Cronaca/Interno/Marco Travaglio/Politica

Balla senz’anima

(pressreader.com) – di Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano del 08/11/2019 – La prima volta che ho sentito accusare questo governo di “non avere un’anima”, precisamente da Massimo Gramellini e Alessandro De Angelis all’unisono nello studio di Otto e mezzo, ho superato un iniziale moto di stupore e ho lasciato perdere, come si fa con gli amici che hanno mangiato pesante. Ora però che, in rapida successione, ieri e l’altroieri mi sono imbattuto in due editoriali su Repubblica nientemeno che di Ezio Mauro e di Stefano Folli rispettivamente intitolati “L’agonia di un’alleanza senz’anima” e “Un governo senza più anima”, ho cominciato a preoccuparmi. Quando la teologia fa irruzione nella politica, la situazione dev’essere molto più grave di quella – già pesantuccia – che appare. Intendiamoci. Lungi da noi sottovalutare l’importanza dell’anima, che da millenni impegna le principali culture e religioni dell’umanità. Intorno alla sua esistenza, forma, sostanza e destinazione si sono accapigliati teologi, filosofi, papi, vescovi, intellettuali, aperti e chiusi concilii tutt’altro che ecumenici, lanciati anatemi e scomuniche, consumati scismi, bruciati eretici, messi all’indice gnostici, combattute guerre sante. Ma si dava per scontato che ogni eventuale anima fosse saldamente agganciata a ciascun corpo umano.

Ora, all’improvviso, scopriamo da queste anime candide che anche i governi devono averne assolutamente una, altrimenti le mejo firme del bigoncio si incazzano. E qui la questione si fa spessa e l’affare s’ingrossa. Già questo governo, un po’ come tutti del resto, ha le sue belle gatte da pelare: la maggioranza dei Malavoglia (copyright Antonio Padellaro), il marasma dei 5Stelle, l’anemia del Pd, le mattane di Renzi, i sondaggi di Salvini, l’Umbria, l’Emilia Romagna, il debito pubblico e tutte le deliziose eredità del passato, giù giù fino all’Iva e l’Ilva. Ci mancava pure l’anima. Si pensava che un governo, per avere un senso, dovesse avere un programma e una maggioranza in Parlamento, e il Conte 2 li ha entrambi: il programma è un po’ vago, ma c’è; la maggioranza pure, litigiosa ma non più delle altre. Aveva promesso di evitare l’aumento dell’Iva, ci ha messo anima e corpo (anzi solo corpo) e l’ha fatto. Di tagliare un po’ il cuneo fiscale, cioè le tasse ai lavoratori e, sputando l’anima (anzi il corpo), l’ha fatto. Di segare 345 parlamentari e, senza che lo volesse anima viva (a parte i 5Stelle), l’ha fatto. In più ha aggiunto un pacchetto di misure per combattere l’evasione fiscale e ripulire l’ambiente (mai viste sotto i governi precedenti, quelli con l’anima, che l’evasione la condonavano e l’ambiente lo devastavano).

È pure riuscito a risparmiarci i soliti fulmini e saette dall’Unione europea (che erano la norma, quando l’anima regnava sovrana a Palazzo Chigi). E ha finalmente cancellato quell’obbrobrio giuridico e morale chiamato “scudo penale” per i killer e gli avvelenatori dell’ex-Ilva di Taranto. Il tutto in sessanta giorni sessanta, con una maggioranza raffazzonata in quattro e quattr’otto e con l’anima nera di Rignano sull’Arno che lavora per l’altro Matteo, sua anima gemella. Viste le radiose prospettive che si aprivano per l’Italia in agosto, quando Salvini rompeva l’anima per i pieni poteri ed era lì lì per agguantarli, parrebbe già qualcosa. Verrebbe da dire: all’anima! Però purtroppo a questo maledetto governo manca l’anima: forse non c’è stato tempo, forse non ci ha pensato nessuno, forse arriverà per Natale o per la Befana. Ma al momento non se ne intravede l’ombra neppure a cercarla col lanternino. E questo è molto grave, lo riconosciamo, anche se una domanda ci sorge spontanea: ma perché le anime in pena repubblichine che pretendono nientepopodimenoché un’anima dal Conte 2 non l’avevano mai pretesa dai governi precedenti?

