprendi.
        Sei un figlio della cultura decerebrata delle tv berlusconiane.

  6. Si, il Cervo Verde è un Irresponsabile, ignorante, codardo, aggiungerei ladro.
    Un sentito grazie all’ex PRESIDENTE DEL CONSIGLIO, finalmente una persona perbene.

  7. Conte fa paura ai partiti perché non ha nulla da perdere, lo ha dimostrato ieri quando Salvini in extremis ha ritirato la mozione di sfiducia per propagandare che c’è un complotto contro di lui. Quando scoprirà che il mandante è stato un tizio in spiaggia, che non ha capito che si fa la campagna elettorale per diventare ministro e non si diventa ministro per fare la campagna elettorale? La lezione più dura è stata una: Conte ha detto che si sarebbe dimesso e poi lo ha fatto. Difficile da digerire per uno che urla che è finita da giorni, senza rimuovere neanche l’unghia da un ministero.

  8. TUTTI attoniti, increduli, intimoriti, dinnanzi alle verità espresse chiaramente da Conte sinora represse per correttezza istituzionale. L’inconsapevole ex ministro dell’esterno ,s’e’ rivelatocon una figura di sterco colossale, dinnanzi a tutti gli Italiani, ed ai suoi colleghi della Lega.Ora è barricato al Viminale, luogo sinora sconosciuto per lui, rifiuta di uscire se non con un T.S.O. altra figura di sterco, dopo aver sbracato il Governo e ritirata la sfiducia, bacia il Crocefisso…, che da 26 anni, ed a 20.000 euro al mese, siede in Parlamento, e, fosse per lui, vi rimarrebbe vita natural durante !!! E NOI PAGHIAMO !!!!!

  9. Ipocrisia vs normalità, cinismo vs normalità, bullismo vs normalità, il nulla vs normalità … potrei anche andare avanti … il punto è che rispetto a personcine rabberciate che arrancano nella dialettica usando banalissimi luoghi comuni oltre i quali latita sostanza e competenza anche una persona normale appare come un gigante.

  10. Grande lezione di vita di Giuseppe Conte al bullo recalcitrante Matteo Salvini che ne è uscito con l’immagine a pezzi e il carisma sotto le scarpe.
    Il livello incomparabilmente superiore del discorso del premier rispetto alla replica misera, sciocca, ripetitiva e raffazzonata del leghista sottolineano, come dice perfettamente Travaglio, “l’abisso morale, intellettuale e dialettico” che li separa.
    In tredici giorni dal gesto insano con cui ha perentoriamente chiesto le dimissioni del governo, il guitto berlusconiano non è stato capace di scrivere uno straccio di discorso per spiegarne i motivi, che restano ancora dissimulati ed imperscrutabili: non potendo ammettere che tutto ciò possa essere stato originato solo da una sfrenata, irresponsabile ambizione.
    Il dibattito è stato estremamente deludente sia da parte leghista (gli arrampicamenti sugli specchi di Bagnai sul tema Europa sono sembrati tanto tecnici quanto forzati e patetici, una sorta di foglia di fico a coprire immonde nudità di linea politica e turpi impulsi) che, di male in peggio, da quella piddina che, per voce dell’incolore e mediocre Zingaretti, ha fatto palesare da subito quale traversata del deserto si apre adesso per una intesa col Pd.
    Un intervento, quello del segretario depotenziato, nel consueto insopportabile e ormai anacronistico slang politichese, tanto faticoso da seguire quanto vuoto ed intempestivo, al limite dell’insulso, che però tradiva la soddisfazione della nomenklatura piddina di ritrovarsi inopinatamente, grazie al gesto sconsiderato ed improbabile dell’appannato Salvini, di nuovo sulla ribalta politica, quasi a rivendicare un ruolo di pelosa interdizione ad una eventuale maggioranza alternativa.
    Ne esce fuori un quadro estremamente complesso ma sfilacciato e deprimente, data la mediocrità intellettuale e morale dei protagonisti.
    E sullo sfondo di tanto sconfortante grigiore si è stagliata netta e pulita la figura nobile di Giuseppe Conte insieme all’adesione visibilmente convinta e sincera alle sue parole dei ministri pentastellati e all’intervento del loro capogruppo Patuanelli, di rara efficacia e schiettezza.
    A questo punto, il presidente Mattarella può tentare solo la carta di un governo del Presidente che approvi, a larga maggioranza, la legge di stabilità scongiurando i rischi dell’esercizio provvisorio, completi la riforma costituzionale e, con un programma di minima, porti alle elezioni per la primavera inoltrata del 2020.
    Momento epocale di svolta ancora una volta la sfida sarà tra il M5S, unica e vera forza del cambiamento, con la nuova fortissima leadership di Giuseppe Conte, e la solita inguardabile e improponibile ciurmaglia partitocratica che resta asserragliata nel Palazzo.

