Cronaca/Editoriali/Interno/Politica

Luisella Costamagna: “Il governo sempre appeso a un Matteo”

(di Luisella Costamagna – Il Fatto Quotidiano) – Che spettacolo! Rieccoci al governo Conte appeso a un Matteo. Ma è una maledizione? Cos’ha fatto di terribile “Giuseppi”, in una vita precedente, per meritarsi questa pena? Ha pestato talmente i piedi a un Matteo che s’è beccato la profezia nefasta: “Ne incontrerai continuamente sulla tua strada e proveranno in tutti i modi a farti le scarpe”?

Che spettacolo! Il Matteo di Rignano, a oltre tre anni dall’abbandono della politica e a sette dal “basta ai veti dei partitini”, dall’alto della sua creatura da 3-4 per cento (ma c’è chi ipotizza addirittura il 2 per cento e, considerando “un margine d’errore nei sondaggi di 2 punti, potrebbero essere prossimi allo zero”, dicono gli esperti), fa proprio, modernizzandolo, il detto cartesiano: m’agito dunque sono. Incurante dell’opinione degli italiani, che a maggioranza promuovono il blocco della prescrizione e in stragrande maggioranza (77 per cento) pensano che la sua battaglia contro la riforma Bonafede sia fatta al solo scopo di cercare visibilità (le inchieste di amici e parenti non c’entrano, eh), alza ulteriormente il tiro.

Certo, non annuncia la rottura con Conte (ma – spettacolo irresistibile – dichiara che la prossima settimana lo incontrerà “per mettere fine al teatrino”… lui!), ma in compenso non rinuncia alla rottura… (e che rottura):

Punto 1: se non verrà cancellata la riforma della prescrizione entro Pasqua, Italia Viva (e vegeta, soprattutto) presenterà la mozione di sfiducia a Bonafede;

2) abolizione del Reddito di Cittadinanza, che è un “fallimento”, per “mettere i soldi nel taglio delle tasse alle imprese” (aridanghete, i miliardi già dati non bastano? No, visto che non ce ne siamo accorti);

3) elezione diretta del premier, ribattezzato “Sindaco d’Italia”. Tradotto: ora che il governo, faticosamente, ha portato a casa la manovra, disinnescando l’aumento dell’Iva e facendo tornare i conti, si possono far ripartire i giochi di Palazzo. Chessò, un nuovo Nazareno sulle Riforme, che tanta fortuna gli ha già portato una volta… dritto dritto fino a Palazzo Chigi.

E chissenefrega dei 2,3 milioni di italiani in difficoltà che col Reddito di Cittadinanza hanno tirato un respiro di sollievo e dei primi 40 mila che hanno trovato un lavoro (e se lo perdono subito, come raccontato al Fatto, senza Reddito non avrebbero diritto a un sussidio). Chissenefrega se adesso quel respiro torna a bloccarglisi in gola e restano in apnea in attesa di capire se, tra uno slalom pachistano e un convegno saudita, Matthew (aspirato pure lui: fa un po’ Toscana, un po’ ribalta internazionale) avrà la meglio.

Che spettacolo! Sentire l’ex sindaco di Firenze – ed ex presidente della Provincia, ex premier, ex segretario Pd… ex Tutto – lanciare l’elezione diretta del Sindaco d’Italia, manco pensasse di poter essere lui (mica crede davvero che gli italiani lo sceglierebbero? Hanno già dato. Non c’è un Marattin, un Cerno, uno Scalfarotto che gli apra gli occhi? Dobbiamo appellarci alla Boschi?).

Che spettacolo! Che tutto questo venga annunciato – in Parlamento? Macché – a Porta a Porta! Ormai le condizioni/minacce si dettano in tv (o sulla stampa, sui social o al Papeete). D’altronde se le aziende considerano i cittadini consumatori, alcuni politici – forse perché si credono conduttori – ci considerano telespettatori. Che spettacolo, nel vero senso della parola!

Deprimente, ma pur sempre spettacolo. Quando i titoli di coda?

7 thoughts on “Luisella Costamagna: “Il governo sempre appeso a un Matteo”

  1. Eh eh eh eh eh eh eh eh….
    Francia o Spagna… Purché se… Magna…..
    Rosica Rosica…
    Giuseppi stai sereno..

  2. Cosa aspettano ad arrestarlo e a sbatterlo in galera per sempre ! 168 milioni di euro per lo sfizietto dell ARF ( air Force Renzi) mai utilizzato! che paese del tubo ! Sono intenzionata a non pagare mai piu le tasse se servono a soddisfare i vizietti di 2 pazzi furiosi! Già ci bastavano i ladri istituzionali!

    • Elena, cosa vuoi che siano 168 milioni di € del superaereo presidenziale rispetto
      ai 49 miliardi fatti scomparire dalla Lega e di cui si parla da anni?
      Come dici?
      Che anche quelli fatti sparire dalla Lega sono milioni e non miliardi?
      Perbacco! Hai ragione! Cioè ‘sto scherzetto del Renzaereo è costato al contribuente tre volte di più del magheggio legaiolo e giornaloni e TV praticamente non ne parlano?
      Ho il sospetto ci sia qualcosa che non va nell’informazione.😎

  3. Articolo divertentissimo. grande Luisella, sempre bravissima e bellissima (ah no scusate, bella non si può più dire ad una donna).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.