La risposta può essere solo una: quelli precedenti un’anima ce l’avevano, ma erano bravissimi a nasconderla a tutti fuorché all’occhiuta redazione di Repubblica. L’alternativa è che al Conte2, appena nato in stato di necessità ed emergenza, si chieda ciò che non era mai stato chiesto agli altri. Ma ciò significherebbe che i neo-animisti sono animati da malafede e pregiudizio, e noi rifuggiamo da questi cattivi pensieri. Dunque, vediamo. Gli ultimi governi della Prima Repubblica, quelli del Caf, un’anima ce l’avevano: quella de li mejo mortacci loro, per dirla alla francese, visto come ci hanno ridotti con le mazzette, le mafie e il debito pubblico. Poi venne B. e anche lui un’anima ce l’aveva: a guardarlo in controluce, nella sede forzista di via dell’Anima, s’intravedeva lo spirito di Al Capone (che però finì al gabbio, anziché mandarci il fratello e gli amici al posto suo). Sulle anime dei governi Dini, Prodi, D’Alema, Amato, Letta e Gentiloni, meglio sorvolare: non si faceva in tempo a cercarle che già erano caduti, però ai teologi di Repubblica piacevano un sacco. L’anima di Monti era più che altro un’imprecazione congiunta di operai, pensionati ed esodati. L’anima di Renzi, custodita nel tabernacolo del Nazareno, si alternava coi fantasmi danzanti di Verdini, Alfano e Lotti. Che apparivano a destra e a manca senza neppure il bisogno di un medium. Una notte l’anima di Luca visitò in sogno babbo Tiziano e i capi di Consip avvertendoli che erano intercettati. Un’altra volta lo spirito di Matteo apparve a De Benedetti e, anziché i numeri del Lotto, gli svelò il decreto Banche popolari, così l’indomani quello guadagnò 600 mila euro in Borsa. Ora, purtroppo, c’è Conte che, non avendo un’anima, non può apparire a nessuno. Ma mettiamoci l’anima in pace: è questione di poco, poi renderà l’anima (che non ha) al Padreterno. E allora, per la gioia dei nostri animisti, toccherà a Salvini. Che è puro spirito. Di mojito.

78 thoughts on “Balla senz’anima

  1. Ormai sono convinto che al partito de La Repubblica sia molto più comodo avere Salvini al governo. E poi lo ha capito anche il Capitano che De Angelis (parlando di anima…) e Gramellini abbaiano ma non mordono. Sono tutti felici e contenti

    • Non solo a quello di Repubblica (ma sarebbe meglio dire GEDI) anche a quello RCS (Cairo). Il loro obiettivo è tornare al vecchio schema già utilizzato ai tempi di Berlusconi (magari utilizzando contro Salvini gli scandali che nella Lega sicuramente non mancano). Questo obiettivo di medio termine si può conseguire solo normalizzando lo schema, il che si traduce nell’eliminazione a tutti i costi dei 5 stelle

  2. Caro Travaglio,grazie per l’ironia ma purtroppo abbiamo poco da ridere: tutte le forze spingono perché questo governo cada! Vedasi il teatrino che hanno messo su per Arcelor, dove escluso FQ tutti gli altri hanno detto solo menzogne per indebolire il governo che si è semplicemente limitato a ristabilire la legalità.
    Vorrò leggere cosa scriveranno e cosa diranno in tv quando il Capitone prenderà i pieni poteri e comincerà a scagliarsi contro la Europa, il nostro spread decollerà e l’economia ne subirà le conseguenze, per non parlare dello scempio sociale che già ha creato
    Io con il Capitone premier non resto in Italia nemmeno un giorno, l’ho già sopportato a mala voglia come ministro delle interiora e mi è bastato….

    • Caro domenico mi sa che se è vero che con il Capitano al timone non resterai in Italia nemmeno qualche giorno ti conviene preparare le valigie e prenotare un volo di sola andata.
      Perfino mattarella ha parlato chiaro:
      O si risolve la crisi Ilva o si va al voto.
      Hai per caso soluzioni per risolvere la crisi Ilva????
      😅😂😁😅😂😁

      Capitano Premier Forever!
      💚🇮🇹💚🇮🇹💚🇮🇹💚
      Meloni ministro degli interni.

      Tra meno di quanto pensi sarà REALTÀ.
      Non chiedo altro.

      • Caro Silvio( e già il nome mi ricorda tempi nefasti) io sono pronto perché ormai da tempo dubito dell’intelligenza umana e il Tuo post non fa che rafforzare il mio dubbio.
        Tu prepara il costume che con la Repubblica dei Kiwi si balla tutti in stile Papeete !!!

      • Il caporale di giornata non mi farà andare via dalla mia Patria, né lui sarà mai premier né la sig.ra Meloni ministro dell’interno.
        Le elezioni NON ci saranno. Il Presidente della Repubblica, se questo governo cade, incaricherà un tecnico che andrà avanti fino al 2023 a colpi di decreti legge. Chi spera, continui pure a sperare tra un cocktail e l’ altro.

