Cronaca/Interno/Politica/Vittorio Feltri

Vittorio Feltri: “M5S-Pd, mistero buffo”

(Vittorio Feltri – Libero Quotidiano) – Tutto si complica. Ogni minuto qualcuno protesta e pretende qualcosa di più. Organizzare un esecutivo fra cronici litiganti si sta rivelando una impresa più dura del previsto. Di Maio vuole la luna nel pozzo, Zingaretti si irrigidisce e compie tre passi indietro. Conte si agita e cerca di stringere i tempi. La lotta tra Pd e M5S è all’ ultimo sangue.

Un osservatore politico neutrale e distaccato scriverebbe che date queste premesse un accordo di governo non sia possibile, la distanza che separa i due partiti è immensa, incolmabile. Ma noi che siamo cinici e per nulla bari, nonostante la bagarre in corso, siamo convinti che alla fine i contendenti piuttosto che andare a casa e affrontare elezioni anticipate saranno in grado di predisporre una squallida pace armata. E l’ esecutivo più assurdo della storia repubblicana nascerà, zoppo e rimbambito ma nascerà, e tenterà di muovere qualche passo.

Non pensiamo che percorrerà un lungo tratto di strada, però non rinuncerà al tentativo di stare in piedi. Ciò che spinge questi politici da strapazzo a collaborare non è una intesa di massima finalizzata a risolvere qualche problema del Paese, bensì il desiderio di rimanere avvitati alla poltrona. Ne comprendiamo l’ ambizione smodata, che accomuna tutti i componenti del Parlamento, ma segnaliamo loro che non basta la tigna che li tiene avvinghiati al potere per guidare una nazione. Servono un minimo di competenza e spirito di servizio, che non mi pare facciano parte del patrimonio culturale dei grillini e degli ex comunisti, tutti individui improvvisatisi senatori e deputati senza possedere una struttura intellettuale idonea.

Lo stesso Conte che si dà arie da statista è un dilettante allo sbaraglio il quale ha già dimostrato in varie circostanze di non essere all’ altezza delle proprie aspirazioni. Immaginiamo che Mattarella, persona stimabile, sia consapevole di avere a che fare con uomini modesti, e ci stupisce il fatto che non li butti fuori dal Quirinale. Anche questo è un mistero abbastanza buffo.

5 thoughts on “Vittorio Feltri: “M5S-Pd, mistero buffo”

  1. Mistero buffo è che un troglodita come Feltri diriga un quotidiano….e che qualcuno lo compri!

    • Alla faccia della libertà di stampa e informazione. Leggiamo invece solo il Fatto Quotidiano l’unico giornale detentore della Verità (per lo meno quella che fa piacere ai pentastellati)

      • libertà di stampa?in che posizione siamo a oggi?credo molto indietro tra la sessantesima e la settantesima.vogliamo parlare degli editori e di chi prende sovvenzioni dallo stato?a casa mia 2+2 fa’ ancora 4,a casa sua probabilmente no

  2. Errore di È co bravo, il detentore della
    Verità è il Bazzone Cinzuppa, lui si che è “indipendente”. Magna Carta di Quagliarello G. (G.Zunin: “i soldi al Bazzone li ho portati io”.
    ~Libero Quotidiano~ direttore¿ Affrancato dal Bisogno,proprietà Gruppo Angelucci, libero e indipendente. (?)

  3. Errore di È co bravo, il detentore della
    Verità è il Bazzone Cinzuppa, lui si che è “indipendente”. Magna Carta di Quagliarello G. (G.Zunin: “i soldi al Bazzone li ho portati io”.
    ~Libero Quotidiano~ direttore¿ Affrancato dal Bisogno,proprietà Gruppo Angelucci, libero e indipendente. (?)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.