Cronaca/Giustizia/Inchieste/Interno

Fuoco amico su Gratteri

(Lucio Musolino – il Fatto Quotidiano) – Dopo la maxi-inchiesta “Rinascita-Scott” contro la cosca Mancuso, è guerra tra magistrati ma ad attaccare al momento è uno solo: il procuratore generale di Catanzaro Otello Lupacchini. Nel mirino c’ è il procuratore della Repubblica di Catanzaro Nicola Gratteri, tra i pm più esposti in Calabria e sempre in prima linea contro la “massomafia”.

All’ indomani dei 334 arresti e dopo aver inferto un colpo durissimo a quel “sistema” di potere che per decenni ha governato la regione, già Gratteri è stato bersaglio di polemiche feroci da parte della deputata del Pd Enza Bruno Bossio per il cui marito Nicola Adamo, il gip ha disposto il divieto di dimora in Calabria.

Polemiche dalle quali ha preso le distanze anche il Pd elogiando il lavoro della Dda di Catanzaro e dei carabinieri di Vibo Valentia che il 24 dicembre hanno visto migliaia di persone partecipare a un corteo per dire “grazie” agli investigatori che hanno liberato un territorio, arrestando i boss della cosca Mancuso e i colletti bianchi al loro servizio.

Durante una trasmissione sul Tgcom, al procuratore generale di Catanzaro è stata chiesta un’ opinione sull’ inchiesta. E in un momento delicatissimo per la magistratura calabrese, arriva la risposta che non ti aspetti proprio quando la Direzione distrettuali antimafia (Dda) guidata da Gratteri è sotto attacco da una parte della politica oltre che dalla ‘ndrangheta.

Le parole di Lupacchini diventano pietre lanciate addosso alla squadra di Gratteri: “Per quanto concerne l’ operazione – ha affermato il magistrato – sebbene questo possa sembrare paradossale, non so nulla di più di quanto pubblicato dalla stampa, in quanto vi è la buona abitudine da parte della Procura distrettuale di Catanzaro di saltare tutte le regole di coordinamento e collegamento con la Procura generale”. In sostanza, Lupacchini lamenta che Gratteri, dopo aver avvertito la Direzione nazionale antimafia, come prevede il regolamento, non ha fatto lo stesso con il suo ufficio.

“Buona abitudine” a parte non c’ è una norma che obblighi le Dda a informare le Procure generali prima degli arresti. Lupacchini la pensa diversamente: “I nomi degli arrestati e le ragioni degli arresti li abbiamo conosciuti soltanto a seguito della pubblicazione sulla stampa che evidentemente è molto più importante della Procura generale contattare e informare. Al di là di quelle che sono poi, invece, le attività della Procura generale, che quindi può rispondere soltanto sulla base di ciò che normalmente accade cioè l’ evanescenza come ombra lunatica di molte delle operazioni della Procura distrettuale di Catanzaro stessa”.

Un attacco frontale che Lupacchini, intervistato dal Fatto Quotidiano, ieri conferma facendo l’ esempio dell’ inchiesta “Lande desolate” nell’ ambito della quale era stato disposto il divieto di dimora per il governatore della Calabria Mario Oliverio poi revocato dalla Cassazione. Per il procuratore generale di Catanzaro si tratta di “esiti che non hanno confortato il trionfalismo della presentazione. Parliamo di ‘Lande desolate’ e di tanti altri processi nei quali la Cassazione è intervenuta censurando il pregiudizio accusatorio e l’ inconsistenza indiziaria.

Almeno in questo anno i risultati sono stati molto al di sotto delle aspettative. Quando si catturano tante persone che poi vengono rimesse in libertà o si censurano i provvedimenti, non da parte mia ma da parte della Corte di Cassazione, tacciandoli di pregiudizio accusatorio e di evanescenza indiziaria, chiaramente questo è un dato che posso permettermi di esprimere perché fondato sui fatti e non sulle impressioni”.

“Di quella frase – continua il suo attacco Lupacchini – risponderò di fronte a chiunque, perché ci sono gli atti che dimostrano che certe indagini sono evanescenti. Non ha visto come son finite tutte le indagini del signor Gratteri? Il Consiglio superiore della magistratura, il ministro e il procuratore generale (della Cassazione, ndr) sono stati ampiamente informati di quel che ho detto”.

E mentre Gratteri non risponde alle sollecitazioni e decide di non partecipare alla polemica, Lupacchini nega che ci sia una “guerra tra magistrati”: “È un’ invenzione di qualcuno – dice – che tende a mettermi sullo stesso piano di una persona con cui obiettivamente non ho nulla a che fare e che apprezzo moltissimo.

Guerra col dottore Gratteri non ce n’ è. È solo nella mente di qualche testa bacata che non sapendo come passare il tempo e come gonfiare le notizie mette in giro una guerra tra me e Gratteri”.

Eppure sia Lupacchini che il procuratore di Catanzaro, l’ estate scorsa sono finiti al Csm. La vicenda è poi rientrata, ma il motivo era lo stesso. Il primo, infatti, lamentava il mancato coordinamento dei due uffici nella trasmissione a Salerno degli atti relativi al procuratore di Castrovillari Eugenio Facciolla comparso nell’ inchiesta su un carabiniere, poi arrestato per concorso esterno con la ‘ndrangheta. Il secondo non ci stava a passare per disonesto e ha portato Lupacchini davanti al Consiglio superiore della magistratura, che se da una parte ha messo una pezza allo scontro, dall’ altra a novembre ha mandato via da Castrovillari Facciolla per il quale la Procura di Salerno ha chiesto il rinvio a giudizio per corruzione.

Una decisione che, evidentemente, Lupacchini non condivide al punto che sui social promuove la petizione di change.org affinché il Csm riveda la scelta di trasferire Facciolla al Tribunale civile di Potenza.

4 thoughts on “Fuoco amico su Gratteri

  1. Da manuale …
    Nella guerra in corso con le mafie un generale ottiene finalmente un’importante vittoria, e i suoi superiori … lo criticano.

    Viene da chiedersi da che parte stia ‘sto lupacchini, se stia dalla parte dello stato o delle mafie.

    Si capisce anche troppo bene allora perchè Gratteri non gli faccia sapere niente.

    • Per certi ambienti Gratteri ha commesso un errore imperdonabile: ha pronunciato una parola tabù: MASSONERIA, per di più associandola ad attività mafiose.
      Avrebbe dovuto fare come han fatto TUTTI gli organi d’informazione, prima e dopo la retata, che si sono ben guardati dal riprendere la sua denuncia.
      Massoneria? Che roba è? Sembra che nessuno sappia che cosa sia e come operi
      in Italia, in Europa e oltre Atlantico.
      “Vietato disturbare il manovratore” stava scritto su una targhetta d’ottone su tutti
      i tram e Gratteri ha avuto il coraggio di farlo… glie la faranno pagare molto cara!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.