  3. libero stato in libera stampa…!!
    legge sul conflitto di interessi….!
    i giornali devono pubblicare sulla prima pagina nome e cognomi dei proprietari padroni nonché i guadagni derivanti dalle pubblicità con la pubblicazione dei nomi delle società/aziende inserzioniste che di fatto finanziano la testata…!
    ciò affinché la gente sia edotta del vero motivo e obiettivo degli articoli che vengono pubblicati…!
    sarebbe da aggiungere pure la pubblicazione degli stipendi dei giornalisti (al guinzaglio dei prenditori predatori…?) ma forse é pretendere troppo…!!!
    sarebbe ora che il MoV porti leggi di tal natura in parlamento e pretenda di farle approvare con la fiducia o, altrimenti, tutti a casa…!

    • E’ necessaria una legge che istituisca la figura dell’editore puro che non ha interessi se non nell’editoria. Altrimenti si utilizza la stampa per deformare la realtà in modo da propagandare altri interessi, altre attività imprenditoriali.
      La trasparenza sui guadagni derivanti dalla pubblicità mi sembra un’ottima idea, così il lettore può valutare meglio l’obiettività della testata. Dovrebbe essere un diritto del lettore avere queste informazioni.

  4. Gramellini un “pusillanime doc”. chissà perchè inizio da una nullità assoluta come MG, scrivendo lo capisco… quando uno come MG, ti spara, è perchè ti vede in difficoltà, ed un tal “pusillianime” non sarà mai dalla tua….specie se hai ragione. La repubblica di Weimar vi dice qualcosa ? Fu propedeutica ad Hitler ed alla dittatura nazista. Quando un governo è claudicante perchè ha tutto il “sistema mafiopolitico contro, la dittatura, è, ad un solo passo.. I nostri peccati capitali ,sempre quelli, l’ “omissione, e la vile rimozione, ripetuti ad infinitum ” sono la causa di tutti in nostri mali. Individui come salvini ce li meritiamo, o meglio, se li meritano coloro che minimizzano, rimuovono i peccati capitali di custui, e di costoro, non perchè non li vedano, ma perchè approvano ed ammirano questo modo ipocrito-arrogante di agire.. Quando offende e denigra Liliana Segre , frasi come “anche lei minacciata come me” evidenziano la natura subdola e pusillanime di costui e di costoro che la minacciano. Incendiano per la seconda volta una libreria a Roma, ardono i libri, e con loro la nostra anima. Mala tempora currunt, per ciò che rimane della nostra Patria,

    • Ma quanto rosichi?
      Il governo non è ancora caduto e già rosichi????
      Hai capito che manca poco e ti stai allenando????
      😂😅😁😅😂
      Va là che al 2023 non ci arriverete MAI!!!!!
      E visto che anche solo alla fine di quest’anno difficilmente sarete ancora al governo ,mi sa che nel 2022 ci toccherà eleggere un Presidente della Repubblica LEGHISTA.
      Fatti già da adesso una buona scorta di maalox & kleenex!!!!
      😅😂😁

      • Magari un sobrio Vittorio Feltri, che già avevate proposto alle ultime elezioni quirinalizie. Andrete al governo, spinti dall’onda del voto delle stesse persone che qualche mese dopo vi rincorrerà per le strade coi bastoni…in questo momento vi viene perdonato tutto, stampa a favore, tangenti, soldi rubati, ma si sa come son fatti gli italiani quando le cose si mettono male

      • Caro stefano dubito che Feltri abbia voglia di presiedere questa Repubblica.
        A parte questo leggo nelle tue parole un quid di rinunciatario.
        Sul giallorosa hai gettato la spugna?
        Mi stai forse dicendo che ho ragione?

  5. Quando i preti ti vogliono intortare, cominciano a parlarti di anima, di provvidenza, di transustanziazione, di ineluttabilità dell’inferno se non segui i loro precetti e del paradiso
    come meta raggiungibile solo se baci le sacre pantofole.
    I secoli e i millenni si ammucchiano l’uno sull’altro, ma questa semplice ricetta per far
    fessi i poveri di spirito funziona ancora e quindi perché cambiarla?
    Ecco quindi che denunciare un partito o un governo di non possedere un’anima o di
    averla persa serve ad evocare nelle menti semplici l’idea che anche tutti coloro che li
    appoggiano abbiano perduto la loro anima immortale e che quindi anch’essi, privi del
    requisito essenziale, siano destinati a bruciare in eterno nelle fiamme dell’inferno.
    A meno che, come Travaglio suggerisce nelle ultime righe del suo articolo, lo Spirito
    Trascendente dell’anima non venga sostituito da altri spiriti, magari altrettanto trascendenti, tipo quelli contenuti nei mojitos.
    In tal caso i vari Don Gramellini, Don Mauro, Don Folli… e tutti gli altri officianti al seguito, non si sogneranno mai di accusare nessuno di essere senz’anima.