    • Intervento dettagliato il tuo.
      Apprezzo e condivido la chiosa su Conte leader e voto spendibile anche in caso di elezioni anticipate.
      L’importante è far rientrare nei ranghi Di Maio, compromesso con la lega e di infimo livello culturale se confrontato con Conte.
      Lo permetterebbe il padrone casaleggio srl?

      • JEROME B.

        “Lo permetterebbe il padrone casaleggio srl?”
        ————————————————————

        Certo, il padrone. Comanda tutto lui e decide tutto lui con la frusta. Come no!

        E scommetto che te saresti una personcina a modo che non ha pregiudizi contro il M5S e non vuole fare propaganda contro il M5S!

        E gli asini volano!

        Dai continua a scrivere che “è crollato tutto”, che sei più divertente.

      • E tu continua pure a credere che la piattaforma NON CERTIFICATA Rousseau non venga manipolata da chi la possiede.
        Il mandato ZERO è stata l’ultima invenzione da far ingoiare ai fantomatici militanti. Degli ologrammi inesistenti nella realtà dopo che si è proceduto a chiudere i meet-up per non disturbare i manovratore.
        Che fino hanno fatto la democrazia diretta e partecipativa?
        Lo streaming dei lavori?
        Le proposte di legge provenienti da basso?
        Caro ignorantone propagandista ti trovi di fronte ad uno che aveva cominciato a seguire Grillo dal 2007, quando ospitava ogni lunedì pomeriggio gli editoriali video di Marco Travaglio prima che fondasse il FQ.
        Le sai ste cose o non ti hanno programmato in materia?
        I principi originari del M5S sono stati traditi da questa marionetta che risponde al nome di Di Maio, un arrivista ignorante, arrogante ed incompetente nei fatti.
        Eppure di competenze da spendere nei ruoli chiavi il M5S ne avrebbe a iosa al suo interno, ma resta un mistero perché sia stato scelto il più ignorante, uno che dorme in piede e che per difendere le sue poltrone non ha esitato cinicamente a prostituirsi ai voleri di Salvini. Forse perché, in virtù di tale profilo, è quello più manovrabile dalla ditta.

  11. Concordo con quasi tutto con Jerome B. e Pausilypon, vorrei aggiungere alcune considerazioni: Conte non mi sembra disponibile a guidare i 5stelle. Lui ha dimostrato di non essere manipolabile ma un grande mediatore per cui difficilmente sarà di nuovo presidente del consiglio il Pd non lo vuole. Se M5S-PD faranno un accordo di governo sarà appeso al volere, agli umori ed interessi di Renzi. Zingaretti non è all’altezza della situazione è solo provvisorio. Se si va alle elezioni adesso o in primavera il primo partito sarà comunque la Lega, perchè sarà Salvini contro tutti e almeno il 30/40 cento degli elettori italioti lo voterà e Forza Italia non ci sarà più ma la destra in Italia non è scomparsa. Cordiali saluti

  12. Conte chi?

    -Quello che va in giro con i santini del sig. Francesco Forgione (ovvero San padre Pio della chiesa cattolica romana)?
    -Qullo che ha fatto fino a ieri lo “scendiletto” di Salvini?

