Cronaca/Interno/Salute

I sette segnali premonitori dell’infarto

(liberoquotidiano.it) – L’infarto colpisce all’incirca 120mila persone all’anno, 25mila delle quali non fanno in tempo ad arrivare in ospedale. Eppure c’è un modo per capire, un mese prima, se si sta per verificare un attacco di cuore. Sono sette i segnali premonitori che possono avvisare se c’è qualcosa che non va nel nostro corpo.

Per prima cosa non va presa sotto gamba la sudorazione eccessiva, da tenere d’occhio se non è collegata al caldo, a disfunzioni tiroidee, al cancro o alla menopausa. Poi va tenuta controllata l’aritmia o la tachicardia, così come la dispnea (la difficoltà nel fare respiri lunghi e profondi). Quest’ultimo campanellino d’allarme può manifestarsi anche sei mesi prima l’infarto. Ma non solo, bisogna fare attenzione anche alla nausea, sia che questa si verifichi a stomaco pieno che a stomaco vuoto.

Attenzione poi al  senso di profonda insonnia accompagnata da fiacca (entrambi dovuti ai tessuti meno ossigenati perché il cuore sta soffrendo). Da tenere monitorate anche le calvizie e l’aumento della pressione arteriosa con forti mal di testa ed emorragie dal naso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.