  6. Articolo da incorniciare !!! Travaglio ??? Dove arriva Lui nessuno !!! COMPLIMENTI a Lui e anche a tutti i commentatori miei precedenti !!!

    • @Danilo. leggo che ci siamo capiti !! meno male l’unione fa la forza!! ricordiamoci che “le migliori parole devono ancora essere dette….e saranno confortate dai fatti”……

  7. E cosa ci si può aspettare da questi Istituti Luce 2.0 se non propaganda?

    la repubblica è in mano a padroni che non vedono la realtà per via del cappuccio. gramellini deangelis mauro …. e gli altri infiniti sgherri del potere cosa possono fare se non lavorare per il capo?
    Comprati, ricattati, minacciati, o magari semplicemente raggirati … poveracci loro, e fortuna che l’anima e la giustizia divina non esiste, altrimenti andrebbero all’inferno anche da morti oltre a viverselo da vivi (ma vi immaginate la reale condizione della loro anima, se sono disposti a mentire a favore dei nemici della popolazione? Immaginate in che squallore si rotolano giorno e notte?).

    Il lato positivo è che manganelli e olio di ricino colpivano chi aveva capito, mentre la disinformazione tocca a tutti gli altri.
    E’ molto più efficace ma, egoisticamente, la preferisco.

    • Istituto Luce 2.0. ed il “Mi”ti”nculpop”….cosa e chi vi ricorda?? “corsi e ricorsi storici” GB.Vico docet.. ora più che mai….

    • Ti ricordo che in quanto a porcherie di ogni genere il loro caro e democratico (tessera n. 1 del PD) leader, con residenza in Svizzera e un pò di galera alle spalle, non è secondo a nessuno. Anzi lui quelli come i Mittal li adora proprio, vorrebbe essere loro. Peccato che appena ha tentato di mettere il naso fuori dall’Italietta che lo protegge da sempre ha preso solo calci nel culo. Tra l’altro il signor CDB anche in tema di inquinamento ambientale e di morti ne sa qualcosa…

  8. A leggere l’articolo e la maggiorparte dei commenti sembra quasi che adesso repubblica sia diventato un giornale Leghista che vuole far cadere questo governicchio inciuciaro giallorosa perchè tanto incompetente quanto NON ELETTO dal Popolo.
    Temo che a furia di nominare la parola mojito abbiate imparato fin troppo bene ad apprezzarne il gusto e ( soprattutto) lo stato di ebbrezza che ne consegue dopo averne abusato.
    Buon autunno amici…..
    😅😂😁😅😂
    Un bacione a tutti!
    😘

    • Non è leghista ma tifa perché andiate al governo al più presto, perché scommette su un vostro fallimento totale e sul fatto che sarete cacciati a furor di popolo (senza contare le questioni ancora aperte su Russiagate ecc. ecc.). Non è poi così difficile da capire, anche per un leghista…

    • @stefano
      La tua analisi mi sembra un pò contorta….
      Come se una squadra di calcio fosse felice di finire in serie B solo per pregustarsi la promozione in serie A l’anno successivo.
      Boh…..

    • @domenico
      Non so che giovamento ti dia il darmi del troll….
      Se alludi al fatto che qualcuno possa pagarmi per esprimere le mie idee mi tocca ( purtroppo ) deluderti.
      Vorrei solo vedere al governo di questo Paese il BUONSENSO di un centrodx a guida Salvini che continui ( e porti a termine) l’OTTIMO LAVORO iniziato nel conte1 nonostante i pentapippe che remavano contro.
      Ecco.
      Voglio un conte1 senza conte senza pentapippe e con il Capitano al timone.
      Troppo difficile da capire?

      Capitano Premier Forever!
      💚🇮🇹💚🇮🇹💚🇮🇹💚
      Prossima fermata Emilia Romagna.
      ( per il momento….)

      • Buonsenso e Salvini è un ossimoro.
        Incredibile cosa vi ha ficcato nella testa….

      • Silvio hai dimenticato che si chiama “capitan uncino” e voi siete la sua ciurma?

    • Ma non è che Mittal sta facendo un favore a qualcuno che vuole i pieni poteri? Come diceva qualcun altro, a pensare male…

    • Chissà, che tu possa finalmente capire che la devi piantare di ammorbarci l aria e l udito ! ,Ma non hai hai altri posti ,tuoi fratelli, dove continuare a trascinate le anime tue pari! Un conto è commentare ,ma questi tuoi Silvio sono immondi conati di vomito !

      • I conati di vomito ( oltre che da me ) arrivano dalla maggioranza degli Italiani e sono tutti dovuti allo schifo provocato da questo governicchio inciuciaro che non vuole andare alle urne perchè sa che SPARIREBBE.
        rassegnati e rassegnatevi tutti:
        I pentapippe hanno FALLITO.
        😅😂😁😊

        Ps.
        Ricordo a tutti che siamo in DEMOCRAZIA e ho tutti i diritti di esprimere le mie idee.
        O no?

