Cronaca/Interno/Politica/Sanità

Ora si svende anche la salute e la sanità pubblica: ecco i Pronto soccorso privati

(Gianluigi Paragone – ilparagone.it) – Diciamolo forte e chiaro, ce n’è bisogno: le strutture che erogano servizi legati a diritti fondamentali per i cittadini, come i Pronto Soccorso, devono restare saldamente in mano pubblica. La notizia è partita dal Piemonte, e l’ha diffusa La Stampa, ma si sta allargando a macchia d’olio su tutto il territorio nazionale. Perché il business, anche qua, sarebbe enorme, e tutto, come sempre, a discapito dei cittadini, soprattutto dei più deboli e fragili economicamente. Uno degli ultimi dogmi della Sanità, la concezione dei pronto soccorso come strutture pubbliche, svapora nel commento dell’assessore regionale piemontese: i privati hanno dunque il semaforo verde per aprire i loro pronto soccorso nelle strutture di maggiori dimensioni. È stato dunque aperto un tavolo con i privati: “Il pubblico, da solo, non può più farcela”.

Dice l’assessore piemontese Icardi: “Mantenendo la gestione sotto il controllo pubblico, naturalmente. Nel senso che continuerà a governare e a decidere il primario. È l’unico modo per salvare la situazione”. Ecco perché, nell’ottica di un servizio pubblico “che non ce la fa più”, non si scandalizza di fronte a uno scenario dove i pronto soccorso tradizionali, pubblici e “generalisti”, convivranno con altri: attivati da gruppi privati convenzionati e specialistici, cioè limitati alla trattazione delle specialità seguite nelle cliniche (Cardiologia, Ortopedia, Traumatologia).

I “prenditori” li faranno funzionare, certo, ma trattandosi di velociraptor si mangeranno pure i pazienti… I pronto soccorso non funzionano perché c’è da rivedere, non da buttare, tutta la medicina di base e le stesse procedure sanitarie che non funzionano in quanto farraginose. Ma la soluzione non è il privato. La nostra sanità pubblica non può cedere il passo ai privati, specie nei pronto soccorso. Il privato non ha alcun interesse a contenere i costi evitando esami inutili, per cui il rischio è che si arrivi all’ennesimo divario tra ricchi e poveri e allo svuotamento di un altro bene pubblico fondamentale.

Montano subito, e per fortuna, le prime polemiche, soprattutto in Piemonte, dove la situazione sembra più avanzata rispetto ad altre regioni italiane che comunque si stanno accodando. In un momento in cui si parla invece della necessità di statalizzare (Alitalia, le autostrade, l’Ilva…), ecco qua che le Regioni svendono ai privati. Questo è un altro terreno su cui si dovrà far battaglia.

8 thoughts on “Ora si svende anche la salute e la sanità pubblica: ecco i Pronto soccorso privati

    • Non esiste più la lega lombarda è stata seppellita in un belsito con 49 milioni di Euro…ora avete aperto anche ai terroni che una volta puzzavano….ma ora i voti sono come pecunia…..non olet!

    • Egregio Arturo71 la sua frase significa: : “prega e sempre Lega Lombarda”
      Che cosa vuol dire?
      Se intende “adesso e sempre”,
      dovrebbe scrivere “nunc et semper”.
      Perché non parla come magna?
      Così, rischia di essere ridicolo con il suo “latinorum”.

      • Ma che dici?
        Arturo71 parla o, meglio, già scrive come magna!
        Su quello che magna è meglio non indagare.

  1. Il sig. Paragone sta dicendo che la Lega e la destra voglia svendere la “sanità pubblica” a favore della Privata?

    Eppure è stato direttore LA PADANIA, vicedirettore e direttore di LIBERO (quotidiano berlusconiano filoleghista), vicedirettore Tg1/Tg2 (in quota Lega e destra)…

    Suvvia… Se ne accorge ora?

  2. Lug 2019
    ” Bocciata la privatizzazione degli ospedali, Di Sapia (Pd): “L’assessore Viale e la Lega ammettano le loro responsabilità, diano delle spiegazioni”

    “….L’iter di privatizzazione voluto dalla Lega che CI GOVERNA IN REGIONE in Regione non sta dando i suoi frutti….”

    https://www.google.com/amp/www.savonanews.it/2019/07/12/amp/argomenti/sanita/articolo/bocciata-la-privatizzazione-degli-ospedali-di-sapia-pd-lassessore-viale-e-la-lega-ammettano-le.html

  3. Al privato neanche i costi dell’edificio gli fanno pagare, e poi i poveracci di cui sopra se la prendono in culo ma votano contenti per il loro idolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.