    Suvvia…

    • Avevi mai visto, prima di ieri, qualche politicante professionista mettere in un imbarazzo al limite della crisi di nervi, il sig. Capitone I di Padania e Imperatore di Papeete?
      Chiedo per un amico deficiente renziano.
      Attendo trepidante una tua sicura e dotta risposta.

      • Povera Italia…

        Conte non ha fatto che scopiazzare dai vari articoli che Saviano scrive su Salvini da anni…

        Non ho capito cosa c’entri in detta discussione il neoliberista democristiano Renzi!
        Povero paese

  13. piu’ di conte a me è piaciuto l’intervento di nicola morra,per me potrebbe essere lui un sig.presidente del consiglio,ma la mia è utopia

  14. “Ora il Cazzaro è al punto più basso della sua parabola politica. Solo il Pd può salvarlo. E pare che, ancora una volta, stia lavorando per lui.”…da brividi…freddi!!

  15. Morale della fava, cose già viste e vissute sulla pelle dell’italiano mona…
    Governo grullopidiota e pellegrinaggio dalla culona. In ginocchio, lingua insalivata per ottenere sforamento del 4/5% in cambio dell’accoglienza dei palestrati con catenine e cellulare incorporato.
    …cose già viste, vero Renzino?
    Poi il pidiota mona mediamente sottoculturato si lamenta del perchè dei rimpatri o perchè importunato o peggio derubato dei suoi beni fisici e morali.
    Lega al 50% e il marciolino a pontificare che la gente son tutti rutti e mojto!!!

  16. Date i sali al travaglio,, che non legge il suo giornaletto da 25.000 copie…

    Lucia Annunziata per “il Fatto quotidiano”
    Mi sembra che quello di Conte sia stato un discorso con poco pathos, ha fatto quel che mi aspettavo ma restando molto scolastico. Ha parlato di democrazia, di regole istituzionali. Tutto giusto, ma sempre molto da avvocato, più che da politico. Era una lezione tecnica by the book, un continuo “non ci si comporta così”, persino d’ antan come sul passaggio relativo all’ utilizzo dei social network.
    L’ unico vero affondo politico interessante verso Salvini lo ha fatto quando ha parlato del caso Savoini, ricordandogli che sarebbe stato opportuno riferire in aula sullo scandalo. Da sottolineare è anche la seconda parte del discorso del premier, quando ha parlato per un quarto d’ ora di ecologia, di diritti civili, delle difficoltà del Sud e dei giovani. Sembrava quasi una piattaforma per un Conte bis con il Pd, per quanto difficile sia che vada in porto. Più probabile che alla fine resti come una sorta di testamento politico da parte del presidente.

    • Aaaammmbè…se lo dice la giureconsulta de stoppardi…allora….c’è solo da aggiungere un…Ma sticazziiiii!!!! …”Tutto giusto, ma sempre molto da avvocato, più che da politico…” Maddaiii??? meno male che c’è lei a dirlo…sennò….

  17. Grande!! https://www.fanpage.it/politica/crisi-di-governo-matteo-salvini-e-uscito-dalla-sua-bolla-e-qui-fuori-vale-poco/
    “…Infine ritira fuori la storia della mamma e del papà. Ultima chicca il messaggio confezionato da Luca Morisi per i social: «Avete seguito??? Discorso STRATOSFERICO del Capitano in Senato, altro che la minestrina rancorosa e soporifera di Conte, tutta basata sull’acidello attacco personale a Salvini. Questo è un leader!!!». …forse questo “Luca Morisi” ha tanti nick…..Ahahahahahahahahahahahah…

  18. A questo punto un gov. purchesia lo faranno coi piddini fino a fine legislatura . Ne sono convinto
    Hanno una fifa tremenda costoro che manco uno che si trova a fare un bagno in un fiume di coccodrilli affamati che non beccano un pesce da un secolo . . La fifa consiste nel vedersi eletto un pres. della Rep non piu’ di riferimento politico , come succede da una vita . E i cinque stelle si presteranno , eccome se si presteranno . Sono quelli dell’ incanalare la protesta ( detto da loro ) mica quei rivoluzionari del cambiamento che hanno furbescamente fatto credere agli italiani .