  9. Una politica che, quando pure si presenta nelle forme e/o intenzioni migliori, viene continuamente avvelenata dalla disinformazione di sistema, conferma una volta di più che chi governa veramente questo Paese non siede necessariamente a Palazzo Chigi e che, godendo di una rendita di posizione che non passa per il vaglio elettorale, continuerà a farlo, in modo più o meno esplicito, a dispetto della Costituzione e della sovranità popolare.
    La vera e unica riforma che andrebbe varata subito, già domani mattina, per ripristinare presupposti non negoziabili di democrazia nel nostro Paese è quella che mette mano al sistema radiotelevisivo e della carta stampata ed all’occupazione abusiva che ne fanno da tempo immemore i soliti potentati economici, in barba al pluralismo informativo ed ai fondamentali dello Stato di diritto.
    L’attuazione dell’agenda di governo non può che essere subordinata al realizzarsi di questa precondizione.
    E’ su questo punto che i gialli stanno di mostrando, purtroppo, di essere alle corde, dilapidando in parte quel patrimonio di credibilità che pure sono riusciti a mostrare in questi mesi di governo.
    Non ci stancheremo mai di scriverlo, nella speranza che qualcuno, dentro il M5S, recuperi il grido di speranza sigillato dentro la bottiglia.
    Solo dopo, la politica potrà tornare per davvero al centro della scena pubblica, consentendo ai cittadini di confrontarsi e, perché no, dividersi sui temi concreti.
    Finalmente a carte scoperte.

    • Già ma come fare?
      La tv, come in ogni golpe che si rispetti è già occupata e da decenni, come la liberi? E’ anche piena di generazioni di rccomandati, fedeli ai raccomandatori e a nessun altro, come te ne liberi?
      Se lo chiedi con le buone non ti stanno nemmeno a sentire, se lo fai con la forza ti montano su una campagna propagandistica contro dandoti del dittatore cileno …

      Resta ul fatto che il movimento è riuscito a salire moltissimo pur avendo tutta la disinformazione contro, grazie alla rete, quindi è possibile.
      Ora è in un momento no, ma ne ha avuti anche altri e si è sempre ripreso.
      La tv sta morendo, una nuova democrazia è possibile.

      • Il fatto è che, paradossalmente, stando all’opposizione, dunque alla finestra, il M5S era molto meno esposto di adesso che, alla guida del governo, viene continuamente attaccato, il più delle volte pretestuosamente e con brutalità, per ciò che fa.
        Avere un sistema dell’informazione che ti mette nel mirino è assai più deleterio stando al governo piuttosto che stando all’opposizione.
        Il momento negativo è indotto principalmente da questo: se bersagliano qualsiasi iniziativa prenda, è chiaro che il consenso finisce per calare, in quanto per l’opinione pubblica conta la percezione di ciò che si fa non la sua sostanza!
        E’ per questo che qualunque governo ha un bisogno vitale di un sistema informativo che, se non proprio amico come è sempre accaduto in questi decenni per la partitocrazia, non ti sia pregiudizialmente acerrimo nemico.
        E’ qui che Di Maio & c. avrebbero dovuto ingaggiare un braccio di ferro: o ristabiliamo un minimo di decenza, ovvero di pluralismo, oppure anche il M5S, obtorto collo, è costretto a partecipare alla lottizzazione facendo valere fino in fondo le sue prerogative di forza di maggioranza relativa.
        L’essersi tirati fuori dalla contesa, per dimostrare la propria diversità e onestà intellettuale, li espone ad un volume di fuoco inaccettabile, che, oltre a danneggiare irreparabilmente l’immagine del MoVimento, distorce la percezione della realtà, danneggiando il gioco democratico.

      • Basterebbe, come ho scritto sopra, fare una legge che istituisca la figura dell’editore pure, sia nel settore della carta stampata che nel sistema radiotelevisivo.
        Non deve avere alcun altro interesse imprenditoriale o, tanto meno, politico.
        L’editore deve rispondere solo al lettore/telespettatore. Mi sembra semplice da capire, magari difficilissimo da attuare ma la strada non può che essere questa.
        Non si può imporre la linea editoriale, bisogna creare un sistema in cui l’editore che consente ad un suo giornalista di sparare cazzate entra in conflitto di interessi. Perde credibilità, lettori, pubblico, soldi.
        A berlusconi dei lettori del Giornale non frega una mazza, a lui i giornali servono per curare i suoi interessi imprenditoriali nella TV.

