Cronaca/Giustizia/Interno/Politica

La riforma della prescrizione quanti processi coinvolgerebbe?

Il provvedimento targato M5s ha spinto il Pd a chiedere correzioni e scatenato le proteste del mondo dell’avvocatura e di parte dell’opposizione

 

(agi.it) – Sul tema della riforma della prescrizione nel processo penale la maggioranza di governo è divisa. Da un lato c’è il M5s, che difende la norma così com’è, e dall’altro il Pd, che ha chiesto di recente delle correzioni, per evitare che i cittadini possano rimanere teoricamente “ostaggio” dello Stato a tempo indefinito.

La questione, poi, complice anche il costante problema dell’eccessiva durata dei processi in Italia, ha scatenato dure proteste del mondo dell’avvocatura e di parte dell’opposizione.

La riforma prevede che il suo corso rimanga sospeso dopo la sentenza di primo grado, è contenuta nella legge 3/2019 (art. 1 co. 1 lett. e), approvata in Parlamento a fine 2018 dal primo governo Conte. La sua entrata in vigore, tuttavia, è prevista per il primo gennaio 2020. Come abbiamo scritto di recente, questa riforma allineerebbe l’Italia al resto dei grandi Paesi europei.

Ma quanti processi penali coinvolgerebbe la riforma della prescrizione? Andiamo a vedere i numeri.

Quanti processi penali si prescrivono ogni anno

In base ai dati della Direzione generale di Statistica e analisi organizzativa del Ministero della Giustizia, nel 2017 – dati più recenti disponibili –, a cui possiamo sommare quelli relativi alla Cassazione penale, sono stati definiti per prescrizione poco meno di 126 mila procedimenti penali.

Di questi quasi 67 mila erano nelle fasi iniziali del processo, davanti al Giudice per le indagini preliminari (Gip) o davanti al Giudice dell’udienza preliminare (Gup); quasi 27.500 davanti al tribunale ordinario; circa 2.500 davanti al giudice di Pace; poco più di 28 mila in Corte di Appello e 670 in Cassazione.

Cerchiamo ora di dare il contesto a questi numeri, andando a vedere quanti processi vengono definiti ogni anno in Italia, per vedere l’impatto della prescrizione in generale, e quante prescrizioni verrebbero toccate dalla riforma, per vedere l’impatto di quest’ultima.

Il totale dei processi definiti in un anno

Nei Tribunali ordinari nel 2017 sono stati definiti in totale circa 860 mila processi (859.047), tra giudice collegiale (cioè tre giudici), monocratico (un unico giudice), Gip e Gup (per i quali si conteggiano i decreti di archiviazione, le sentenze di rito alternativo e i decreti di condanna esecutivi, ma non i decreti di rinvio a giudizio che portano il processo davanti al giudice monocratico o collegiale di primo grado).

Sempre nel 2017, nelle 26 Corti d’Appello d’Italia sono stati definiti in totale quasi 80 mila processi (78.937), tra sentenze di conferma del primo grado, di riforma e altre. In Cassazione penale nel 2017 sono poi stati definiti quasi 56.500 processi.

In totale, dunque, nel 2017 in Italia sono stati definiti quasi un milione di processi (994.484). Le prescrizioni, in totale meno di 126 mila, hanno quindi inciso per il 12,6 per cento circa delle definizioni.

Ma passiamo ora a vedere che impatto avrebbe la riforma su questa situazione.

Quante prescrizioni verrebbero meno con la riforma

La riforma della prescrizione, che la sospende dopo la sentenza di primo grado, riguarderebbe quindi 28 mila prescrizioni in Corte d’Appello e 670 in Cassazione (dati 2017). Non interesserebbe invece le quasi centomila prescrizioni che avvengono prima della sentenza di primo grado: quelle continuerebbero a verificarsi.

Quindi possiamo dire che la riforma interessi il 23 per cento scarso delle prescrizioni attuali, che a loro volta interessano circa il 12,5 per cento delle definizioni, una su otto.

Conclusione

In Italia vengono definiti circa un milione di processi in un anno (dati 2017). Di questi circa 126 mila vengono definiti per via della prescrizione (poco meno del 13 per cento). Ma di queste 126 mila prescrizioni, meno di 29 mila avvengono dopo la sentenza di primo grado e verrebbero quindi interessate dalla riforma, meno di una su quattro.

Per avere un’idea degli effetti della riforma insomma, basandosi sui dati più recenti si può quindi calcolare che meno del 3 per cento dei processi che vengono definiti (29 mila su circa un milione) verrebbe interessato dalla riforma della prescrizione.

2 thoughts on “La riforma della prescrizione quanti processi coinvolgerebbe?

  1. Chiaro che il Partito Disonesti è contrario alla riforma, sai quanti Disonesti, appunto, si vedono sfuggire una delle loro armi migliori per farla franca! In quanto agli avvocati poi, genia anch ‘ essa fondamentalmente truffaldina, cade una delle loro principali fonti di reddito, allungare la durata dei processi (e le loro fatture) perché i gaglioffi della Casta e non, evadano e sbeffeggino la giustizia .

  2. Questo articolo è fuorviante e superficiale.
    Ammesso che i dati siano corretti, non si considera che:
    1) dal punto di vista “qualitativo”, i reati che si prescrivono più facilmente, compresi quelli dopo la sentenza di 1° (interessati dallo stop della prescrizione e considerati troppo pochi rispetto al totale) sono quasi esclusivamente – aspetto non irrilevante – i reati tipici delle classi dirigenti: ecco perché in galera corrotti ed evasori non ci vanno praticamente mai;
    2) la norma sulla prescrizione, già approvata ma differita a gennaio nell’efficacia, va valutata contestualmente alla riforma della giustizia: le norme in essa contenute, sullo snellimento delle procedure, la velocizzazione delle indagini e le notificazioni in via telematica si ripercuoteranno positivamente anche sulle fasi precedenti all’appello, quindi saranno interessati anche una fetta di quei reati che oggi si prescrivono prima della sentenza di 1°;
    3) la parti della Spazzacorrotti già in vigore contengono similmente delle norme in grado di influire sulla rapidità del procedimento e, dunque, sulla maturazione della prescrizione anche nelle prime fasi (seppur limitatamente a certi reati, quelli accennati al punto uno): agente sotto copertura e trojan informatici, ad esempio, agevolano non poco la raccorta di elementi di prova e permettono di far emergere più facilmente le notizie di reato (per informazioni domandare a Marini e Palamara);
    4) tutto il complesso normativo descritto avrà un notevole impatto a livello di incremento di deterrenza (immediato pure sul versante prescrizione, nonostante l’incidenza concreta si avrà fra qualche anno) per tutti i reati motivati da un calcolo di rischio/beneficio da parte degli autori, così diminuendo a monte la loro commissione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.