  19. ma quello che mi rode tantissimo è che il FANFARONE (noi che lo conosciamo bene dal ’93 lo abbiamo sempre chiamato così) abbia resuscitato la Boschi e Renzi e i soliti “cosidetti” giornalisti come zecche attorno a pendere dalle loro labbra…maledizione a lui e al suo rosario farlocco…

  20. Gregorio De Falco, senatore:
    ‘Questo governo ne ha fatte di tutti i colori. I Cinque Stelle hanno votato tutto quello chiesto dalla Lega’.

  21. JEROME B. , nel suo attacco a Di Maio come ministro del lavoro (è crollato tutto a suo dire), scrive, :

    “Le ore totali lavorate sono DIMINUITE DI UN MILIARDO rispetto a 10 anni fa”
    —————————————————————-

    come passa il tempo!

    son già 10 anni che Di Maio fa il ministro del lavoro!

    eppure sembrava che fosse diventato ministro un anno fa, invece son già passati 10 anni!

  22. Via con la vaselina:prepararsi al cetriolone verde…

    Mail di Rousseau ai parlamentari M5S: pagate e preparatevi a voto anticipato

  23. JEROME B.: “L”euro è un’unità di misura, una moneta che essendo impersonale non ha colpe o meriti. ”
    —————————————-

    senza andare per le lunghe

  24. Grande Marco Travaglio! Ha il potere di dire in modo estremamente chiaro ed incisivo tanti pensieri che ho dentro e che solo lui ha il potere di elencare uno dietro l’altro.
    Esilarante “il pistola quando incontra un fucile”.

  25. Considerata bene bene la proposta della direzione del PD di oggi per fare un governo con
    il m5s, ritengo che la risposta non possa essere che una sola, un elegante francesismo:
    MAVVAF…
    Meglio, molto meglio le elezioni subito.
    se gli Italiani sono degli allocchi e daranno retta al Truce o a tutta la banda dei pifferai del PD, peggio per loro e per me.
    Dopo l’esperienza con la Lega, un governo col PD, con questa gente del PD, sarebbe mille volte peggiore e pericoloso.

    • Esatto. Già dettano le loro condizioni: niente incarico a Conte.

      Evidentemente non è per fermare Salvini il loro voler governare col M5S, ma è solo per aumentare i propri consensi, a discapito del M5S, prima di staccare la spina e andare a elezioni.

  26. Ah l’innocenza intrinseca nella mente inutilmente spaziosa del travagliato marciolino slurp, slurp…
    Tu credi che l’anno bellissimo di Conte finisca qui? Lui che, non eletto da nessuno, è stato messo lì dalla Casaleggio Associati. Credi che l’ex-Presidente del Governo più squinternato che l’Italia abbia mai avuto non sapesse qual era il suo tornaconto nell’accettare di fare il “Presidente per caso” con quei due? In merito alla fine del suo mandato in un’intervista aveva dichiarato: “Un minuto dopo tornerò ad insegnare”: credi davvero che lo farà? O che invece dopo aver fatto “l’avvocato del popolo” sfrutterà fama e conoscenze fatte in Europa per fare l’avvocato di ben altri clienti, o chissà cos’altro in politica? Con i suoi due vice ha accettato spesso di fare il burattino invece che il burattinaio ma sapeva bene cosa avrebbe avuto poi in cambio. Il nostro Giuseppe non è scemo e grazie all’aiuto di San Di Maio, San Salvini e San Padre Pio adesso…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.