        Quanto alla RAI andrebbe privatizzata ad eccezione di un canale senza pubblicità che faccia solo cultura, zero intrattenimento. Dovrebbe limitarsi a trasmettere i migliori programmi, documentari, filmati che il mercato offre.
        Il pubblico non deve farsi impresa, altrimenti ci ritroviamo sempre sul groppone una pletora di raccomandati fancazzisti inamovibili che gravano sulle casse dello Stato in modo vergognoso e insostenibile.
        E i dipendenti?
        La RAI non deve più assumere PER LEGGE nessuno. Ci vorrà tempo ma in parte potrebbero essere assorbiti da nuovi soggetti imprenditoriali che vogliono investire nel sistema radiotelevisivo.

      • PAUSILYPON
        “…o ristabiliamo un minimo di decenza, ovvero di pluralismo, oppure anche il M5S, obtorto collo, è costretto a partecipare alla lottizzazione…”
        Non si può leggere questa frase.
        Il M5S non dovrebbe servire a se stesso ma al Paese.
        Che senso ha avere il M5S al governo se poi fa le stesse merdate degli altri?
        Che continuasse a fare delle buone leggi, altro che obtorto collo…

    • Mi chiedo quanta acqua deve passare ancora sotto i ponti, quando la famosa goccia trabocchera’dal vaso e quando l’ultima goccia corrosive sarà quella fatale. Credo che moriremo prima di vedere questa luce oltre il tunnel: nell’era globale dell’informatica molto potere occulto, cioè nascosto,di varie e disparate origini, si è assemblato e sembra che ciò a cui si assiste quotidianamente sia solo la facciata di quello che dietro manovra, il palco con bravissimi autori attori che involontariamente o volontariamente si prestano al gioco di una rete globale che protegge il capitale, le autarchie e le oligarchie di monopolio contro lo sperperamento del potere economico acquisito, spendibile in modo molto più proficuo per esempio appoggiando governi o corone in una nuova fase di progresso economico e perché no anche militare delle stesse. Forse. Le mie sono supposizioni, anche deliri da frebbe. Comunque nell’arco di una generazione le cose cambieranno poco e io da vecchietta avrò la minima con un’iva al 27%.

  10. Gustosa e molto piacevole la presa per il c**o di M. Travaglio nei confronti di quella accozzaglia di pennivendoli (l’appellativo usato da Grillo è quanto mai calzante), abituati a governi di altissimo livello, quali quelli che questo paese ha sempre avuto e che l’hanno portato, soprattutto nelle ultime tre decadi, allo splendido livello che tutti possiamo ammirare!
    Certo, riuscire a distinguere tra questa gente chi lecca meglio o chi è trabocca più fiele, non è impresa facile.

  11. “L’Ilva di Taranto l’hanno uccisa le Procure –ha affermato il Prof. Giuliano Cazzola, economista,-. Sul problema ambientale non ci può essere una salubrità assoluta, ci sono delle regole che mettono degli standard. All’ilva sono stati sequestrati 1 miliardo e mezzo di prodotti finiti dicendo che erano il corpo del reato. E’ come se in una città una Procura fermasse tutte le macchine come corpo del reato se i livelli di polveri sottili si alzassero oltre i limiti. Dietro l’ambientalismo straccione ci sono interessi economici di cui questo ambientalismo straccione è vittima. Anche sta menata dei bambini che muoiono… Non sono mai state date delle statistiche. Bisognerebbe andare a vedere le condizioni dei bambini dove non c’è la siderurgia, che muoiono di fame e di sete. La via di mezzo è quella di far crescere una tecnologia, come nel caso dell’automobile che era partita molto inquinante e adesso ci avviamo verso modelli sempre meno inquinanti. Voglio vedere se adesso trovano un commissario che vada ad occuparsi dell’Ilva senza chiedere lo scudo penale”.

    • Il Prof. Giuliano Cazzola economista?
      Ohibò! E chi mai lo ha insignito di tale qualifica?
      Laureato in Giurisprudenza, una vita passata a farsi mantenere dai lavoratori salvo
      poi tradirli pugnalandoli alla schiena non appena ne ha avuto la possibilità, solo
      degli emeriti SuperCazzolisti possono prendere ciò che il vasto Giuliano dice come
      qualcosa di sensato o di utile… come se fosse antani!

      • Assolutamente in accordo ! Cazzola un economista!?? Ma che libri legge costui? È solo uno dei piu grandi ladri della Repubblica, prima,durante e dopo C.

    • Cazzola chi? Quello che è passato dalla raccomandazione del ministero del lavoro a lavorare per la CGIL poi PASSARE NEL partito socialista italiano ad essere eletto nel PDL di Berlusconi poi a scrivere su tutti i giornali di DESTRA E QUASI DESTRA, passare per SCELTA CIVICA difendere la legge FORNERO aderire nel PARTITO FLOP di Alfano ecc ecc più che un economista un saltimbanco!!!!!che cazzo ne sa lui di acciaierie? non ne ha mai visitata una che sia una!!!!!

