Cronaca/Europa/Interno

Da aprile 2020 scompare l’obbligo di indicare sempre l’origine di pasta, riso, latte e altri prodotti

(greenme.it) – Dal primo aprile 2020 cambieranno le regole sulle etichette alimentari. I produttori saranno costretti ad indicare in etichetta l’origine degli ingredienti principali dei loro prodotti solo in alcuni casi. Cerchiamo di fare chiarezza.

Attualmente nel nostro paese è obbligatorio indicare in etichetta, ad esempio sulle confezioni di alimenti come pasta, riso, latte e passata di pomodoro, la provenienza della materia prima utilizzata. Il consumatore può così avere un’indicazione chiave per capire ad esempio se quel cibo è made in Italy.

Questa specifica era prevista nel Regolamento 1169 del 2011 che concedeva agli Stati membri dell’Ue di ampliare i dettagli riportati in etichetta. Grazie ai decreti Origine, varati durante legislature precedenti, l’obbligo di indicare la provenienza è diventato attuativo, ma questo solo fino al 31 marzo 2020.

Dopo questa data quello che accadrà è ancora incerto. Se l’attuale governo non interviene potremmo veder scomparire in molti casi questo tassello importante che ci aiuta a scegliere più consapevolmente quello che acquistiamo. Dal 1° aprile entrerà infatti in vigore la nuova etichettatura di origine dell’Ue.

Si tratta del regolamento esecutivo UE 775/2018 (recante modalità di applicazione dell’articolo 26, paragrafo 3, del regolamento (UE) n. 1169/2011 ) che prevede che, solo in alcuni casi, vi sia l’obbligo di indicare la provenienza della materia prima in etichetta. Tutti gli stati membri, ad eccezione di Germania e Lussemburgo che si sono astenuti, hanno approvato questa novità.

Ma effettivamente cosa cambia?

Le novità sull’origine in etichetta dal primo aprile 2020
Il nuovo regolamento Ue si applica solo quando c’è il rischio che il consumatore si possa confondere sulla provenienza di un alimento in quanto ad esempio vi sono diciture, illustrazioni, simboli o termini sulla confezione che si riferiscono a luoghi geografici.

Facciamo un esempio. Se su un pacco di pasta compare la bandiera tricolore o un altro simbolo universalmente noto dell’Italia, e il grano utilizzato per realizzarla non è italiano, allora il produttore è obbligato a riportarlo in etichetta. Altrimenti no.

Un regolamento più flessibile, dunque, e un passo indietro rispetto alla situazione attuale che permetterà a molti produttori di soprassedere su un’indicazione che è invece molto importante, ossia quella relativa alla provenienza dell’ingrediente primario di uno specifico prodotto. Come spiega la normativa europea con “ingrediente primario”, si intende:

“l’ingrediente o gli ingredienti di un alimento che rappresentano più del 50% di tale alimento o che sono associati abitualmente alla denominazione di tale alimento dal consumatore e per i quali nella maggior parte dei casi è richiesta un’indicazione quantitativa”.

Il regolamento non si applica ai prodotti Dop, Igp e Stg né a quelli a marchio registrato che a parole o con segnali grafici, indicano già di per sé la provenienza del prodotto. Questo particolare è rischioso dato che in questo modo le aziende che falsificano il cibo italiano potranno continuare a vendere indisturbate proprio grazie al fatto di avere un marchio registrato che richiama all’Italia.

Inoltre, il regolamento Ue che entrerà in vigore ad aprile lascia anche molta flessibilità sul riferimento geografico dell’origine dell’ingrediente primario (da Ue/non Ue, fino all’indicazione del Paese o della regione).

La Francia ha già chiesto una proroga per i suoi decreti Origine sull’indicazione di provenienza del latte e la carne usata in preparazioni alimentari.

E l’Italia? Il nostro paese prenderà provvedimenti simili o davvero da aprile vedremo scomparire, nella maggior parte dei casi, l’indicazione di origine in etichetta alla quale ci siamo abituati?

4 thoughts on “Da aprile 2020 scompare l’obbligo di indicare sempre l’origine di pasta, riso, latte e altri prodotti

  1. AVVELENATORI. L’Organo che ha promosso questo regolamento andrebbe denunciato per associazione a delinquere finalizzata alla truffa in commercio.

  2. Il governo deve opporsi con determinazione. Altrimenti in piazza e finiamola con la UE.

    Inviato da smartphone Samsung Galaxy.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.