Cronaca/Inchieste/Interno/Politica

Ritorna Belsito: la cassa di soldi e l’aiuto del Trota

L’EX TESORIERE DELLA LEGA NORD (QUELLO DEI FONDI SPARITI) CHIESE A RENZO BOSSI DI ORGANIZZARE UNA SPEDIZIONE DALL’AFRICA

 

(di Luigi Franco e Thomas Mackinson – Il Fatto Quotidiano) – Un aereo cargo russo, una cassa con milioni di euro in contanti sparita nel nulla. E una partita di oggetti d’arte della Costa d’Avorio. Sono gli elementi di una strana vicenda che unisce ancora una volta gli ex compagni di partito e di processo Francesco Belsito e Renzo Bossi. Condannato per i fondi della Lega, costati al partito una confisca da 49 milioni, Belsito cerca affari in Africa come consulente e investe soldi “per conto di amici”. Questo ha spiegato nell’’intervista condotta per Sono le Venti, il programma di approfondimento giornalistico di Peter Gomez sul Nove.

Tra gli investimenti dell’ex tesoriere della Lega salta fuori l’artigianato locale. Belsito, che per sua stessa ammissione ne sa poco o nulla, l’anno scorso ha tentato di esportare ben 138 casse contenti 700 statue di legno: 50 elefanti, 50 scimmie, 300 maschere, 200 statue e 100 ippopotami. Il dettaglio si legge nell’autorizzazione rilasciata dal Museo del costume di Grand Bassam, l’ente che in Costa d’Avorio dà il nullaosta all’uscita dal Paese di manufatti locali. Sul documento è indicato il proprietario della merce, ed è proprio Belsito, con tanto di numero di passaporto.

A occuparsi del trasporto vengono chiamati imprenditori russi che mettono a disposizione un aereo cargo. Ed è qui che entra in scena Renzo Bossi. È stato l’ex “trota” a metterli in contatto con Belsito e chiedere loro i preventivi. Alla fine, però, il trasporto salta. E qui le versioni dei protagonisti divergono. Secondo gli imprenditori, incontrati dai cronisti a Mosca, le casse vengono fermate nel giugno 2019 ad Abidjan, la capitale della Costa d’Avorio, prima di partire per Istanbul, la destinazione prescelta per le casse. “Durante un’ispezione viene aperta una cassa, era piena di banconote da 100 euro”, raccontano mostrando la foto di un baule colmo di denaro. “C’è anche una scatola di diamanti. Noi non ne sapevamo nulla”.

Bossi, raggiunto mercoledì scorso sotto la sua abitazione milanese, dice di essersi occupato solo dei preventivi per il trasporto aereo, su incarico dell’ex compagno di partito. Alla fine il migliore è quello dei russi: 120mila euro. “Questa non l’ho mai vista”, dice in lacrime appena gli viene mostrata la foto della cassa piena di soldi. “Mi sono cagato sotto”. Sostiene che l’aereo non sia mai arrivato ad Abidjan, perché Belsito, nonostante il contratto, non ha mai versato l’acconto agli imprenditori. Promette un’intervista per l’indomani, in modo da chiarire tutti i dettagli della vicenda. Ma anziché venire all’appuntamento, rilascia una intervista al quotidiano Libero in cui accusa i giornalisti di volerlo fregare e di averlo intimidito. Cosa in realtà mai avvenuta. Aggiunge di non saper nulla dei “traffici” di Belsito e di essere tornato in contatto con l’ex tesoriere dalle Lega dopo il processo solo “per carineria”.

Dal canto suo Belsito, ammette di essersi interessato a una partita di oggetti d’arte tribale, ma sostiene che l’affare è andato a monte quasi subito. E sulla cassa piena di soldi? “La cassa non esisteva, sono stato truffato anch’io da un avvocato d’affari locale che mi ha mostrato quella foto per convincermi a lavorare con lui. Ho perso 200mila euro”. Eppure esiste un video, in mano agli imprenditori russi, in cui Belsito, alla presenza di Bossi, parla di una cassa ad Abidjan. Il video, insieme ad altri documenti e interviste esclusive verrà mandato in onda da Sono le Venti, nel corso di una inchiesta a puntate che inizia questa sera.

5 thoughts on “Ritorna Belsito: la cassa di soldi e l’aiuto del Trota

  1. Non so se nella faccenda vinca più il tragico o il comico. Pensare che gente simile o compagna di questa debba governare l’Italia è grottesco.

  2. Eh si, cara Viviana, hai proprio ragione. E non siamo stati governati solo da “questi” ma in “ottima” compagnia quali il plurinquisito e pluriprescritto insieme ad altri degni manigoldi che hanno impestato il Paese di illegalità, disonestà, arrivismo, cialtroneria, servilismo, furbizia, disonestà, egoismo, delinquenza…(potrei continuare!) al punto tale che non basterà un ventennio per attenuare questo malsano modus operandi!

  3. Ancora non l’hanno perso il vizio di commerciare con i negher? Eppure non è la prima fregatura che rimediano.

  4. Non c’è articolo di questi giornalisti di sinistra che scavano inventano si stracciano le vesti i capelli ora dopo ora giorno dopo giorno incessantemente all attacco della pelle dei politici di destra e di chi non la pensa come loro, vanno nei meandri dei tribunali scartabellano creano problemi inesistenti anche quando non ci sono, con in corpo il veleno più potente che esiste im natura l odio di caino.
    Complimenti.

    • Complimenti a te per la costanza con cui ripeti, come un perfetto pappagallo multinick, le tue giaculatorie basate sul nulla, rendendo evidente a tutti il concetto di nulla assoluto. Salutaci Morisi quando lo vedi per la mancia, e digli che si vede che ha iniziato a chiudere i cordoni della borsa per risparmiare. L’anno prossimo niente Thailandia?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.