      La verità è che se chiudono TARANTO ne beneficiano ampiamente le importazioni da altre acciarie del gruppo ACELOR-MITTAL dove guadagna molto di più, Sio tratta solo di SOLDI, Acelor-Mittal spende più per attività di LOBBING a BRUXELLES che per tenere aperta TARANTO. “Prima gli italiani” sono funzionali al loro gioco, e solo sparuti giornalisti informano correttamente, la maggior parte rispondono a logiche e poteri economici che non guardano al “BENE COMUNE” MA SOLO AL LORO INTERESSE PARTICOLARE come quasi sempre nell’Italietta degli staterelli. Chi “prova” a fare l’INTERESSE COMUNE” è guardato con sospetto.

  12. POI CHI CREA IL CLIMA D’ODIO? A NAPOLI TENTATA AGGRESSIONE A SALVINI DA PARTE DI UN ESPONENTE DELLA SINISTRA ITALIANA: LA SCORTA EVITA LO SCONTRO – L’UOMO HA PRIMA CERCATO IL CONTATTO FISICO CON L’EX MINISTRO E POI LO HA APOSTROFATO CON PAROLACCE E OFFESE PERSONALI – NEL CAPOLUOGO CAMPANO SCRITTE CONTRO LA LEGA E IL SUO LEADER CHE PREPARA LA CAMPAGNA PER LE REGIONALI 2020

    • Chi di spada ferisce di spada perisce….non si può continuare ad aizzare il popolo con insulti agli avversari e pensare di restare nella propria bolla!
      Gli è ancora andata bene….

      • Gli UNICI due Statisti che potranno SEMPRE permettersi il lusso di stare in mezzo alla gente SENZA PAURA si chiamano Matteo Salvini e Sandro Pertini.
        Con questo ti tocca conviverci.
        FATTI E NON PAROLE.

      • @Silvio ma salvini statista come Pertini lo hai deciso perché fa rima??!!
        Che i tuoi idoli siano un Partigiano ed un Fascista lascia intravedere il tuo spessore intellettuale….
        Comunque al momento essendosi sparato nelle palle ad agosto è ancora non dico in panchina ma proprio fuori dallo Stadio!

      • A Silvio: primo, Pertini in comune con Salvini può avere, al massimo, la desinenza in -ini del cognome, e stop.

        Secondo, alla notizia che qualcuno ha tentato di aggredire Salvini, (per fortuna riuscendoci solo verbalmente, grazie alla scorta), il tuo commento è che Salvini è l’unico Statista (?) in vita a poter camminare tranquillo tra la folla? Davvero non noti il controsenso? Se è tranquillo scorta allora non gli serve, ma, in questo, caso pare proprio che sia servita. Boh, contento te di rimediare queste figure barbine, scusami per aver interrotto le tue masturbazioni sui sondaggi. Per i fatti, ci vediamo fra tre anni.

    • Il caporale di giornata non mi farà andare via dalla mia Patria, né lui sarà mai premier né la sig.ra Meloni ministro dell’interno.
      Le elezioni NON ci saranno. Il Presidente della Repubblica, se questo governo cade, incaricherà un tecnico che andrà avanti fino al 2023 a colpi di decreti legge. Chi spera, continui pure a sperare tra un cocktail e l’ altro0

      • …la tua si chiama “democrazia diretta” per usare un eufemismo o FASCISMO COMUNISTA !!!

      • FASCISMO COMUNISTA!!! ignoranza assoluta che feccia di fogna c’è in giro, torna alla materna forse riesci a recuperare gli anni di scuola che non hai fatto!!

      • @ pantegana bipolare

        Equiparare il comunismo al fascismo significa aprire gli occhi sulla storia.
        La risoluzione approvata dagli eurodeputati ha suscitato l’ira di alcuni partiti di sinistra. Ma la verità di fondo è che, al di là delle differenze ideologiche, si è trattato di due regimi ugualmente oppressivi…
        …studia caprone, studia !!!

      • Appunto di STORIA non ne capisci una cippa!!!
        Non è leggendo i pensierini da Baci Perugina o la propaganda d’accatto come fai tu che si impara e capisce la storia. Il “manifesto del partito comunista” di Marx è una via al riscatto e l’emancipazione verso la libertà delle classi sfruttate.C’è una grande differenza tra chi vede nell’altro uomo un fratello oppure uno sfruttatore o uno sfruttato e chi invece un “diverso”, un inferiore, da annientare. Un’altra cosa è la sua degenerazione in dittatura. Il fascismo non è solo un movimento politico, ma è anche una condizione psicologica arcaica; una regressione infantile che ci impedisce di crescere, ci spinge a cercare un papà “duce”; è la forza, che sotto i più diversi colori, ci tiene legati alla tribù, al sangue e a quella fame che si trasforma in ingordigia e crudeltà.

