Campania/Cronaca/Guardia Sanframondi/Interno

Un sindaco per mancanza di prove

Da quando dieci anni fa è diventato sindaco di Guardia, Floriano Panza ha fatto una straordinaria rivoluzione virtuale: ha sostituito la Pubblica Amministrazione con la Pubblica Ricreazione. Già, perché il vero core business della sua sindacatura non è mai stato la noiosa, pallosa, normale gestione amministrativa fatta di giunte e di consigli comunali, lamentele dei cittadini, di buche da asfaltare, marciapiedi da ultimare, scuole da accomodare, ma quel che si è fatto prima e dopo e magari durante la ricreazione. Essendo pindarico e volendo volare alto, il sindaco per mancanza di prove, durante la ricreazione, ha puntato tutto sull’Io. E intorno a lui tutto si è rivelato rigorosamente Univoco, Monoteista, Florianocentrico, tutto ruota intorno all’Uno. La Volontà di Potenza, come visione. Non c’è stato progetto per la propria comunità, se non in funzione dell’Io. Sannio Falanghina European Wine City 2019, è l’apice della potenza, della gloria, del sindaco per mancanza di prove. Global, chic, con lui sempre al centro: “Falanghina significa vino ma ogni goccia parla al mondo anche di Sannio, turismo, tradizione, cultura e sviluppo sostenibile”. Che importa se poi accade che dopo un anno vissuto pericolosamente gli operatori sanniti del settore, le istituzioni,  sono lì a contestare la gestione egocentrica e assolutamente inconcludente dell’evento: roba mai vista, da Guinness dei primati. Che importa se per stupirci con effetti speciali, il sindaco per mancanza di prove si inventa la Valle del Vino e il progetto BioWine (Biological Wine Innovative Environment), un ambizioso programma che, a suo dire, prevede il trasferimento di buone pratiche di gestione dalle terre del Prosecco al Sannio, in una prospettiva legata “allo sviluppo sostenibile”. Da Bacco a Greta. Che genio. Tutto bellissimo. Probabilmente all’ingresso della Country House di famiglia subito dopo la cerimonia di chiusura al Grand Hotel si è già eretto un monumento equestre da solo. Che fantasia. La tappa del Giro d’Italia 2021: “In settimana a Milano abbiamo raggiunto un accordo con il direttore generale del Giro d’Italia..” Che potenza, che attributi, che audacia. Chapeau, applausi, standing ovation. Se poi qualche maligno sussurra e insinua che c’entrano qualcosa le prossime regionali, è solo invidia. E se qualcun altro insinua che i prezzi degli espropri per l’alta capacità ferroviaria verranno comunicati agli interessati a ridosso delle prossime amministrative, e solo malevolenza. Figuriamoci cosa accadrà se e quando andrà in porto la candidatura per far diventare patrimonio Unesco la Valle telesina. Gli faranno la ola in tutte le vie e le piazze: da Guardia a Conegliano? Che dire, Guardia lo sa, il guardiese elettori lo sa e lo sa anche il leone in pietra posto davanti l’Annunziata che uno così (egolatra per professione) non sta a cuccia, al posto suo, mani conserte; no, deve stare sempre al centro della scena. Un po’ come fare il presentatore del Festival: un tipico lavoro da pensionato, comodo e pure redditizio…

Raffaele Pengue

Noi Cittadini per il Sud

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.