      • Perchè Non ci sono dissensi nella LEGA? perchè il CAPITANO (guida, dux) ha sempre ragione? ragionate gente ragionate …chi ha un un cervello naturalmente…

      • Ma come, non conoscete il FASCISMO COMUNISTA? Eppure esiste in tutte le DITTATURE DEMOCRATICHE.

  13. Dal Fq.
    È stato convalidato il fermo di Antonello Nicosia, ex collaboratore di una deputata e attivista radicale, e il boss di Sciacca Accursio Dimino, accusati di associazione mafiosa dalla Dda di Palermo. Il giudice parla di “infiltrazioni gravissime di Cosa nostra negli apparati dello Stato strumentalizzati per fini apparentemente nobili, in realtà volte ad alleggerire il rigore della detenzione dei mafiosi”. Il riferimento è ai rapporti di Nicosia con la deputata Giusy Occhionero di cui l’uomo era collaboratore parlamentare. Ed è pesantissima la valutazione sull’esponente politica. Secondo il gip, l’avvocatessa entrata in Parlamento nelle file di Leu, facendosi accompagnare nelle visite in carcere ai boss da Nicosia, senza aver fatto alcun controllo sul suo passato (il Radicale aveva una precedente condanna per traffico di droga a 10 anni e sei mesi) dimostra o “un grave difetto di consapevolezza” oppure “una connivenza“. Sospendendo il giudizio sulla posizione della Occhionero, al momento non indagata, il gip sottolinea però che “tramite un messaggio proveniente dalle carceri può essere ben ordinato un omicidio e garantita l’operatività di Cosa nostra. con permanente giustificazione obiettiva del regime di carcere duro denominato 41 bis” Nicosia entrava nelle carceri di massima sicurezza con la Occhionero e, utilizzando il suo ruolo di collaboratore della deputata, secondo la Dda, incontrava boss detenuti, portava all’esterno informazioni riservate e sollecitava interventi della donna nell’interesse di capomafia del calibro di Filippo Guttadauro, cognato del latitante Matteo Messina Denaro.
    …Dai travagliato informati, tu che hai le mani in pasta coi Pm, se mentre il Nicosia prendeva ordini la pidiota radicale Occhionero mangiava i popcorn ahahahhahahah
    …magari trovi che c’era pure Salvini ehhh

    • Deputata Occhionero è al governo con i Pdioti e 5stalle vero.
      …ecco immaginate che fosse della Lega. Marcolino travagliato aveva di che cantar messa per un mese, ogni mattina !!!

  14. …a volte han ragione altri guru travagliato!

    MA L’AVVOCATO DEGLI ITALIANI, IL PROF. GIUSEPPE CONTE, SA LEGGERE UN CONTRATTO? – BELPIETRO: ”IL PREMIER HA TORTO: ECCO IL CONTRATTO, NERO SU BIANCO, CON IL DIRITTO DI RECESSO DA PARTE DI ARCELOR-MITTAL QUALORA VENGA CAMBIATO IL QUADRO NORMATIVO. PROPRIO QUELLO CHE È AVVENUTO QUANDO È STATO ABOLITO LO SCUDO PENALE. CHE ORA IL PREMIER È PRONTO A REINTRODURRE. PERÒ FORSE È TROPPO TARDI.

      • chiedetelo al SUPERBONE SUPERMINISTRO Calenda che era ministro al tempo.

    • Belpietro dovrebbe rifare le elementari sempre se le ha già fatte. Il quadro normativo è sempre riferito al contratto e alla possibilità per il governo di attuare modifiche normative sempre relativamente al contratto. Ci mancherebbe altro che un contratto privato possa vietare la modifica legislativa di leggi. Sarebbe assurdo anche per un bambino delle elementari.

    • …la sua, di parte come tutti !!! Piuttosto domandati come mai il travagliato ha insistito tanto a sbocchinare il renzino perchè facesse il governo con i pentastalle ?!?!

  15. Assolutamente in accordo ! Cazzola un economista!?? Ma che libri legge costui? È solo uno dei piu grandi ladri della Repubblica, prima,durante e dopo C.

  16. Articolo fantastico, una efficacissima presa per il culo, il re è nudo!
    E’ incredibile la capacità di Travaglio di smascherare certe meschinità, di fartele vedere in modo così chiaro e cristallino, riesce a farlo efficacemente con un solo articolo di giornale, ad altri giornalisti non basterebbero 1000 pagine.
    Ad avercene di Travaglio nella carta stampata, anche con punti di vista diversi dal suo ma con la stessa libertà di esprimersi, la stessa capacità di scrivere e di indignarsi.
    Che penna!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.